Crisi: i lombardi tagliano vestiti, viaggi, tempo libero e cultura

di REDAZIONE

Con la crisi i lombardi tagliano su vestiti, scarpe, arredamento, viaggi in auto, tempo libero e cultura. Il dato emerge da un’analisi di Uecoop su dati Istat relativi alla spesa media mensile delle famiglie scesa dai 3.033 euro del 2011 ai 2.866 del 2012. I risultati dell’analisi sono stati diffusi oggi in occasione dell’assemblea a Milano presso l’auditorium Testori di piazza Città di Lombardia con i rappresentanti di oltre 200 cooperative di tutti i settori, dall’agricoltura ai servizi, dai trasporti all’edilizia al sociale. La Lombardia resta sempre sopra la media italiana (pari a 2.419 euro) ed è seconda dopo il Trentino Alto Adige (2.919 euro, con il record di Bolzano di 3,119), spiega l’analisi di Uecoop, ma è chiaro che la crisi ha portato a una rimodulazione della spesa su beni considerati essenziali. L’incidenza degli alimentari è salita dal 16,2 al 16,5 per cento, quella dell’abitazione (ma qui potrebbe giocare il rincaro dei tassi di interesse dei mutui) dal 29,4 al 30,6 per cento, combustibili ed energia (bollette e prezzo della benzina) dal 4,9 al 5,1 per cento e istruzione dall’1,1 all’1,3 per cento. Stabile il peso per la sanità (3,5 per cento). Rispetto ai 2.866 euro di spesa media mensile, continua l’analisi di Uecoop, perdono terreno l’abbigliamento e le calzature (da 5,1 a 4,7 per cento), l’arredamento (da 5,2 a 4,9 per cento), i trasporti (da 16,4 a 14,8 per cento), il tempo libero e la cultura (da 4,8 a 4,6 per cento).

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. lory says:

    i Lombardi e i Veneti ” non tutti ! ” tagliano spese per il cibo,vestire ecc, ma non i trasferimenti di denaro al grande Sud,

  2. Dan says:

    “Crisi: i lombardi tagliano vestiti, viaggi, tempo libero e cultura”

    Piuttosto che tagliarsi le tasse… piuttosto che mandare affanculo il padrone stato…

Leave a Comment