Da Salvini che toglie e la parola Nord al vincolo con Berlusconi… Le trappole elettorali

Acrobatic Troupes Prepare For 7th China Wuhan International Acrobatic Festivaldi MARIO DI MAIO – Nonostante le novita’ in avvio di campagna elettorale, non accenna a placarsi la polemica per il cambiamento di nome e simbolo della Lega da parte di Salvini che ha cancellato la parola Nord . Francamente sarei piu’ preoccupato se avesse modificato l’articolo 1 dello statuto. Inoltre non credo che nella pratica si possano far scomparire facilmente la lega Lombarda e la liga Veneta o il “drapo’” di Borghezio.

Comunque nella nostra Penisola, per tradizione democristiana i nomi e i simboli dei partiti sono semplici insegne relative alle singole competizioni, che, se conviene, si possono anche prestare, come fa Tabacci con la Bonino.
E Tabacco stesso, Casini, Buttiglione, Mastella, Lupi,Prodi, Alfano, C’era, De Mita ecc.ecc.sono tutti sempre tra i piedi e tutti sempre rigorosamente democristiani.
Ma, quanti UDC,Udr, Democrazia europea, ulivi e margherite ci hanno propinato in decenni di malgoverno?
Salvini va a Sud? A suo tempo anche Bossi ha spedito ripetutamente da quelle parti Chiappori sotto la bandiera di Italia Federale. Ovviamente senza esito come la più’ recente alleanza con Lombardo.
Puntualmente anche la nuova lega di Salvini  ha “toppato” alle regionali in Sicilia.E toppera’ anche in futuro per “consolidata” incompatibilità “ambientale”.
In parole povere i simboli si modificano, la sostanza un po’ meno.
Preoccupa maggiormente, viceversa, la rinnovata sudditanza leghista a Berlusconi. E con l’ingaggio della ” quarta gamba”(rigorosamente democristiana) la frittata e’ servita.
Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

3 Comments

  1. Ric says:

    Buona osservazione che la dice lunga sull’effettiva utilitá della politica intesa come imprimatur d’indirizzo della democrazia rappresentativa .
    Con l’avvento della macchina a vapore e del motore a scoppio molte professioni , come quella del maniscalco sono quasi scomparse o miniaturizzate in nicchie ininfluenti ;
    col superamento delle ignoranze e delle paure ad esse connesse anche le istituzioni autopoietiche delle moralitá e delle leggi , delle centralitá come finalizzazioni speculative tendono a spolarizzare l’effetto accentratore delle speculazioni e dei parassitismi . Liberare dalla morsa del cancro assoluto delle libertà individuali , ancora una volta può un sapere evoluto ed una ragione in funzione e di servizio all’uomo in senso totale .
    Lo spauracchio del quoziente di probabili non elettori vista in tale prospettiva è indice di ultra democratico popolo che insegna e da monito l’inizio di una rivoluzione pacifica ma incontrovertibile .

  2. giancarlo says:

    Salvini deve stare attento con Berlusconi.
    Non vorrei che se il centro destra vincesse le elezioni e potesse governare, alla fine andassimo a finire come quando Bossi era con Berlusconi amicissimo……
    La quarta gamba non serve se non a Berlusconi il quale se SALVINI dovesse alzare la voce per eventuali cambiamenti di programma di governo, come già avvenuto in passato, la quarta gamba servirebbe per tenere in vita il governo.
    I patti devono essere chiari da subito e senza tanto fidarsi della parola o delle strette di mano, queste sono cose del passato, oggi il Berlusconi è uomo business ed i business sono business e basta !!!!!!
    WSM

  3. FIL DE FER says:

    Tanto per chiarirci le idee sulle tasse………:
    Riforma scaglioni IRPEF 2019 aliquota e soglia redditi:
    La riforma scaglioni IRPEF 2019, con effetto a partire dal 1° gennaio 2019, dovrebbe vertere sulla riduzione degli scaglioni da 5 a 3, corrispondenti alle seguenti e nuove aliquote IRPEF 2018:
    Esenzione IRPEF 2019: 0% per i Redditi fino a 8.000 euro, che tradotto significa nessuna tassa per i contribuenti che si trovano sotto questa soglia esenzione IREPF;
    1° scaglione IRPEF 2019: aliquota al 27,5% per i redditi fino a 15.0000 euro;
    2° scaglione IRPEF 2019: aliquota al 31,5% per i redditi fino a 28.000 euro;
    3° scaglione IRPEF 2019: aliquota al 42 o 43% per i redditi oltre i 28.000 euro.
    Per quanto riguarda le detrazioni, la riforma dovrebbe portarle a 1000 euro per i lavoratori dipendenti, ad 800 per i pensionati e infine a 200 euro per i lavoratori autonomi.
    ————-
    Quando penserebbe BERLUSCONI di poter praticare la FLAT TAX ????????????
    WSM

Leave a Comment