Cosa sarebbe diventata l’Europa per Miglio?

di BENEDETTA BAIOCCHIcartografia europa

Cosa non è l’Europa lo sappiamo. E’ esattamente ciò che è diventata. Secondo il filosofo Giovanni Reale, lo si capisce solo se “si individuano le radici da cui essa è sorta e da cui ha tratto alimento nella sua crescita e nel suo sviluppo. Poiché l’Europa non è stata una realtà geografica e neppure politica, bensì spirituale e per continuare ad essere tale dovrà. In ogni caso, cercare di fare rinascere e mantenere vivo quello spirito originario, occorre tenere presente che l’Europa non è una realtà identificabile con un’estensione territoriale, in quanto ha avuto e continuerà ad avere confini mobili e labili”.

E dunque non è una realtà geografica. Ma neppure politica, “non è stata una nazione e neppure uno stato con una sua unità politica. E’ nata dai germi che hanno resistito alla crisi della polis ellenica e a quella dell’impero romano”.

Affermava infatti Ratzinger che “l’Europa non è un continente nettamente afferrabile in termini geografici, è invece un concetto culturale e storico”. E Edgar Morin sostiene a sua volta che sia una “nozione geografica senza frontiere con l’Asia e una nozione storica dalle frontiere mutevoli”. E Gianfranco Miglio?

“Fra 50 anni una nuova combinazione di elementi politici e privatistici darà luogo a strutture di tipo neofederale ovunque. Potrà suonare per alcuni come una bestemmia, per altri, tra cui mi annovero, come una speranza: e se nel nostro futuro, una volta finita l’epoca degli stati nazionali (commerciali) chiusi, ci fosse la creazione di un nuovo spazio politico, di una struttura di tipo imperiale in grado di unire, rispettandone le diversità, tutti i diversi popoli europei?” (Quaderni padani, 37/38-2000, pg.170).

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. Massimo Caputo says:

    Condivido pienamente il pensiero, ma lo anticiperei integrandlolo con quello di Italia Federale. Ritengo che la nostra Patria per la sua storia prerisorgimentale potrebbe costituire un ottimo terreno di cultura per quel sano modello di Europa.

Leave a Comment