Crisi: nove famiglie italiane su dieci sono “vulnerabili” economicamente

di CLAUDIO PREVOSTI

La crisi rende le famiglie sempre piu’ fragili: il 94,5% e’ da considerarsi in qualche misura vulnerabile, mentre il 10% versa in uno stato di grave crisi economica e deve ricorrere a prestiti o aiuti per arrivare alla fine del mese. Questo e’ il quadro che emerge dal secondo monitoraggio sulla vulnerabilita’ economica delle famiglie italiane e da un ulteriore approfondimento dedicato all’analisi di cause, sintomi e caratteristiche della vulnerabilita’, nonche’ alle policies innovative di risposta alle nuove poverta’. Obiettivo di queste analisi, condotte dall’Universita’ degli Studi di Milano per il Forum Ania-Consumatori, fondazione promossa dall’Ania che ha lo scopo di rendere ancora piu’ sistematico il dialogo tra imprese di assicurazione e consumatori, e’ quello di porre all’attenzione dell’opinione pubblica il tema della vulnerabilita’ delle famiglie verso gli shock esterni, come la perdita di lavoro, la riduzione delle ore lavorative, l’assistenza improvvisa agli anziani, le malattie e gli incidenti, che possono incidere profondamente sul loro benessere economico.

L’Indice di vulnerabilita’ delle famiglie e’ stato elaborato nel 2010 ed e’ ora possibile monitorarne l’evoluzione nel tempo. I risultati delle indagini sono stati pubblicati nel volume “La famiglia al tempo della crisi, tra vulnerabilita’ economica e nuove forme di tutela” e vengono presentati oggi a Roma nel corso di un convegno in cui interverranno autorevoli rappresentanti del mondo istituzionale, accademico, economico e social. Il secondo monitoraggio registra un sensibile peggioramento della vulnerabilita’ economica delle famiglie, che cresce del 17%. Infatti, su una scala da 0 a 10, l’Indice di vulnerabilita’ passa da un valore medio di 2,70 rilevato nel 2010 al 3,16 del 2013. Solo le famiglie che presentano un valore dell’Indice inferiore a 1 sono in grado di far quadrare il bilancio e possono affrontare spese impreviste con facilita’. A questa fascia corrisponde solo il 5,5% della popolazione. Una parte rilevante della popolazione (10%) evidenzia un valore dell’Indice superiore a 7,5. In corrispondenza di tale valore la vulnerabilita’ e’ estremamente grave: si tratta di famiglie che devono ricorrere a prestiti o aiuti per arrivare alla fine del mese.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment