Dal Lingotto all’hotel et de Milan: lo “slalom” del prode segretario

di TONTOLO

Aperitivo al Grand hotel et de Milan tra Roberto Maroni e i sostenitori della lista civica creata in vista della sua corsa alla presidenza della Regione Lombardia. Nel lussuoso albergo a due passi da via Montenapoleone, il segretario federale della Lega Nord ha incontrato alcuni dei rappresentanti della societa’ civile che si candideranno nella lista ‘Maroni presidente’. “Non e’ una presentazione, ma un appuntamento per conoscersi  e celebrare anche il ventennale della morte di Gianni Brera“, ha spiegato il leader del Carroccio, conversando coi giornalisti che non hanno avuto accesso alla sala. “La lista sara’ formalizzata quando si sapra’ la data del voto”, ha spiegato, “ne fa parte gente che non ha alcuna tessera di partito, imprenditori, professionisti, sono soddisfatto dell’altissimo tasso di qualita’”. Tra coloro che si candideranno nella lista, Maroni ha citato solo il canoista Antonio Rossi e la sciatrice alpina, Lara Magoni.

Questa la notizia battuta oggi dalle agenzie. Certo che passando dalla Convention del Lingotto di Torino di fine settembre con imprenditori e banchieri per arrivare all’aperitivo del Grand hotel Milanese dove soggiornava Giuseppe Verdi, Maroni ne ha percorsa di strada per allontanarsi plasticamente dagli elmi verdi con le corna di Pontida. Sarà, il suo, un percorso destinato a pagare elettoralmente? Beh, non dovremo aspettare molti mesi per capirlo. Un po’ più difficile è cogliere se dietro tutto ciò vi sia un progetto politico genuino. Ma questo è probabilmente un limite mio che son tontolon. Ho l’impressione che il segretario ne dovrà fare di slalom per arrivare alla meta. Magari la Lara Magoni potrà dargli lezioni.

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

3 Comments

  1. ingenuo39 says:

    Attento Maroni, perchè Antonio Rossi è una guardia di finanza, non si sa mai!!!

  2. gino latila says:

    Ma il Grand Hotel de Milan è un posto popolare! Se passate via e volete farvi un cicchhetto, entrate e dite la parola d’ordine ?Prima il nord’ e vi servono il bianchino a un prezzo popolarissimo, meno che al circolino di Baggio. Se poi dite che siete del giro di Salvini avete anche il 70% sulla camera, che magari dopo il bianchino vi viene l’abbiocco. Quanto moralismo per nulla! Il popolo mica si può farlo entrare dappertutto, un conto e portarlo a svaccare a Pontida mai poi noi siori si va al grand’hotel.

  3. Albert Nextein says:

    Confermo.
    Lega finita.
    Maroni all’organo Hammond.

Leave a Comment