La Corea del Nord, come non l’ha raccontata Salvini

di GIUSEPPE REGUZZONIcorea del nord

La Corea del Nord secondo AsiaNews, portale internazionale del pontificio istituto per le missioni estere, non racconta quel paese come lo ha visto Salvini. Non è, insomma, una barzelletta.

Sono pochi i siti informativi in grado di dire che cosa stia davvero succedendo in Corea del Nord: uno Stato alla disperazione, dove, come nel film “Le vite degli altri”, ma in una versione tragicamente ancor più radicale e spietata, metà della popolazione spia e perseguita l’altra metà. Tra questi siti si distingue, da tempo, e a livello internazionale AsiaNews, legato al Pontificio Istituto Missioni Estere. La Corea del Nord è un paese ufficialmente ateo, dove le religioni sono perseguitate, ma dove i pochi aiuti umanitari portati dalle chiese cattolica e protestante sono ormai l’unico, se pur rarefatto, sollievo a una popolazione piegata dalla miseria di Stato. La Corea del Nord ha un esercito consistente, tenuto in piedi con l’impiego del 30% del PIL: un’enormità, pagata con la morte per fame di decine di magliaia di propri cittadini. Proprio per questa situazione i deliri di Kim Jong Un, il trentenne dittatore che minaccia la guerra nucleare a Corea del Sud, Giappone e USA, devono essere presi molto sul serio. Asia News, con un articolo di Joseph Yun Li-Sun, spiega che la situazione è così disperata che, ormai, è davvero tutto possibile. Certo, la Corea del Nord sta, probabilmente, tirando il più possibile la corda per ottenere la riapertura dei negoziati interrotti nel 2008, da una posizione di forza. «Cina, Stati Uniti e Giappone sanno molto bene quali sarebbero le conseguenze di un conflitto aperto: milioni di profughi da una parte e un nuovo, temibile concorrente regionale dall’altra. Ma va detto che in Corea del Nord la situazione è più disperata che mai, e messi alle strette possono compiere atti inconsulti».

Viene riportato anche il parere di un sacerdote cattolico di Seoul, con contatti al Nord, di cui non si fa il nome per ragioni di sicurezza: «Proprio la situazione interna potrebbe portare alla decisione di aprire un conflitto. Kim Jong-un è giovane e non ha il pieno controllo del suo apparato militare, mentre la gente comune muore di fame e i lager si riempiono sempre di più. Il dittatore non vuole perdere il potere e potrebbe decidere che è meglio morire in guerra piuttosto che vedere un colpo di Stato, militare o civile che sia». Il punto, quindi, non è che nemmeno la Cina vuole la guerra – e, difatti, nello scorso mese di febbraio, per la prima volta ha votato anch’essa le sanzioni contro la Corea del Nord proposte in seno al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

La guerra potrebbe scoppiare anche se la Cina non lo vuole. La follia ideologica – il comunismo a Pyongyang è davvero una religione – e la disperazione economica, unitamente a qualche atto gravemente imprudente potrebbe scatenare l’inferno. Il prezzo sarebbero decine di migliaia di vite innocenti, presumibilmente tanto in Corea del Nord che in Corea del Sud. L’esito, oltre alla caduta del regime, sarebbe la riunificazione repentina e violenta della penisola, con milioni di profughi proiettati proprio sulla Cina. Che non li vuole: sia per ragioni economiche che per motivazioni ideologiche. Scrive, ancora, AsiaNews: «Su 22 milioni di nordcoreani almeno 10 andrebbero in Cina. Sarebbero 10 milioni di persone alla fame e profondamente ideologicizzate, che entrerebbero in Cina solo perché c’è il comunismo». Solo che in Cina il comunismo è capitalismo di stato, nella sua forma più radicale e ben poco attenta alla fratellanza internazionalista.

Oltre tutto, ricorda sempre AsiaNews, la Cina è già proprietaria di gran parte delle risorse economiche nordcoreane, e ha quindi tutto da perderci da un conflitto devastante. Se si analizza la situazione in termine di opportunità e di convenienza non ci sono dubbi: «La guerra, almeno per ora, non ci sarà. Pyongyang sa benissimo che un atto bellico significherebbe, in un modo o in un altro, la fine della propria esistenza». Lo afferma, ancora una volta una delle fonti di AsiaNews, un cattolico che tiene le relazioni con la Corea del Nord e di cui, conseguentemente, non si può fare il nome. Così la crisi vista in termini puramente razionali, ma con un’incognita: questa volta, e più che mai emblematicamente, siamo davvero di fronte non a freddi calcoli strategici, ma a forme di follia istituzionalizzata e, in quanto tali, imprevedibili. Intanto, ancora una volta la rete informativa della Chiesa Cattolica si conferma la più efficiente a ogni latitudine, grazie all’attività e all’intelligenza del suo personale missionario.

Altro che i politici che cercano passerelle.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

5 Comments

  1. mauro says:

    ci sarebbe un piccolo particolare da aggiungere: l’ultimo rapporto delll’OMS registra che il numero dei suicidi nel mondo, la Corea del Nord è seconda appena dopo la Guyana dove si registrano 44,2 suicidi ogni 100mila abitanti, Corea del Nord 38,5 suicidi ogni 100mila abitanti. in Italia si registrano 6 suicidi ogni 100mila abitanti.
    Salvini, ma che posto hai visto?

  2. lombardi-cerri says:

    Quello che accade in NK è la fotocopia di quanto avvenuto in TUTTI i paesi a regime comunista , coi risultati noti a tutti.
    Inutile invocare ipotetiche versioni di parte , invocazioni volte ad attutire una spietata realtà.
    Quanto a Salvini l’interesse che lo ha spinto a visitare il NK è lo stesso ( e forse di minore importanza) che lo spingerebbe ad andare a vedere una partita di calcio Monza-Gorgonzola.
    E’ pur sempre “vedere correre un pallone “.

  3. Dan says:

    Salvini è andato a fare il turista: ha visto solo quello che autorità nk gli hanno permesso di vedere ma almeno s’è scomodato di prendere l’aereo. Sembra anche che si sia ricercato un qualche accordo economico per la nostra economia asfittica. Meglio poco di niente

    Reguzzoni ha solamente acceso il pc e letto notizie riportarte da altri, di seconda, terza mano, forse oltre spacciate per vere da un organismo politico che si definisce di ispirazione religiosa qual’è il vaticano.

    Non dico che nk sia il paradiso ma almeno la visita di salvini è più credibile

Leave a Comment