Crolla il mercato immobiliare: i mutui precipitano del 41,2%

di REDAZIONE

Tonfo delle compravendite immobiliari nel secondo trimestre 2012. Dai dati sulla statistica notarile emerge che sono 167.721. Il 93,3%  delle convenzioni (156.552) riguarda immobili per abitazione, il 5,9% (9.816) unita’immobiliari ad uso economico. Rispetto al secondo trimestre 2011, le compravendite di immobili a uso residenziale diminuiscono del 23,6 e quelle di immobili ad uso economico del 24,8%. Lo rileva l’Istat. Nel secondo trimestre del 2012 si registrano le variazioni tendenziali piu’ sfavorevoli dal 2008. Nonostante il temporaneo recupero delle convenzioni di compravendite registrato nel terzo trimestre del 2011, in particolare per gli immobili ad uso economico, il trend e’ sempre caratterizzato dal segno negativo. Segnano un tonfo anche i mutui, che considerati assieme a finanziamenti e ipoteche scivolano del 41,2% nello stesso periodo.

Per le compravendite ad uso residenziale, prosegue l’Istat, il calo tendenziale registrato nei grandi centri (-21,8%) e’ piu’ contenuto di quello nei centri minori (-25,1%). Anche per le compravendite ad uso economico il calo tendenziale e’ piu’ marcato negli archivi aventi sede nelle altre citta’ (-27,0%) rispetto a quello che si osserva negli archivi con sede nei grandi centri (-21,0%). Nel secondo trimestre 2012, sono 69.830 i mutui, i finanziamenti e le altre obbligazioni verso banche e soggetti diversi dalla banche, garantiti da concessione di ipoteca immobiliare. Rispetto ai 118.834 del secondo trimestre 2011, i mutui, finanziamenti e le altre obbligazioni con costituzione di ipoteca immobiliare sperimentano una flessione tendenziale del 41,2%. A livello ripartizionale sono le Isole (-58,3%) a registrare il calo tendenziale maggiore per i mutui, i finanziamenti e le altre obbligazioni con costituzione di ipoteca immobiliare, mentre nel Centro (-36,0%) il calo tendenziale e’ inferiore alla media nazionale (-41,2%). Mutui, finanziamenti ed obbligazioni garantite, registrano una diminuzione piu’ contenuta negli Archivi Notarili Distrettuali con sede nelle Citta’ Metropolitane (-39,1%) e maggiore negli Archivi con sede nei Centri Minori (-42,7%).

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. Antonino Trunfio says:

    dopo il sal(v)a itaglia, il sal(v)a Ilva, ecco a voi l’ultima trovata dell’eroiko kameraden Mariuko Montozzen
    http://www.youtube.com/watch?v=S64Pbh6RBZ8&feature=plcp

  2. Dan says:

    Vi ricordate quando qualche giorno fa monti parlava di un tesoro che non andava dilapidato riferendosi all’imminente caduta del governo ?

    E’ questo il tesoro di cui parlava: migliaia di proprietà svendute per un tozzo di pane !

    Vuoi per la crisi, vuoi per l’oggettiva insostenibilità del imu su seconde e terze case, vuoi per evitare di dover perdere comunque queste proprietà attraverso pignoramenti e aste giudiziarie e non scordiamoci tutte le assurdità che regolano il mercato degli affitti, di fatto vere e proprie concessioni e favoritismi ad uso e consumo di abusivi volontariamente morosi la gente prende e cerca di liberarsi di tutto questo.

    Ancora un po’ di questa minestra e chi avrà da parte giusto un paio di milioncini si potrà fare dei veri e propri feudi.

    Aspettiamo (ovvero stiamo tranquilli così senza reagire) ancora un po’ e quando queste proprietà, questo “tesssssoro” di case e terreni sarà passato di mano a chi è stato a suo tempo predestinato, di colpo spariranno imu, regolamentazioni bizantine sugli affitti e molto molto altro ancora

Leave a Comment