Cota: con l’opera di risanamento salveremo la Regione Piemonte

di REDAZIONE

“La Regione non e’ fallita, se saremo in condizioni di portare a termine l’azione profonda di risanamento la salveremo”. Lo ha detto il presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota che ha aggiunto: “se non andremo avanti con decisione sulle riforme avviate a cominciare da quella sanitaria che prevede un accorpamento di tutta una serie di strutture, si rischia il baratro”. Richiamando quindi l’affermazione fatta ieri in commissionione dal”assessore alla Sanita’, Paolo Monferino (vedi in sezione rassegna stampa), secondo cui “la Regione e’ tecnicamente fallita”, Cota ha proseguito “in un momento cosi’ difficile una mentalita’ di rigore e di efficienza e’ quella che ci vuole per raddrizzare la situazione”. Infine, a proposto delle voci secondo cui sarebbero a rischio i pagamenti degli stipendi, Cota. ha precisato: “se continuiamo con il processo di riforma non solo non saranno a rischio gli stipendi, ma lasceremo una Regione piu’ sana”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

10 Comments

  1. Cantone Nordovest says:

    falliti dopo solo metà legislatura ? Che fessi ..

    i DEBITI si lasciano ai successori , non a se stessi !

    bisogna saper calcolare meglio i tempi ed evitare di strafare

  2. Lucky says:

    ma fatela fallire sta regione, così lo stato vi rimborserà di un pò di quello che vi ha rubato in 60 anni, polentoni di……….

  3. ingenuo39 says:

    Belle parole. Adesso se non dice che cosa vuole fare per sanare il tutto e i quanto tempo lo fa, va bene altrimenti sono le solite parole al vento come fanno di solito.

    • Dan says:

      Un suggerimento: privatizzare gli utili e socializzare le perdite.

      Siamo noi, con la nostra calma, la garanzia del loro fondo cassa.

  4. Salvo says:

    Questi polentoni che campano a spese nostre…
    (non ci suona familiare?)

  5. Ferruccio says:

    “non solo pagheremo gli stipendi…ma lasceremo una regione più sana”

    “LASCEREMO” ……….
    sono già consapevoli che non saranno più rieletti

    • Dan says:

      I soldi che prendono governatore e consiglieri rientrano sotto la dicitura “stipendi” ?

      Perchè qui sono capaci di non pagare l’impiegato pur di continuare a mangiare con i rimborsi

  6. dario catti says:

    Questo incapace albanese con la sua combriccola di incapaci, sta togliendo a noi cittadini piemontesi, giorno dopo giorno, i servizi essenziali, sta demolendo la sanità, sta chiudendo reparto dopo reparto, tutto quello che serve per sopravvivere (pronto soccorso), vivere e curarsi nel modo migliore, la nostra esistenza è nelle mani di gente ignorante, assetata di denaro e potere.
    Sauti
    Dario Catti

    • Dan says:

      Gli incapaci o si rimuovono o si mantengono.
      Le parole non li faranno schiodare dagli rispettivi scranni.
      Se la gente non capisce questo allora paghi fino alla fine dei propri giorni.

  7. Dan says:

    Allora Cota, giusto per evitare che qualche bravo cittadino perda veramente le staffe e provveda ad una drastica pulizia fisica della feccia, ecco un piccolo appunto sul significato di “risanare”:

    VOI VI TAGLIATE LO STIPENDIO E TUTTI I BENEFIT
    VOI RINUNCIATE AI RIMBORSI CHILOMETRICI
    VOI RESTITUITE IL MALTOLTO CON I SOLDI CHE VI SIETE FOTTUTI FINO ADESSO

    VOI NON VI OSATE AD AUMENTARE UNA SOLA ADDIZIONALE CHE SIA UNA

    Uscite da questi binari e scoprirete come la brava gente può diventare molto ma molto cattiva.
    Il tempo delle parole è prossimo a finire e la scialuppa di salvataggio non vi accoglierà tutti: imparate bene da che parte stare.

Leave a Comment