Cresce il nero. Al Sud il sommerso si somma al sussidio di disoccupazione

lavoro

“Come dimostrano i dati presentati dall’Istat – esordisce il coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA Paolo Zabeo  – con la crisi economica l’economia sommersa ha subito un forte incremento. In questi ultimi anni molti pensionati al minimo e chi ha perso il lavoro non hanno avuto alternative: per mandare avanti la famiglia hanno dovuto ricorrere a piccoli lavoretti per far quadrare i magri bilanci familiari”.

L’esercito dei lavoratori in nero presenti nel Paese è stimato attorno ai 3,5  milioni di unità di lavoro.

“Un vero e proprio esercito di invisibili – prosegue Zabeo – che non paga né tasse né contributi. E’ evidente che chi pratica queste attività irregolari fa concorrenza sleale nei confronti degli operatori economici che operano alla luce del sole  e  non possono o non vogliono evadere”.

 

Tuttavia, esistono forti differenze tra Nord e Sud del paese.

“Nel Mezzogiorno, ad esempio, possiamo affermare che il sommerso costituisce un vero e proprio ammortizzatore sociale. Sia chiaro – conclude Zabeo – nessuno di noi vuole giustificare il lavoro nero spesso legato a doppio filo con forme inaccettabili di sfruttamento, precarietà e mancanza di sicurezza nei luoghi di lavoro. Tuttavia, quando queste forme di irregolarità occupazionale non sono legate  ad attività riconducibili alle organizzazioni criminali o alle fattispecie appena elencate costituiscono, in questi momenti così difficili, un paracadute per molti disoccupati o pensionati che non riescono ad arrivare alla fine del mese.”

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Non siamo Sparta, meglio la leva locale

Articolo successivo

Il patrio feticcio. Un po' massone, un po' fascista, un po' di sinistra