Dal 2007 l’Italia ha perso il 25% della produzione industriale, la metà è morta

di REDAZIONE

Dal 2007 l’Italia ha perso un quarto della produzione industriale, secondo l’economista dell’Università Cattolica e fondatore del circolo Ref ricerche, Giacomo Vaciago. «E metà di quel 25% è morta, ora che arriva la ripresa ce ne accorgeremo perchè non ripartirà», afferma Vaciago all’assemblea di Assofondipensione. «Dopo cinque anni di cassa integrazione, senza investimenti e senza nuove tecnologie, chi può ripartire?», conclude l’economista.

Ma la crisi economica ha anche altri effetti. Nei primi nove mesi del 2013 «si conferma il trend di crescita delle notizie di reato nel settore della criminalità economica». È quanto emerge dal Bilancio di responsabilità sociale della procura di Milano. In particolare, nei primi nove mesi del 2013 rispetto a tutto il 2012 le notizie di reato sono salite del 23%, spinte «soprattutto dall’aumento dei reati fiscali», che hanno registrato un rialzo del 62,6%. Secondo l’interpretazione di questi dati, tale crescita «è in gran parte conseguenza della crisi economica che, inevitabilmente, determina un aumento delle condotte illecite come emerge, da un lato, dall’aumento medio del 100% degli omessi versamenti Iva (che, da tempo, costituiscono il principale strumento di »autofinanziamento« di imprese e artigiani) e, dall’altro, dal peso assorbente dei debiti tributari nei passivi fallimentari». In ogni caso, nel bilancio si specifica che «la sofferenza delle imprese non essere comunque una scusa per coprire rilevantissimi fatti di criminalità economica e soprattutto di frodi fiscali e riciclaggio emersi in diversi indagini».

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

3 Comments

  1. Hanno ammazzato l’Italia e adesso sperano che risuscita.
    Forse é per questo che hanno incoraggiato il Papa come uome dell’anno, ma le preghiere non fanno piovere lavoro.
    Vi sono importanti progetti industriali per favorire la ripresa, ma i gnocchi continuano a sprecare soldi per la Casta e alla fine non avranno nemmeno i soldi per accendere il lumino a San Francesco.

    Anthony Ceresa.

  2. Paolo says:

    Vi voglio citare le parole dello stesso Gandhi: «Rifiutarsi di pagare le tasse è uno dei metodi più rapidi per sconfiggere un governo.» Ed infatti Gandhi riuscì nel suo intendo.

  3. Albert Nextein says:

    Questo è un altro di quelli che afferma di vedere la crescita economica .
    Vivendo nell’empireo non ha,nonostante i numeri, il polso della situazione.

Leave a Comment