Crimea, ora sono i Tatari a chiedere l’indipendenza

di LUIGI POSSENTI

Dopo la caduta di Yanukovic per via delle rivolte di “Piazza Maida”, in Ucraina è iniziata la decomposizione del vecchio Stato nazione. Ha iniziato la Crimea, che in pochissimo tempo ha pronunciato una dichiarazione unilaterale d’indipendenza, seguita da un referendum (il 16 marzo scorso, vinto dai favorevoli alla secessione con oltre il 90% di consensi), seguito a sua volta dalla richiesta di annessione alla Russia.

Ora, è la volta di una minoranza della penisola oggi russa.I tartari di Crimea (12%-15% della popolazione) potrebbero creare un loro territorio autonomo nella penisola annessa dalla Russia. I delegati del congresso intendono infatti adottare una risoluzione intitolata “sul diritto del popolo tartaro all’autodeterminazione nel loro territorio storico di Crimea”, con la quale, spiegano, “informiamo tutte le parti dell’inizio delle procedure politiche e legali per definire un territorio nazionale autonomo”.  Il presidente del Mejlis dei tatari di Crimea Refat Chubarov ha dichiarato che il documento non riconosce l’adesione della Crimea alla Russia e la perdita dell’Ucraina della penisola. Chubarov ha presupposto che i tartari di Crimea possono tenere un referendum nazionale per confermare il loro desiderio di autonomia. Ha anche dichiarato che questa intenzione si basa sul diritto internazionale.

Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/news/2014_03_30/I-tatari-di-Crimea-ha-annunciato-la-creazione-di-autonomia-5396/

I Tatari (o anche Tartari; in lingua tatara: Tatarlar/Татарлар) sono un gruppo etnico di origine turcica dell’Europa orientale e della Siberia. Gli odierni Tatari che popolano l’Eurasia formano tre grandi gruppi:

– i Tatari europei (di Crimea, Bulgaria, Russia Europea, Lituania, Polonia, Romania e Turchia)

– i Tatari del Caucaso

– i Tatari di Siberia

Un nuovo scossone geopolitico, sicuramente da tenere monitorato.

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

5 Comments

  1. Pedante says:

    Alla redazione: “Piazza Maidan” ☺

  2. Speriamo che i Tatari non confondano “Indipendenza” con il desiderio di annessione a qualche altro protettore peloso.

  3. legn de Balìs says:

    Vabbè, però non esaltiamoci !

    In Lombardia, purtroppo, abbiamo pochissimi tàtari e troppi tàter !!!

    Altra pulenta !!!

  4. sandrone says:

    Ad est della A22 comincia l’Eurasia!

  5. sandrone says:

    Guardate cosa succede quando i Servizi Segreti americani ci mettono lo zampino. Stile Kossovo.

Leave a Comment