Cota, elezione nulla. Lo conferma il Consiglio di Stato

di REDAZIONE

Le elezioni regionali del 2010 in Piemonte vinte dal governatore Roberto Cota sono da annullare.

Lo ha confermato la quinta sezione del Consiglio di Stato, presieduta da Luigi Maruotti, che ha respinto il ricorso presentato da Roberto Cota con il quale chiedeva la sospensiva dell’ordinanza del Tar del Piemonte che ha annullato le elezioni regionali del 2010. La V sezione giurisdizionale del Consiglio di Stato riunita oggi in Camera di Consiglio ha respinto tutti gli appelli che erano stati proposti dall’attuale governatore del Piemonte, Roberto Cota, che chiedeva di annullare l’ordinanza del Tar che ha annullato le elezioni regionali del 2010. “Il Consiglio di Stato – si legge nell’ordinanza della V sezione presieduta da Luigi Maruotti e che ha come relatore Antonio Amicuzzi – previa riunione degli appelli respinge le istanze cautelari e mantiene ferma l’esecutivita’ della sentenza appellata. Si riserva di depositare la sentenza di definizione dell’intera controversia ai sensi dell’art. 60 del codice del processo amministrativo.

La presente ordinanza sara’ eseguita dall’Amministrazione”. In sostanza il collegio del Consiglio di Stato vista l’urgenza della materia trattata ha “ritenuto di definire l’intera controversia con la presente ordinanza” e si riserva di emettere una sentenza che sara’ redatta nei prossimi giorni. “Ritenuto – si legge ancora nell’ordinanza – che non sussistono i presupposti per disporre la sospensione nel presente giudizio di appello, la presente ordinanza si limita a decidere sugli incidenti cautelari, mentre la sentenza che e’ in corso di redazione si occupera’ di tutte le questioni processuali e sostanziali sulle quali si sono soffermate le parti nei loro scritti difensivi e nel corso della discussione”. L’ordinanza ha dato ragione al contro ricorrente, Mercedes Bresso che nel 2010 si candido’ alle elezioni del Piemonte per il centrosinistra e che e’ stata rappresentata dall’avvocato Gianluigi Pellegrino.

La sentenza del Tar del Piemonte, confermata ora dal Consiglio di Stato, ha ritenuto la corsa elettorale regionale del 2010 viziata da una serie di firme false per la lista ‘Pensionati per Cota’. Per questo episodio e’ stato condannato in via definitiva un consigliere regionale.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

22 Comments

  1. mauro says:

    ho letto che qualche amante della democrazia, difende le elezioni farlocche solo perchè le ha vinte la lega. poverini!!! la lega è farlocca dalla testa. mi riferisco al suo fondatore , umberto bossi, che per anni ha ingannato la madre dicendo che andava all’università ed invece bighellonava tutto il giorno nelle osterie della bergamasca ad esporre il verbo indipendentista del nord: e cosa diciamo di belsito? quello che comprava i diamanti della tanzania od il figlio dell’umberto che per mestiere fà il rellista o del piccolo trota che usava i nostri soldi per farsi gli affari suoi?ricordo sempre cosa scrisse il grande prof. miglio a proposito di bossi: è l’unico lombardo che ho conosciuto nella mia vita che non ha mai lavorato un solo giorno. dimenticavo di dire che sono piemontese dalla testa ai piedi e l’unico documento tuttora che riconosco valido per una vera autonomia delle nostre regioni, è il documento di chivasso. c’è qualche legaiolo che sa cosa sia e l’abbia letto?

  2. luigi bandiera says:

    “Le elezioni regionali del 2010 in Piemonte vinte dal governatore Roberto Cota sono da annullare.”

    Si potrebbe ben dire: se vincono loro (i K) tutto e’ a posto; se vincono gli altri e magari leghisti, beh, ci sono sicuri imbrogli e brogli.
    Insomma NON VALE.

    Avete visto col porcellum..?

    Se al posto dei letti ci fossero stati i Berlusconiani..??

    Tutto da rifare di sicuro.

    Bel esempio di come ci prendono per il kulo.

    Salam

  3. Giancarlo says:

    Beh, perlomeno Chiamparino è una persona seria, qualsiasi cosa uno pensi della destra o della sinistra, che sia del Tea Party de Noantri oppure del Partito Marxista-Leninista Rivoluzionario, che sia un nazistello da tastiera oppure un khmer rosso da tastiera, che sia un indipendentista della domenica o un fascio romano der Tibbburtino III. Cota sappiamo tutti chi e cosa è, inoltre è bene ciò che punisce la Lega Merd, sotto qualsiasi forma, di qualsiasi genere e specie, e ancora meglio se le darà anche la botta finale. Quindi sarà male se in Piemonte vincerà ancora l’accozzaglia capitanata dal Banana o da qualche suo fantoccio legaiolo, magari assistito da qualche Fratello d’Italia o da qualche lista farlocca messa su per sfruttare le insensatezze della legge elettorale regionale (e finanziata dal Banana, ça va sans dire).

    • nick says:

      Chiamparino una persona seria?
      Uno che è sostenuto dal San Paolo (l’attuale padrone di Torino), dai potenti della sanità piemontese; uno che è spalleggiato da quella buona signora della Bresso?
      Ma vogliamo scherzare!

  4. luigi bandiera says:

    ELEZIONI NULLE IN PIEMONTE, E IN ITALIA..??

    Da un lato le firme, dall’altra il PORCELLUM.

    TALIANI…

    di cielo
    di terra
    e di mare

    FATE SCHIFO.

    Dite, ma funziona qualcosa qua in questo GRAN CASINO..??

    SI. LE TRUFFE LEGALIZZATE..!

    Salam

  5. Free4Ever says:

    Finalmente restaurata la dittatura della sinistra! Era ora! Un solo dubbio mi tormenta: perchè a livello statale i deputati eletti grazie al premio di maggioranza “incostituzionale” (l’ha sentenziato la corte “suprema”) sono rimasti al loro posto? Forse perchè sono tutti di sinistra? E forse perchè siamo in un paese del ca……………………….zo?

  6. pippogigi says:

    Penso che il Pd alle prossime elezioni regionali piemontesi avrà della gran brutte sorprese….
    In ogni caso la faccenda del Piemonte fa andare a gambe all’aria la macroregione della Lega, più o meno come il 70% di tasse che dovevano restare in Lombardia, i ministeri a Monza, il federalismo, l’indipendenza.
    Una bella serie di successi per chi ha abbandonato la causa indipendentista, tradito un popolo, sceso a patti con l’occupante italiano, ci consoleremo con il loro unico successo, Miss Padania, sperando che la vincitrice poi non si fidanzi con un calciatore diversamente bianco.

  7. Albert Nextein says:

    E adesso?
    Lo carcerano?
    Gli tagliano una mano?
    Annullano tutti i provvedimenti della giunta?
    Mettono la bresso a forza in capo?
    Oppure continuano a derubare i piemontesi, insieme tutti i partiti appassionatamente?

  8. Marellik says:

    Incredibile paese sottomesso alla dittatura rossa!!!!con un popolo cieco e sordo non saprei più cosa fare unica soluzione fermare produzione e cuore del paese e fare collassare tutto liberta

  9. Marcaurelio says:

    Sono i soliti giudici di sinistra…
    Ma non ci sono problemi rivinciamo alla grande alla faccia dei comunisti e degli indipendentisti .

  10. Edda says:

    Adesso voi indipendentisti della Domenica sarete contenti, immagino….

    • alberto says:

      Cota ha preso per il culo tutti i pecoroni che l’ hanno votato e basta, verrà ricordato solo per avere il dono di padre pio, lo sdoppiamento, mangiava alla stessa ora in due ristoranti diversi, uno a cuneo e uno a Novara e si faceva rimborsare gli scontrini di tutti e due. Svegliati fuori

      • Edda says:

        Svegliati tu : continua a seguire gli spiccioli mentre ti fottono i miliardi ed aboliscono le Provincie : così tutto andrà a Roma.
        Lì si che sanno risparmiare i soldi,vero ?

  11. Veritas says:

    A me hanno insegnato che qualsiasi legge o giudizio deve avere come base la LOGICA:
    Ora, che logica c’è nell’annullare tre anni di lavoro di una regione? Perchè, qualsiasi lavoro, anche importante sia
    stato fatto, visto che le elezioni non erano valide, o andrebbe rifatto, o distrutto: L’hanno fatto dei fintasmi?
    Certo, c’è da scervellarsi, ma non se ne viene fuori…….

  12. raniero says:

    Mutanda verde.
    Nipotino di latte di Bossi.
    Ahahahahah!!!
    Con questi personaggi volevate avere Indipendenza, federalismo autonomia……..ecc. ecc….
    Ahahahahah!

  13. Speren ke i ghe dimanda endrio tuti i skei ke i ga tirà!

    • wert says:

      ma tu che sei veneto venetista, super veneto 100%, quasi fossi solo tu l’unico vero veneto, perchè vuoi i soldi dei piemontesi?

      • A ki ke ga fato firme false, almanco i skei del rinborso spexe eletorali, cognaria farseli dar endrio, no te par?
        No digo par i conpensi ma par i rinborsi de le spexe eletorali si e tuti, ono sorà staltro, so l’onja.
        Ente la vecia Repiovega Veneta sti fanfaroni li saria fenesti al fresco-caldo dei pionbi o bandesti entel Mar Morto..

        • Free4Ever says:

          Chi ha fatto una lista con firme “false” si chiama Giovine ed è già stato condannato. Quindi chiedere a lui. I voti dati alla Lista per Cota sono voti di cittadini che hanno votato per Cota e sono voti validi. Come erano validi i voti dei napoletani che hanno votato fino alle 5 del mattino (7 ore dopo la chiusura “per legge” dei seggi) e nessuno ha mai obiettato! Ma in questo paese del c…………..zo tutto è possibile, l’importante è che vada a favore dello stato mafioso!

Leave a Comment