Dal Mississipi “tappeto rosso” anti-tasse per i ricchi francesi

di REDAZIONE

Sulla scia della provocazione lanciata dal premier britannico David Cameron, anche il governatore del Mississippi si è detto pronto a stendere un “tappeto rosso” ai contribuenti francesi più importanti che vogliano evitare l’aumento delle tasse promesso dal presidente Francois Hollande. Con un intervento sul sito di Foreign Policy, Haley Barbour ha invitato i “milionari francesi tartassati” ad andare nel Mississippi.

“Siamo uno Stato con un’imposizione fiscale bassa e filo-azienda, potremmo svolgere un tappeto rosso e issare la bandiera tricolore su Fort Maurepas”, la prima colonia francese nel Mississippi. “Io stesso ho un vecchio nome ugonotto – ha fatto notare Barbour – e il mio trisavolo Louis LeFleur, un francese, ha fondato attorno al 1800 un luogo di scambio commerciale che poi si è sviluppato fino a diventare Jackson, la capitale del Mississippi”, ha spiegato il governatore repubblicano, che chiude l’intervento con un “Bienvenue, mes amis!”, in francese nel testo. Stato repubblicano, il Mississippi ha siglato un “impegno a proteggere il contribuente”, un’iniziativa lanciata da una lobby conservatrice attraverso la quale i firmatari si impegnano a non aumentare le tasse. Durante la campagna elettorale Francois Hollande aveva promesso di introdurre una nuova aliquota fiscale del 75% per tutti i redditi superiori al milione di euro.

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

RIFIUTI: ITALIA AL 20° POSTO IN EUROPA NELLO SMALTIMENTO

Articolo successivo

Monti, prima “sconquassa” i partiti tedeschi poi “asfalta” quelli Italiani