Coronavirus: la matematica è diventata un’opinione?

di Luigi Basso – L’organo ufficiale tecnico scientifico del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) è, per legge, l’Istituto Superiore della Sanità (ISS), che ha reso noti nei giorni scorsi i risultati, ancora grezzi, del primo studio complessivo sui decessi delle persone affette da Coronavirus.
Lo studio è davvero una miniera di riflessioni ed analisi.
Alla data del 4 marzo le persone decedute affette da Coronavirus erano 105: l’ISS ha raccolto le loro cartelle cliniche e le ha analizzate; ecco cosa ne è venuto fuori.
L’età media dei deceduti è di 81 anni.
Nel 67 % dei casi, i pazienti deceduti soffrivano di 3 o più patologie concomitanti (malattie cardiovascolari, diabete, etc.), nel 18% dei casi soffrivano di 2 patologie concomitanti, nel 15% dei casi di 0 o 1 malattia concomitante.
L’ISS ci fa sapere che per attribuire il nesso di causalità tra il decesso di un paziente e la sua positività al COVID, saranno necessarie autopsie e studi.
Quindi, attribuire tutti, proprio tutti, i decessi (oggi paliamo di 463) delle persone positive al Coronavirus al Coronavirus stesso è un’operazione gravemente scorretta e molto dannosa.
Infatti in questo modo si manipola in modo allarmistico il tasso di letalità (numero di morti A CAUSA di una malattia, e non solo affetti da una malattia, diviso il numero di contagiati x 100).

In attesa dei dati più precisi, un approccio statistico equilibrato e sensato suggerisce di ridurre almeno di due terzi il numeratore (oggi 463), togliendo quei pazienti che soffrivano di 3 o più patologie, poiché è verosimile ipotizzare che un ottantenne già debilitato da diabete o da un tumore, con problemi di cuore e ipertensione, per esempio, sarebbe deceduto anche con una influenza “classica”.
Fermo restando che anche il denominatore (oggi, 9172) è un numero completamente sballato, in quanto il totale dei contagiati è molto, ma molto, più alto rispetto ai “tamponati”, dato che vi sono molti positivi asintomatici o che sono malati e neanche sanno di aver contratto il Coronavirus.
Dato che il numeratore si ridurrà ed il denominatore aumenterà, presto scopriremo che si è scatenato un putiferio che ha fatto i danni di una guerra, senza alcun motivo.
O forse il motivo c’è?

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

E poi ci chiedono donazioni per la sanità. Non basta il residuo fiscale?

Articolo successivo

Bernardelli: il tutto chiuso lo stiamo pagando noi, imprese e lavoratori. Mentre lo Stato incassa le nostre tasse