Coronavirus, pm Milano: “Indagine su case di riposo”

La procura di Milano indaga sulle case di riposo e sul numero dei morti tra i ricoverati, a cominciare da uno dei suoi simboli il Pio Albergo Trivulzio. “L’intero sesto dipartimento della procura, competente per la salute pubblica, sta lavorando alle varie segnalazioni: contestiamo reati di diffusione colposa di epidemie e omicidio colposo”, spiega all’Adnkronos il procuratore aggiunto di Milano Tiziana Siciliano.

In piena emergenza coronavirus qualcosa nei protocolli di alcune strutture sembrerebbe non aver funzionato. Le diverse denunce sono sul tavolo del procuratore aggiunto e riguardano, da quanto si apprende, oltre la ‘Baggina’, la casa di riposo don Gnocchi, la casa famiglia ad Affori, la Sacra famiglia di Cesano Boscone e la casa di riposo del Corvetto.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

OMS ha fallito. La denuncia del Wall Street Journal

Articolo successivo

Covid 19. Sicurezza e Dpi: se i veterinari non esistono per il governo