Così il “grande fratello” Befera guarderà nei nostri conti bancari

di GIANMARCO LUCCHI

Sara’ operativo entro fine anno il Sid, Sistema di interscambio dati, la nuova infrastruttura dell’Agenzia delle entrate per la trasmissione e gestione dei dati bancari all’Anagrafe tributaria, messa a punto sulla base delle indicazioni del Garante della privacy. Lo ha rilevato il direttore dell’Agenzia, Attilio Befera, in un’audizione davanti alla commissione di vigilanza sull’Anagrafe tributaria. Befera ha assicurato che “le informazioni, che perverranno in una specifica sezione isolata dell’Anagrafe tributaria del riferimento all’anno 2011 e successivi, saranno caricate negli archivi nel rispetto dei diritti e delle liberta’  fondamentali dei contribuenti” e “mantenute per i soli tempi necessari al loro utilizzo ai fini previsti dalle norme, e utilizzate esclusivamente a livello centrale per la sola finalita’ di individuare posizioni a piu’ alto rischio di evasione da segnalare alle strutture operative per i necessari controlli”. Solo nella fase di controllo delle dichiarazioni, ha precisato, le strutture “potranno avviare la procedura telematica delle indagini finanziarie per ottenere informazioni di dettaglio sul contenuto dei rapporti finanziari”.

Tante parole, anche un po’ fumose per far finta di rassicurare. Ma nella sostanza il mitico Befera, e tutti i suoi sottoposti, spieranno i nostri conti bancari come e quando vorranno. Con buona pace del Garante della Privacy che ha messo in scena la sua pantomina per far vedere che esiste e per tentare di giustificare i lauti stipendi dei suoi commissari. Amen.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

9 Comments

  1. Borderline Keroro says:

    sarebbe interessante, impegnando una mezza oretta di tempo al giorno. DIeci minuti alla mattina, dieci al pomeriggio e dicei alla sera a fare un casino di micro operazioni inutili, rimpallando i soldi da un conto all’altro: vogliono dati? E chi siamo noi per non dargliene in quantità industriali?
    E non è illegale. Quando si troveranno dei tabulati lunghi quanto l’equatore, si divertiranno a pulircisi il culo.
    A differenza di certi miei colleghi che contano il numero di fogli da dare alla P.A. che devono essere giusti (non uno di meno ma neanche uno in più del necessario) io sono un esponente della corrente di pensiero “a lorsignori piace la carta? Diamone così tanta da farceli annegare!”
    Ed è il metodo che hanno usato per intasare la macchina dei gulag: moduli alla cazzo per qualsiasi stronzata.
    Seppelliamoli!

  2. Franco says:

    Perchè Befera &co non mette on line il suo estratto conto e quello del suo vice,sarebbe interessante sapere come fanno a spendere quella montagna di soldi nostri che “cortesemente” si sono fatti attribuire grazie alla nostra pazienza e stupidità?Mi propongo come volontario non retribuito per fare quella”revisione di spesa”che partrirebbe proprio dagli”stipendi” d’oro e dalle immeritate retribuzioni,garantisco che in NOVANTA GIORNI risparmierei dai VENTI ai TRENTA MILARDI di Euro ogni anno oltre a garantire ai meno abbienti una vita meno difficile e più dignitosa.Non siamo SUDDITI e da CITTADINI possiamo diventare rapidamente GIACOBINI !

  3. luigi bandiera says:

    “male non fare, paura non avere”…

    IO SONO VUOTO PER CUI SPERO CHE DAL ROSSO PASSI AL VERDE.

    Come dicevo giorni fa, se troveranno conti in rosso che faranno..?

    Diranno che non e’ vero e quendi che cerchiamo di fregare l’itaglia di cui la galera..?

    Avevo segnalato che il ministro Grilli (= a tanti grillini, ma per la testa) assomiglia tantissimo a DRAKULA.
    E’ pallido, magro e ha tanta sete, di sangue e lacrime..!! Le lacrime sono per lavarsi la bocca.

    Avanti: si gira.

    Tanto l’e’ tutto un film trikolionito.

    OBL aiutaci tu..!

    Amen

  4. Salvatore Giannasso says:

    Ma perché si applicano leggi e direttive europee per tutti i paesi membri e leggi europee solo per l’Italia?

  5. un povero scemo says:

    Mi sembra un’ottima idea per far scappare tutti i capitali in Germania… perfettamente in linea con il piano di monti di impoverire l’Italia a tutto vantaggio della Germania. Se con lo spread alle stelle qualche temerario era ancora intenzionato a mantenere i soldi in italia con questa mossa siamo sicuri che chiunque abbia un po’ di soldi li porterà fuori…

    Grazie Monti, dacci oggi la nostra legnata quotidiana…

  6. Dan says:

    Invece di mettere il naso nel culo di chi lavora si preoccupassero di creare un sistema di interscambio dati tra gli anagrafi e l’inps così si evita all’origine che i parenti di un morto possano continuare ad incassare la sua pensione.
    Quando vogliono sanno come arrivare…

  7. sciadurel says:

    nemmeno con Stalin e Hitler succedevano queste cose…

Leave a Comment