Dai Sindaci bellunesi un’indicazione rivoluzionaria nei fatti

INDIPENDENZA VENETAriceviamo e pubblichiamo

Dalla sfilata dei Sindaci dolomitici voluta dal presidente della provincia Roberto Padrin un segnale di politica reale fortissimo. In una tragicomica azione censoria il Prefetto di Belluno ha intimato ai Primi Cittadini di non indossare la tradizionale fascia tricolore nel corso della manifestazione, poiché ritenuta non ufficiale. I Sindaci se ne sono disinteressati e, nel pieno svolgimento del mandato loro affidato dagli elettori bellunesi, hanno portato il simbolo in piazza.

L’ossequio alla normativa chiesta dall’autorità statale ha ottenuto solo l’enfasi dei motivi della sfilata: l’Italia è drammaticamente lontana dal governo dei territori. E’ lontana in maniera omicida dalla montagna bellunese che sta morendo.

Invece di stare in cattedra con la bacchetta, il Ministro degli Interni potrebbe attivarsi per trovare una forma di governo territoriale più adeguata. Ad esempio, il ruolo di Prefetto della Valle d’Aosta (130.000 abitanti) è delegato da apposito decreto legislativo al Presidente della Regione. Perchè non fare lo stesso col Presidente della provincia di Belluno (205.000 abitanti e ugualmente completamente montano)? Ci sarebbe finalmente un solo organo di governance territoriale, magari tornando alla sua elezione diretta. Lo Stato dimostrerebbe vicinanza alle problematiche specifiche del nostro territorio, semplificando, riducendo i costi e liberando risorse preziose per le Dolomiti. Utopia?

Intanto è doveroso un sentito ringraziamento ai Sindaci, per l’ennesimo coraggioso atto d’amore per la nostra terra.

 

Massimo Vidori

Indipendenza Veneta

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. caterina says:

    finalmente i Sindaci hanno capito che rappresentano il popolo che li hanno eletti e non lo stato centralista lontano mille miglia dai loro problemi e dalle loro aspirazioni… complimenti vivissimi!
    Esempio per tutte le province, finchè esisteranno nei confini attuali… Un livello burocratico in meno…e pensare che già Einaudi lo contestava… I Comuni sono la realtà, e le loro libere aggregazioni finalizzate al territorio, la sua gente, i suoi problemi…

Leave a Comment