Crisi di governo inevitabile: territori diversi stanno insieme con lo scotch

di Mario di Maio – A Roma da sempre si fanno e si rifanno governi per tutti i gusti e per tutte le stagioni, circondati costantemente di scarsa credibilità, con le inevitabili conseguenze negative sulla governabilità del Paese. Un’infinità di volte si e’ cercato di assicurare una governabilità maggiore modificando le leggi elettorali, ma senza risultati apprezzabili. In sostanza i governi durano poco e i problemi di fondo rimangono insoluti perché le soluzioni richiedono interventi prolungati da parte di esecutivi “normali” e non abborracciati per tamponare situazioni di emergenza e per di più mascherati da esecutivi “di svolta”.

L’esperienza ha ampiamente dimostrato che i governi ” ballerini” non sono conseguenza di un eventuale “volubilità” ideologica delle nostre popolazioni bensì della eccessiva e molteplice diversità delle esigenze dei singoli territori e delle singole comunità di appartenenza, per cui un provvedimento che va bene per alcune regioni necessariamente scontenta i cittadini di quelle con caratteristiche non coincidenti. Di qui’ conflittualità crisi e spaccature. A livello internazionale le situazioni analoghe si risolvono con le secessioni( Cekia e Slovacchia) o con le autonomie a “geometria variabile” ( Inghilterra, Scozia, Galles e Nordirlanda). In Italia con la guerra alle autonomie del Nord, ritenute dannose per il Sud, che viceversa andrà assistito con l’ennesimo spreco cioè il Ministero per il Mezzogiorno.
È proprio vero che gli Italiani non sono svizzeri….
Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Gli italiani non sono svizzeri perche’ messi insieme con la forza come fossero pecore dentro un recinto…sarebbe ora che ce ne rendessimo conto! troppo abituati ad ubbidire…e’ il risvolto negativo di una religione imperante da duemila anni? sarebbe ora che diventassimo adulti e consapevoli…cioe’ responsabili, e rendessimo decisioni adeguate agli obiettivi che vogliamo raggiungere: la liberta’!…da Roma innanzitutto!

  2. Repetita juvant:
    l’italia NON ESISTE.
    Esiste uno stato/GABBIA tipo ALKATRAZ…
    Ci sono i alkatraziniani detti anche cittadini italiani e le istituzioni: capo il direttore e poi a seguire fino all’ultimo secondino.
    Non comandano i carcerati o cittadini di ALKATRAZ… ma le istituzioni co a capo il direttore o presidente che dipende dalle istituzioni perche’ messo li’ da loro.
    Si, so che una metafora cosi’ fa fatica ad entrare nel cervello dei FATTITALIBANI.
    Ma confido su qualche lettore di buona volonta’. Curioso legge e rilegge fino da capire il SENSO, che e’ quello che conta.
    E veniamo al vivere li’ in AKATRAZ detto anche PATRIA.
    E quante stronxate si dicono in nome e della cosiddetta patria di cui le istituzionii e degli eroi.
    Non dimentichiamo la CPBDM.
    E’ sempre in bocka dei partigiani soprattutto. Ma i partigiani sono ormai tutti morti.
    L’EMULAZIONE e’ una malattia patriottika.
    Cosi’ come io credevo di essere come Tex Willer (da bambino) loro credono di essere partigiani.
    Va ben da bambini ma poi da grandi no. Diventa una malattia.

    E torniamo all’ionizio del discorso.
    ITALIA UNA E INDIVISIBILE..?

    Piu’ scemi di cosi’ si muore.

    Dove e quando e’ una.
    Uno stato si e con la forza.
    Ma poi parlare di popolo italiano. Meglio talibano…. No e’.
    Sarebbe meglio parlare di POPOLLI.

    Scrivevo molti anni fa ma come sempre ignorato, che basta prendere una carta geografica dell’italia un po’ allargata all’Europa, popi un compasso e puntasrlo nel proprio numero civico di residenza e allargarlo fino da passdare sopra VIENNA. Poco in la’ o inqua fa niente.
    Poi fate il cerchio e poi ditemi come facciamo noi essere fratelli di chi non entra nel c’entro.
    So che non lo avete mai fatto. Su, dai PROVATE e poi state tranquilli: in politica 1+1=a quello che si vuole e VIENNA PUO’ ESSERE A PALERMO E VICEVERSA.
    Per questo principio la politica e’ SPORCA.
    E sporchi chi la asseconda..!

    E, dato che si tratta di PALAZZI E POTERI ecco un’altra delle mie:

    IL PALAZZO POGGIA DA SEMPRE VERSO IL BASSO. AMEN.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

L'Italia, vigilata dai prefetti. La Svizzera, governata dai Cantoni

Articolo successivo

I giudici della Cassazione: Rackete ha rispettato dovere di soccorso