Crozza insulta i veneti. Che chieda scusa e via al boicottaggio

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Carissima redazione, Vi scrivo in merito all’intervento di Crozza sui Veneti, nell’ultima puntata di Crozza nel paese delle meraviglie. (GUARDA QUICome Veneto sono rimasto inorridito dai discorsi di Crozza sui Veneti il loro referendum e sul sindaco di Cittadella a cui va tutta la mia solidarietà.

Invito tutti coloro che non l’hanno vista di rivedere su streaming della rete La 7, la sua performance. Si vergogni del razzismo dimostrato verso questo popolo e della profonda ingoranza, arroganza e maleducazione che questo signore incarna.

Invito tutti coloro che non condividono il “Crozza pensiero” e del suo “pubblico ridens” di scrivere alle aziende che sponsorizzano la rete durante i suoi programmi, di assicurargli che quando saranno messi in onda, verranno ignorati da tutti noi, attraverso un opportuno cambio di canale. Solo così possiamo educare al rispetto degli altri e del rispetto del pensiero e della libertà di ognuno, i giullari di corte e gli asserviti  a questo stato italiano predatore e violento. Vi prego di poterla pubblicare e di ritornare sul tema dei “giullari di corte” (italiana).

Anche su Facebook è nato un gruppo intitolato “CROZZA CHIEDI SCUSA“, in cui si dice che “un comico deve far ridere, può parlare di tutto ma non deve mai dimenticare il rispetto per la dignità delle persone che sono oggetto della sua satira”.

Antony Minotti

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

70 Comments

  1. Marta says:

    Su dai lasciamoli ridere.
    Anche Maria Antonietta quando le hanno detto che al popolo manca il pane, ha ironizzato rispondendo
    -Beh allora dategli le brioss.

    Ma sappiamo tutti che alla fine ha perso la testa.

    Buon divertimento a tutti.

  2. Toscano Redini says:

    Mah! a giudicare dalle reazioni direi che Crozza ha dato un contributo positivo alla causa veneta…

    Se poi è sincero, mi par che debba cambiar l’ intestazione da “Crozza nel Paese delle Meraviglie” a quella più veritiera “Crozza nel paese delle Merde”.

    Forza Veneto, Viva San Marco

  3. giorgio says:

    Avete mai visto un personaggio dello spettacolo simpatizzare per movimenti autonomi o regionali piuttosto che rivoluzionari o indipendentisti (avete mai visto artisti simpatizzanti della Lega, o del Sudtirolo ?). Come già scritto in precedenza, anche volendo non possono permetterselo, perderebbero consensi e fans di tutte le altre parti della repubblica delle banane.
    Anche loro fanno il loro mestiere, e chi fa satira cerca di farla su tutto ciò che è attaualità, Crozza l’ha fatta sul trota, su Maroni e Bossi, tenta di farla anche su Salvini, come la fa per Renzi, Bersani, Brunetta ecc.ecc., fino al Berlusca, e tutti sono contenti, anzi , in fondo si dice che è tutta pubblicità gratuita.
    Mi meraviglio come non si riesca a capire ciò, non vorrei che sia proprio tutta questa seriosità , di coloro che si sono offesi, a frenare questo benedetto processo di indipendenza, che non stà nelle lamentele e nei piagnistei ,ma bensì nel coraggio e nel sacrificio di andare fra la gente ed istruire il popolo ignaro, che non conosce, come del resto io faccio spesso e volentieri, quasi sempre solo, perche gli altri, guarda caso , sono tutti impegnati quando si tratta di fare (voce del verbo fare, non chiacchierare o ciattare)
    Giorgio.

  4. A.G.Calvagno says:

    In lingua siciliana, CROZZA significa “teschio”. Sono un siciliano indipendentista a favore del Veneto Indipendente. Chiunque ha diritto alla libertà e nessuno ha il diritto di offenderla, perciò chieda umilmente scusa “la testa vuota di Crozza” ai Veneti e non solo!

  5. giuliano says:

    Avete tutte le ragioni del mondo, bisogna chiedere piu autonomia sul modello trentino per tutte le regioni, e cambiare classe politica compresa quella veneta magari in questo caso si con una bella rivoluzione, non si risolve nulla cambiando nome in veneti o altro , abbiamo visto come la lega ha amministrato in Lombardia e in Piemonte, il problema e’la classe dirigente in qualsiasi regione, e’vero come disse un grande esiste un problema meridionale ma esiste perche a l’attuale classe politica fa comodo e noi litigando tra noi facciamo il loro gioco, e lo stesso fete voi andando dietro questi pseudo autonomisti che sfruttano le difficolta economiche e il malcontento generale solo per il loro comodo . Sono sempre i soliti oggi dc poi craxiani poi leghisti e oggi si sono scoperti indipendentisti. Se l’Italia e’ ridotta in queste condizioni e’ anche colpa nosra di noi tutti , immaginate se invece di riempire gli stadi ogni domenica o di manifestare per mille problemi diversi scendessimo tutti in piazza, allora veramente si darebbe una svolta a questo paese. Noi continuiamo a dividerci e loro fanno i loro comodi la storia insegna.

  6. Raoul says:

    A me il Crozza non fa ridere, e lungi da me di guardarlo!Preferisco cartoni di topolino!

  7. Roberto Porcù says:

    Ciavitene !
    Io voglio che non vi siano palchi o emittenti finanziate con le mie tasse. E che poi sia chiaro chi vi lavora da chi è sovvenzionato.
    Al mattino mi rado con una radiolina accesa sull’emittente 2 della Rai che è quella che mi dà il suono meno gracchiante.
    Di stronzate di parte ne dicono a iosa, ma non posso loro negare il diritto di difendere la loro retribuzione.

  8. Marcaurelio says:

    Giuliano
    è un ragazzo intelligente ed ha capito tutto.
    Homo liber è un guappo de cartone…
    un quaquaraqua come dicono a Napoli , tutto parole e niente fatti..
    La verità vera è questa …

    • Nibbio says:

      Quaquaraquà è dialetto siciliano, non napoletano !

      Balòss, ti nascondi dietro il braccio teso del cavaliere capitolino, ma secondo me sei un pirla padano !

      Sei comunque divertente….quasi quasi mi diverti più dei leghisti, che però lo fanno involontariamente !

  9. I ga raxon a cojonarne o torne pal culo, mile raxon … endoe xeli i deboto 2milioni de veneti ke li ga vota SI par l’endependensa, se vedeli, se fali sentir ?

    Se li se fese sentir e se tuti li podese vedar li saria gran poki coeli ke se parmetaria de cojonarne o torne pal culo, li scuminsiaria a gratarse la crapa a ghe tremaria le maruele e li ne respetaria de pì.

    Ma finakè a femo solke ciacole e se enrabiemo e endegnemo par on monàsa come Cròsa el sensa cròsole, cosa podemo meretarse de pì?

    Endoe xeli i 2milioni de veneti ke li ga votà SI?

  10. leandro says:

    X giuliano,

    se noi Veneti non reagiamo in maniera violenta è solo perché ancora si riesce a mangiare, quando non saremo più capaci di fare questo, ti dimostreremo quanto poco “pecore” siamo noi e ti assicuro che non sarà affatto divertente.

  11. giovanni says:

    Oggi 26 marzo ore 23:35 vi prendono per i fondelli anche le jene.

  12. giuliano says:

    Vi arrabiate tanto forse perche crozza vi ha messo difronte alla vostra pagliacciata. E che gran pagliacci vi rappresentano, un sindaco che si presenta in quel modo come lo volete chiamare. Avete paura? Anche facendo altr dieci referendum non otterrete nulla rassegnatevi chi nasce pecora muore pecora se poi queste pecore le volete chiamare lombarde o pure venete la sostanza non cambia.

    • Homo Liber says:

      El Leon ghe se magerà el teron !! (molto presto).

    • Riccardo Pozzi says:

      Bravo Giuliano, la tua ingiusta invettiva è sincera e la sincerità aiuta. Voglio però stimolare la tua intelligenza: credi davvero che le condizioni di schiavitù durino per sempre? Attenti alla rabbia delle pecore, non sono abituate a gestirla e quando esplode esagerano. Un saluto.

    • lorenzo says:

      “Tremenda è l’ira dei mansueti”, è scritto nella Bibbia… immagino che tu non creda in nulla però…

  13. gino lucetti says:

    La satira deve essere libera, ma non si e’ mai visto un comico veneto nei canali nazionali ai quali sia permesso prendere in giro le innumerevoli realta’ ridicole di questo Paese di Pulcinella. I mezzi di comunicazione di massa li hanno in mano sempre loro.

  14. Riccardo Pozzi says:

    Ma no……Quando l’irriverenza dei guitti diventa insolenza , significa che il guitto è nervoso e cela la rabbia nell’eccesso di aggressività.
    Resta comunque bravo, via.

  15. Alfag01 says:

    Chi offende la bandiera veneta è un povero ignorante.

    Pax tibi Marce, evangelista meus. Hic requiescet corpus tuum

  16. Bortolo says:

    Scusatemi tutti, ma io vado controcorrente.
    Per me la satira ha completa libertà. Storicamente i giullari e i buffoni non venivano toccati neanche quando mettevano alla berlina i loro sovrani o signori.
    A mio avviso contestare un comico è un ben misero atto. Per favore, cerchiamo di non disperdere le energie preoccupandoci della satira. O forse è colpa di un comico se viviamo schiacciati da uno stato illiberale che ci opprime tanto da costringere alcuni a togliersi la vita?
    Se le battute di Crozza non ci fanno ridere abbiamo un grande potere: non guardarlo né ascoltarlo. Se lo stato italiano ci opprime, purtroppo non possiamo fare altrettanto. Concentriamoci ad abbattere il mostro (o a sfuggirgli) e lasciamo perdere la satira.

  17. lorenzo s. says:

    Un comico dovrebbe prendere in giro i politici e il potere, non dei semplici cittadini che agiscono per tutelare pacificamente i propri interessi.

    • Ferdinando Spada says:

      E’ proprio quello che fa Crozza. Ironizzare su politici e potere. Da Renzi a Grillo a Berlusconi. O anche su qualche sindaco esibizionista, malato di protagonismo. Che sia calabrese o veneto.

  18. Sto Pan de Çidadeła el me fa purpio ridare, altro ke Cròsa sensa cròsołe.

    A Çitadeła xe daromai o deboto diexe ani ke se fa ła Festa dei Veneti e de ła łengoa veneta ma gnancora sto Pan e en vanti el Bitonci łi ga mai meso i cartełi do łengoe col nome de Cittadella anca en veneto Çitadeła o Tsitadeła o Sitadeła …

    Cròsa łè gnente al confronto de sti fanfaroni de Pan e de Bitonci ke li xe drio farse la canpagna par le prosime elesion … vargogneve.
    Mi a la festa dei veneti a Çidadeła xe ani ke no ghe vago pì, a caxa de sti fanfaroni no ghe metarò pì pie.

  19. ugo says:

    crozza non fa ridere ,fa PENA.

  20. gianni says:

    co so mare lera drio a partorir dallo sforso invese ke dalla mona al se vegnesto fora dal kuo. so anka mi ironico

  21. Luke says:

    Una cazzata razzista

  22. Luke says:

    “L’odio, la ferocia, il razzismo sono tipici disvalori “nordici”.
    Ecco, questa è una cazzata.

  23. Ulderico Rochat says:

    GRANDE CROZZA ! Che ironizzi su potenti e prepotenti-razzisti. Sei un degno epigono di Orazio : ” quamquam ridentem dicerie verum /quid vetat ?

  24. della scala says:

    si ma che battute di merda però …un veneto che dice su ai foresti e poi va in italia .. eh ma sono anche io foresto

    Forse crozza non ha capito una cosa che i Veneti in Italia non ci andranno mai più se non per farci le vacanze e tanto meno gli italiani non dovrannpo farsi vedere in Veneto comunisti e imbecilli in primis .

    e poi i veneti vanno via dall’ italia e dove vanno ? ma che cazzo di discorso è !?

    Rosso di merda !!!

    • Dan says:

      Ma è da quelle battute lì che capisci che il tizio fino a mezz’ora prima dello spettacolo pensava ad altro, poi è arrivata una chiamata da qualcuno che gli ha dato l’ordine del giorno.

      “lo vuoi un posto a sanremo ? e allora dì questo…”

  25. Trasea Peto says:

    Crozza fa il suo lavoro. Non si può pretendere di essere simpatici a tutti. Amen.

    …più che cambiare canale per essere efficaci bisognerebbe boicottare i prodotti pubblicizzati.
    Non guardo la tv da tempo e non ho idea come siano le pubblicità…e poco mi interessa sinceramente

  26. Luke says:

    E comunque ride bene chi ride ultimo…
    Vedremo se avranno ancora voglia di ridere quando gli mancheranno i 20bn € attualmente regalati dai veneti all’Italia

  27. Luke says:

    L’ho visto in diretta TV. Anche io sulle prime ci sono rimasto molto male. Il pezzo di Crozza ha onestamente venature razziste. Il solito stereotipo del veneto ignorante, zotico e xenofobo.
    Però, suvvia, la satira deve essere feroce, anche far male, se no che satira sarebbe?
    Ridiamoci sopra
    Tiremm innanz

    • Veritas says:

      No, anche alla satira c’è un limite, bisogna salvare il buongusto.
      E’ chiaro, comunque, che il comportamento di Crozza si deve alla ricerca, da parte sua, di piacere ai sinistrorsi poichè ho avuto l’occsione di sentire un suo discorso fatto al festival di Sanremo, e da come lì ha parlato, ho capito che lui di sinistra non è: Quindi lo fa per interesse.
      Personalmente, però, io non lo trovo neanche divertente cioè proprio non mi fa ridere!

  28. Ada Niap says:

    Sarei curiosa di sapere che putiferio planetario si scatenerebbe se, invece dei veneti, fossero sputtanati così i napuletani. Crozza dovrebbe girare con la scorta, ma sul serio, perchè un qualche scugnizzo orgoglioso della sua partenopeità che gli gonfia la faccia lo troverebbe di certo, e presto.
    Mica le pecore venete, che gli danno pure ragione.

    Infatti i napuletani, o i trinacriani, in quanto tali, non osa sfiorarli nemmeno col pensiero. E fa bene, tiene famiglia.

    • Roberto Diaz says:

      Signora, Lei sbaglia, i Napoletani sono i primi a fare autoironia, e non sono capaci di odiare ” basta che ce sta’ o sole…..”. L’odio, la ferocia, il razzismo sono tipici disvalori “nordici”.

      • Dan says:

        Lo si vede soprattutto nelle partite contro le città vicina, quanta ironia c’è

        • Roberto Diaz says:

          I tifosi,di qualunque squadra, a mio avviso, sono penosi. Soprattutto quelli violenti o che pubblicizzano slogan razzisti.

      • Ada Niap says:

        Invece i valori “sudici” sono mafia, ‘ndrangheta, camorra.
        Si tenga pure “o sole”, noi ci prederemo “a libbertà”.
        Addio.

        • Roberto Diaz says:

          No, voi polentoni la libertà l’avete tolta a noi, 150 anni fa, compiendo massacri inauditi, che avrebbero preceduto quelli commessi, poi, dai nazisti , vostri gemelli infernali. Che differenza c’è tra il tedesco Priebke ed il vicentino Pier EleonoroNegri? Il primo sterminava patrioti ed ebrei a centinaia(Fosse Ardeatine ) ; il secondo massacrava centinaia di innocenti contadini , radendo al suolo pure le loro case. Perché non se ne restava a casa sua a Vicenza? Che gli avevano fatto gli innocenti abitanti di Pontelandolfo? Perché , desiderando l’unità d’Italia, nondecideva di combattere in prima persona contro gli Austriaci nella sua regione, invece di fare il mercenario assassino di Meridionali, al servizio dei Savoia? Mi può citare, lei , il nome di qualche meridionale salito al Nord a massacrare innocenti cittadini veneti? Siete sempre i soliti, i Veneziani erano esperti nei saccheggi e nelle ruberie. I famosi cavalli di San Marco a chi li avete fregati? Se lo ricorda? E chi ha fatto uscire i galeotti dalle carceri, promuovendoli alleati contro i Borbone che , di solito, li facevano imprigionare o giustiziare? Se lo ricorda ?Non erano certo invasori sudisti . Ed inoltre, dal vostro laborioso ed ” onesto” Nord-Est , dal Friuli Venezia Giulia, da Trieste, e ‘ venuto fuori negli anni 40, un “gentiluomo ” che si chiamava Odilo Lotario Globocnik, che abitava nel predetto capoluogo, in Via Giulia, quando l’Italia era schiacciata dall’alleanza di due dittatori, il padano Mussolini e l’austriacoHitler. Gli orrori commessi da questi tre personaggi sono talmente inauditi che che le belve li caccerebbero via dalla savana in quanto disgustati dalla loroallucinante ferocia. Altro che mafia e camorra! Questi tre esemplari nordici resteranno eternamente nella Storia come simboli assoluti del male! Smettetela di auto elogiarvi come esseri superiori, sempre pronti a disprezzare gli altri. Se Crozza ironizza (e fa bene!)sui politicidel Sud , nessuno si lamenta ,perche’ la satira va giustamente indirizzata contro i potenti. Se ironizza sul politico veneto..apriti cielo!La razza superiore si indigna ! I vostri complessi di superiorità sono, a dir poco , ridicoli, e se abbandonerete l’Italia, nessuno vi rimpiangerà, con la vostra arroganza razzista avete nauseato pure i Santi!

  29. gianpaolo says:

    Comportamento scorretto.

  30. Jhonny says:

    Siamo al punto 2 della sequenza gandhiana:

    1- ti ignorano
    2- ti deridono
    3- ti combattono
    4- perdono

    E’ il turno dei giullari di corte ma non durerà molto.

  31. Ermanno Volterra says:

    Ridere. Il vero segno della libertà.(Thomas Carlyle). L’unica cura contro la VANITÀ e’ il riso, l’unico difetto ridicolo e’ la VANITÀ (Henri Bergson). Questo gruppo di Veneti permalosi sono un tipico prodotto dell’intollerante complesso di superiorità di matrice leghista ed indipendentista. Basta leggere gli articoli spocchiosi di Oneto e Bracalini (questi Goebbels de no antri) per poter spiegare l’assurda reazione del suddetto gruppo.

  32. sandrone says:

    Bisogna pubblicare i nomi delle aziende!!!

  33. Ant says:

    Crozza tu hai la faccia come il c… rosso di m…

  34. stefano says:

    Mai guardato e mai lo guarderò!

    • Roberto Diaz says:

      Solamente El Hombre rie, y ningun otro animal (solo l’uomo ride, e nessun altro animale) F. de La Torre, poeta spagnolo del XVII secolo.

  35. salvo says:

    Quali sarebbero le offese?

  36. Diego says:

    Già, non dimenticheremo.

Leave a Comment