Corea del Nord: no al dialogo. Kerry: “Difenderemo il Giappone”

di REDAZIONE

La Corea del Nord respinge l’offerta di dialogo di Seul, definendola un gesto di ”astuzia”. La presidente sudcoreana Park Geun-Hye, anche in occasione della visita del segretario di Stato americano, John Kerry, ha proposto colloqui per ”riattivare il processo di costruzione della fiducia reciproca” nella penisola. A partire, ad esempio, da questioni come il distretto industriale a sviluppo congiunto di Kaesong, fermo dopo lo stop di Pyongyang al rilascio di nuovi visti di ingresso ai lavoratori del Sud.

Il Comitato per la riunificazione pacifica della Corea, riferisce l’agenzia Kcna citando un portavoce, ha definito l’offerta di Park come un ”un astuto stratagemma per nascondere la politica del Sud di sfida e per indurre in errore sulla sua responsabilita’ in merito alla crisi del complesso industriale di Kaesong”. In aggiunta, l’offerta del Sud e’ definita come ”un guscio vuoto”, mentre e’ ribadito il concetto che ”spettera’ alla Corea del Sud fare in modo che il dialogo intercoreano possa ritornare in futuro”.

Intanto, il segretario di Stato americano, John Kerry, ha ribadito che gli Usa sono ”determinati a difendere il Giappone” da qualsiasi minaccia, nucleare o altro, possa venire dalla Corea del Nord. Kerry, nel corso della conferenza stampa congiunta seguita al termine dell’incontro avuto con la controparte nipponica Fumio Kishida, ha risposto a Pyongyang che venerdi’ ha minacciato il Giappone, a rischio di ”incendio nucleare”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Leave a Comment