Da oggi redditest: per chi non lo supera, scatta il controllo fiscale

di REDAZIONE

L’Agenzia delle Entrate presenta oggi l’auto-redditometro (il redditest) per verificare se spese ed entrate sono compatibili. Il software potrà essere usato per verificare la congruità tra il reddito familiare dichiarato e le spese annuali, scaricando da internet il programma, chiamato redditest, per un controllo fai-da-te, con la garanzia della privacy.
Il misuratore del reddito nella nuova versione valuterà la capacita’ di esborso per risalire ai ricavi, non ci saranno più i vecchi coefficienti, per esempio la barca non peserà piu’ del camper, ma il sistema si baserà su 100 voci riconducibili a sette diversi gruppi (abitazioni, mezzi di trasporto, assicurazioni e contributi, istruzione, tempo libero e cura della persona, investimenti mobiliari e immobiliari netti e altre spese significative).

Prima le spiegazioni, poi il controllo
Il controllo incrociato con le dichiarazioni permetterà di misurare la coerenza tra uscite ed entrate. Se il risultato è un evidente discostamento il contribuente sarà innanzitutto chiamato a dare spiegazioni. Uno degli elementi d’innovazione, infatti, sta nella richiesta di dati e notizie per la ricostruzione sintetica del reddito, prima ancora di avviare il procedimento di accertamento ai fini della lotta all’evasione fiscale.

Come funziona il redditest
Il redditest è figlio dell’operazione redditometro, ma non ha alcun valor di autodenuncia. Si tratta di un software, da scaricare sul computer, a disposizione dei cittadinicon l’obiettivo di orientare il contribuente, consentendo in autonomia una preventiva verifica della coerenza tra il reddito familiare prodotto e le spese sostenute. Il sistema parla chiaro: se il risultato del test sarà una luce verde c’è la prova della congruità, altrimenti si accende un semaforo rosso, segno di una discrepanza tra reddito e tenore di vita.

Nessun grande fratello, privacy garantita
Una spia che indica a rivedere bene la propria dichiarazione per evitare di cadere sotto la lente del fisco. La verifica avviene sulla base delle spese più rilevanti, facilmente individuabili. I dati inseriti rimangono noti solo al contribuente e non ne rimane traccia sul web.

Fonte originale: www.tgcom24.mediaset.it

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

15 Comments

  1. Antonio says:

    LEGGETE E DIFFONDETE IL LIBRO DI GIUSEPPE PREZZOLINI:

    “CODICE DELLA VITA ITALIANA” N. 19 DELLA LIBERTARIAN MEDIATEQUE SEZIONE LIBRI

    http://libertarianforce.blogspot.it/2012/06/libertarian-mediateque.html

  2. giovanni says:

    Stronzate,stronzate,più stronzate,italiche !

  3. Roberto Porcù says:

    20 novembre Adnkronos :
    L’Inps dichiara che 7,2 milioni di persone percepiscono “meno” di 1000 € al mese (tra 1000 € e 0 €),
    Il fisco dichiara che 4,3 milioni di persone presentano dichiarazioni con coerenti con rettiti molto vicini allo 0.
    Embeh!
    Per essere tutti congrui, o l’Inps aumenta le pensioni o il Fisco corregge il redditometro.

  4. Franco says:

    Servirebbe soltanto una ghigliottina !

  5. carlo says:

    Ma non c’è nessuno che rompe la faccia a sto befero di befera ?

  6. Sudditi, mi raccomando, scaricate subito il prezioso software!
    Lo Stato vi spia, il grande fratellone vi dice che non producete abbastanza reddito perché lui possa incassarne ancora di più a favore dei soliti noti che vivono di STATO.
    La rivoluzione è sempre più vicina, chi ha orecchie…

  7. Luigi says:

    SCRIVEVA “MANZONI” NEI PROMESSI SPOSI…” LA FORZA LEGALE NON PROTEGGEVA. IN ALCUN MODO L’ UOMO TRANQUILLO, INOFFENSIVO,E CHE NON AVESSE ALTRI MEZZI DI FAR PAURA ALTRUI…….NON CHE MANCASSERO LEGGI E PENE CONTRO LE VIOLENZE PRIVATE…..LE. LEGGI ANZI…….. DILUVIAVANO… LE PENE ERANO ….PAZZAMENTE ESORBITANTI……E SE NON BASTA AUMENTABILI QUASI IN OGNI CASO… AD ARBITRIO … DEL LEGISLATORE STESSO E DI CENTO ESECUTORI…… CON TUTTO CIO’, ANZI IN GRAN PARTE A CAGION DI CIO’……QUELLE GRIDE….RIPUBBLICATE E RINFORZATE… DI GOVERNO IN GOVERNO….. NON SERVIVANO ALTRO CHE AD ATTESTARE …. L’ IMPOTENZA DE’ LORO AUTORI O….. SE PRODUCEVAN QUALCHE EFFETTO IMMEDIATO , ERA PRINCIPALMENTE….. D’ AGGIUNGER MOLTE VESSAZIONI A QUELLE CHE I PACIFICI E I DEBOLI GIA’ SOFFRIVAN DA’ PERTURBATORI E…. D’ ACCRESCER LE VIOLENZE E …. L’ ASTUZIA DI QUESTI…. L’ MPUNITA’ ERA ORGANIZZATA…. E AVEVA ….RADICI… CHE LE GRIDE …. NON TOCCAVANO.. O NON POTEVANO SMUOVERE….. TALI ERANO GLI … ASILI…. TALI I PRIVILEGI…. DI ALCUNE CLASSI…. IN PARTE RICONOSCIUTI..DALLA FORZA LEGALE… IN PARTE TOLLERATI CON ASTIOSO SILENZIO… IN PARTE IMPUGNATI VANAMENTE….. ORA QUEST’ IMPUNITA’ MINACCIATA ED INSULTATA, ,,, MA NON DISTRUTTA DALLE GRIDE…..DOVEVA, NATURALMENTE… AD OGNI MINACCIA…..ADOPERAR NUOVI SFORZI E NUOVE… INVENZIONI…PER CONSERVARSI”….. QUANTO HO DETESTATO QUANDO STUDIAVO I PROMESSI SPOSI… QUANTO ORA NE AMMIRO L’ IMMENSO VALORE….

  8. Giacomo says:

    Che buono lo stato, pensate, non ne rimane traccia sul web!

    • E come fai a dirlo? Io l’ho scaricato ma mi son guardato bene dall’eseguirlo perché non ho ancora trovato il sorgente, ovvero l’elenco delle istruzioni che il programmatore ha scritto per creare quel programma. Fino a quando non sarà possibile ispezionare questo testo (codice sorgente) non sarà possibile sapere se il programma fa la spia oppure no.
      Io ho il forte, forte sospetto che sia un programma spione.
      Esistono altri sistemi per dedurre se il programma è spione ma sono molto laboriosi e forzosamente imprecisi. Si tratta di far girare il programma in una macchina virtuale ed ispezionare i flussi di dati che escono da questa scatola. Se vanno verso i computer del ministero bisogna poi visionare i dati che scambia.
      Io diffido

  9. marco says:

    Per chi non l’avesse ancora capito, questa manovra NON combatte l’evasione!!!!!!

    Ma è concepita per rendere la vita della stragrande maggioranza della popolazione un INFERNO!!

    I grandi evasori, alta finanza e banchieri, sono del tutto IMMUNI a tale porcata, in quanto i loro redditi denunciati, seppur molto inferiori a quelli reali, sono più che sufficienti a dimostrare il loro stile di vita 😉

  10. Dan says:

    Da oggi redditest !
    Siete tutti pronti, sudditi ?

    Cominciamo:

    1- Sei vivo ? Ci devi A. (Se sei morto, ci devi B).
    2- Respiri ? Ci devi C. (Se non respiri c’è la sopratassa per l’apnea)
    3- Ti nutri ? Ci devi D.
    4- Vai in bagno ? Aggiungi E.
    5- Scopi ? (vanno bene anche pelusche, termosifoni, mano…) + F
    6- Puoi parlare ? Aumenta l’aliquota di G%


  11. Domenico says:

    immagino sia qualcosa di piu. Se fosse cosi, a cosa servirebbe? se uno ha attivita in nero, lo sa bene. C’è forse bisogno di un redditest per una famiglia, magari monoreddito?

  12. Alberto says:

    Stato di polizia.

Leave a Comment