CUNEO: NOI EX LEGHISTI NON SIAMO SCESI A COMPROMESSI

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

I principali elementi che da sempre hanno distinto la Lega Nord – erano tre: “ il fatto che fosse un movimento e non un partito, la sua forte identità , il suo legame con la base”.
Ad oggi, purtroppo, non ci resta che prendere atto che qualcuno, troppi hanno tradito questi ideali.
Da tempo si era compreso il cambiamento di mentalità e di pensiero instauratosi nella Lega, una Lega sempre più annacquata, che ha visto ingrossarsi la schiera di persone propense ad accaparrarsi un posto al sole, la sopravvivenza economica, disponibili a qualsivoglia compromesso, pronte a svendere la Lega per quel fantomatico quanto decantato “nuovo corso della Lega di governo”, ma che forse sarebbe meglio chiamare le cose con il proprio nome: “Lega di potere” .
Mai come ora rimane attuale un discorso pronunciato 20 anni or sono dal grande statista federalista professor Gianfranco Miglio che asseriva e definiva così la classe politica: “Dove c’è ricchezza gli uomini cercano di impadronirsene ad ogni costo e creano giustificazioni ad hoc per la loro rapacità, – i politici sono parassiti per vocazione, ossia trovano la maniera di vivere alle spalle degli altri senza nulla produrre”.
Non era necessario essere dei veggenti, per capire che prima o poi qualcosa sarebbe successo e a chi si stupisce va ricordata la metamorfosi (in peggio) riscontrata in Lega negli ultimi anni, di quello che è avvenuto in Provincia di Cuneo, e a Fossano, con una classe politica che predilige il procacciamento dei voti, il personalismo, a scapito dell’attivismo, con la vergognosa approvazione di un segretario provinciale , che lo ha anche sottoscritto pubblicamente.
Chissà se questa classe politica che non è stata capace di salvaguardare certi ideali ed a vigilare, strumentalizzando la situazione, con atteggiamenti da ”piccoli cesari”, continuerà a mantenere il solito comportamento baldanzoso od avrà la decenza di defilarsi. Questi artefici di un capolavoro farisaico, riprenderanno a snocciolare i soliti proclami, invocare la resurrezione, il ritorno agli ideali, alla politica disinteressata (per poi essere smentiti nei fatti ), a cui nessuno ormai più crede, convinti che sia accettabile un colpo di spugna, omettendo come hanno trattato, turlupinato l’elettorato ed oltraggiato lo spirito leghista?
La gente ha perso fiducia nel simbolo, ed ora staremo a vedere come riusciranno a trovare un messaggio chiaro e univoco da portare nelle piazze, gli slogan storici stridono con l’attuale gestione della “cosa politica”.
Chi ha creduto e\o crede ancora nella Lega è stato abbandonato od ancor peggio epurato, trattato come un burattino, preso a pesci in faccia per far posto a disinvolti personalismi, a blasonati opportunisti, riveriti, premiati e portati in palmo di mano.
Le recenti notizie di cronaca non hanno fatto altro che far emergere e confermare quel malessere che già da tempo noi avevamo denunciato, lo sbracamento della Lega, la nascita di veri e propri comitati di potere, ne sappiamo qualcosa a livello locale.
Noi eravamo troppo scomodi, la verità, le critiche e la nostra disapprovazione a tale sfacciata maniera di intendere la politica ha dato fastidio, siamo stati accusati addirittura di denigrare il prossimo, censurati e poi estromessi, ma non fa nulla tanto prima o poi i nodi vengono al pettine, e qualcuno ci rimetterà i capelli.
Almeno noi non abbiamo barattato la nostra onestà le nostre motivazioni e convinzioni per far da cavalier serventi agli opportunisti di turno, preferendo non aver nulla a che fare e da dividere con una simile Lega .
Un gruppo di ex leghisti fossanesi
Malvino Clemente
Consigliere Comunale Indipendente

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. eugenio ceroni says:

    Perfettamente condivisibile e sperimentato in altre zone.
    Si tollerava l’assolutismo di Bossi come privilegio del capo fondatore.Ma i Ceausescu locali,senza trasparenza,correttezza e democrazia e capacità circondati dalle loro cupole di ruffiani e opportunisti sono i maggiori responsabili della rovina della Lega.
    In molti casi, delle perfette nullità, dovranno finalmente cercarsi un lavoro. ammesso che lo trovino.

Leave a Comment