Conte. Un premier o un narciso? Punto per punto, cos’è lievitato nel curriculum?

 rassegna stampa
Un fact checking sul curriculum di Giuseppe Conte

Giuseppe Conte, presidente del Conisglio incaricato dal presidente Mattarella, è finito al centro delle polemiche a causa del suo curriculum vitae. Avrebbe scritto, questa è l’accusa, cose false o per lo meno esagerate

Su la Repubblica del 23 maggio è uscito un articolo dal titolo “Non mi ritiro, ai 5S ho spiegato che è un equivoco” in cui vengono riportati diversi virgolettati attribuiti a Conte, in cui l’accademico dà la sua versione dei fatti. Abbiamo verificato.

Conte e la New York University

Cominciamo dalla questione che emersa per prima, grazie a un articolo del New York Times, quella del “perfezionamento” degli studi di Conte alla New York University.

Nel CV di Conte – nella sua versione di 28 pagine, depositata per candidarsi alla carica di membro del Consiglio di presidenza della Giustizia amministrativa – è scritto che “dall’anno 2008 all’anno 2012 ha soggiornato, ogni estate e per periodi non inferiori a un mese, presso la New York University, per perfezionare e aggiornare i suoi studi”.

Il New York Times ha contattato la New York University, la cui portavoce Michelle Tsai ha fatto sapere che “una persona con questo nome non risulta in nessuno dei nostri registri, né come studente né come membro della facoltà”. Tsai aggiunge che è possibile Conte abbia frequentato un programma di uno-due giorni dei quali l’Università non conserva traccia nei registri.

In realtà la spiegazione del diretto interessato è ancora un’altra, come si legge nell’articolo di Repubblica del 23 maggio. “Io sono stato lì d’estate, come molti studiosi, per utilizzare il patrimonio librario e gli archivi informatici (…) studiando tutto il giorno nella Library della School of Law. Si tratta di un tipico casi di visiting research, che non viene formalizzato, fermo restando che occorrono le autorizzazioni per entrare alla library”.

Una versione, questa, che combacia con quella data da Ettore Lombardi, ricercatore e allievo di Conte, all’Huffington Post. Secondo Lombardi, “‘Perfezionamento’ è una attività di studio che viene condotta all’interno di un istituto sulla base di una autorizzazione d’accesso alla library [cioè la biblioteca, ndR]. La posizione è quella del visiting scholar o del visiting researcher(…). Non dà un titolo e soprattutto non è una posizione formalizzata. Per questo non c’è traccia delle sue attività”.

Lombardi aggiunge poi di essere stato in due distinte occasioni, nel 2009 e nel 2012, alla New York University con Conte, durante uno di questi periodi di “perfezionamento” degli studi.

A certificare questa versione è arrivata un’ulteriore risposta della NYU, contattata da The Post Internazionale, secondo cui a Conte “è stato garantito il permesso di effettuare ricerche nella biblioteca giuridica della NYU tra il 2008 e il 2014”.

Dunque, sembrerebbe, sul punto in realtà non si può muovere un particolare rimprovero a Conte, se non quello di aver messo nel suo curriculum un’esperienza non particolarmente qualificante.

L’università di lingua tedesca

Un’altra contestazione che viene fatta in un’altra versione del suo curriculum – stavolta quella pubblicata sul sito dell’Associazione civilisti italiani – di aver “perfezionati i suoi studi giuridici”, tra le altre istituzioni, anche presso l’Internationales Kulturinstitut di Vienna, nel 1993.

Questa è tuttavia una scuola di lingua, senza corsi specializzati in materie giuridiche (es. tedesco giuridico).

Nell’altra versione del CV di Conte, quella di 28 pagine, è scritto più correttamente “nell’anno 1993 ha soggiornato a Vienna, studiando tre mesi presso l’International Kultur Institut” (il nome della scuola riportato nel curriculum, come si noterà, è sbagliato).

Nell’articolo di Repubblica del 23 maggio si dice che Conte avrebbe detto ai Cinque Stelle: “ho effettivamente frequentato un corso di tedesco che mi tornava utile per i miei [studi] giuridici”.

Di nuovo sembra dunque che al massimo si possa parlare di una svista per il CV pubblicato dall’Associazione civilisti italiani. Non è esatto, infatti, dire che abbia perfezionato i suoi studi giuridici in quella scuola: al massimo che abbia perfezionato il suo tedesco che poi aveva intenzione di applicare agli studi giuridici.

La Sorbona

Nel CV di Conte – da qui in poi facciamo sempre riferimento a quello di 28 pagine – si legge poi che “nell’estate dell’anno 2000 ha soggiornato presso l’Université Sorbonne di Parigi per svolgere attività di ricerca scientifica”.

Ma, come riportano i quotidiani, secondo le prime verifiche, il nome di Conte non figura nella banca dati di studenti, ricercatori, dottorandi di nazionalità straniera che hanno frequentato il principale ateneo parigino.

Conte, sempre secondo il pezzo di Repubblica del 23 maggio, avrebbe spiegato: “Sono stato alla Bibliothéque Cujas della Sorbona. E anche in questo caso la mia presenza è documentata da un’autorizzazione all’accesso”. Conte ammette di non aver conservato tale autorizzazione ma sostiene che la sua ragazza dell’epoca, anche lei giurista, potrebbe testimoniare.

Sarebbe insomma un altro caso simile a quello della NYU, in cui il “perfezionamento” consiste nell’aver studiato nella biblioteca del prestigioso ateneo, luogo il cui accesso è riservato e soggetto ad autorizzazione.

Cambridge

Per quanto riguarda Cambridge, nel CV Conte ha scritto: “nel settembre dell’anno 2001 ha studiato presso il Girton College, Cambridge University, ove ha svolto attività di ricerca scientifica”.

I quotidiani non sono riusciti a ottenere risposte dirette dal college inglese ma hanno rilevato come in quel periodo dell’anno di norma sia chiuso.

Conte, secondo la ricostruzione di Repubblica del 23 maggio, sostiene che possa trattarsi di “una svista sulle date, anche per la fretta con cui fu presentato [il CV] nel 2013 per il voto sui componenti del Consiglio di Stato” e afferma di essere stato ricevuto da Toni Weir – insegnante di Cambridge e studioso di diritto – nel suo appartamento al Trinity College.

Sul punto al momento non ci sono certezze. Secondo indiscrezioni riportate dall’agenzia di stampa Reuters il nome di Conte non comparirebbe nei registri, ma potrebbe trattarsi di un caso analogo a quello della Sorbona o della NYU.

Malta

Conte scrive poi nel suo CV che “nell’estate 1997 ha insegnato presso l’University of Malta, nell’ambito del Corso internazionale di studi intitolato: European Contract and Banking Law”.

All’università maltese, secondo quanto riporta la stampa, non risulta Conte sia mai stato fra i suoi docenti. Un portavoce, sentito da Repubblica il 22 maggio, non esclude che abbia partecipato a letture organizzate nell’estate del 1997 dalla Foundation for International Studies, una fondazione oggi defunta che comunque non faceva parte dell’University of Malta, ma con cui collaborava.

Conte, riferisce Repubblica del 23 maggio, ribadisce quanto scritto e sostiene che i direttori Guido Alpa, suo mentore, e Francesco Capriglione possono confermare.

Le altre contestazioni

Ma oltre a queste accuse, a cui Conte ha risposto almeno indirettamente via Repubblica, hanno iniziato ad emergerne di altre, per le quali ancora manca la risposta del diretto interessato.

Pittsburgh

Il Post, ad esempio, riporta alcune altre gravi contestazioni. La prima riguarda la parte di CV secondo cui nel 1992 Conte “ha svolto attività di ricerca presso la Duquesne University di Pittsburgh”. La direttrice dell’ufficio marketing e comunicazione della Duquesne University, Bridget Fare, ha confermato al Post che Conte non ha mai seguito corsi presso l’università.

Scrive il Post: “Nei primi anni Novanta, ha detto Fare, Conte era tuttavia coinvolto nella gestione di un programma che permetteva a studenti italiani di seguire dei corsi della Duquesne University e ‘si è occupato di ricerca in ambito giuridico e di migliorare la collaborazione con Villa Nazareth’, l’organizzazione italiana che finanziava il programma di studi all’estero”.

Il lavoro di Conte come coordinatore dei progetti di studio di Villa Nazareth è comunque indicato a un’altra voce del suo curriculum, rileva l’articolo, e dunque non è chiaro se Conte abbia segnato due volte in diversi posti del CV la stessa esperienza, o a cos’altro faccia riferimento.

European Justice Group

La seconda contestazione elencata dal Post riguarda la parte di CV in cui si legge che Conte “è stato designato a far parte del Social Justice Group istituito presso l’Unione Europea”.

Innanzitutto, scrive il Post, non esiste il Social Justice Group, ma piuttosto “un collettivo di professori di varie università europee chiamato ‘Social Justice in European Private Law’ e definito con quel nome, che aveva pubblicato un Manifesto nel 2004”.

Inoltre Conte non era membro del gruppo che ha scritto il manifesto, né è stato “designato” in alcun modo. A quanto pare, si sarebbe limitato a firmare il manifesto un anno dopo la sua pubblicazione, assieme a una ventina di altri esperti.

La consulenza per la Camera di Commercio di Roma

Terza contestazione del Post, il suo rivendicare a CV di essere “consulente legale della Camera di Commercio, dell’Industria e dell’Artigianato di Roma”. Come verificato dal Post, Conte ha fatto un’unica consulenza negli ultimi 10 anni.

Lo Studio Alpa

Per concludere, possiamo infine riportare  la vicenda piuttosto complessa di cui ha scritto il Foglio, che lo ha definito  “mistero”, circa lo studio legale che Conte avrebbe fondato insieme al professor Guido Alpa. Nel CV si legge che Conte “nel 2002 ha aperto con il prof. avv. Guido Alpa un nuovo studio legale dedicandosi al diritto civile, al diritto societario e fallimentare”.

Tuttavia, come riporta il Foglio, lo studio Alpa non ha associati da quanto nel 2012 se ne andò il socio storico di Alpa, Tomaso Galletto. Giuseppe Conte era insomma un “of counsel”, un semplice collaboratore dello studio Alpa.

Conclusione

Per quanto riguarda le prime incongruenze nel CV di Giuseppe Conte, in particolare quelle relative a NYU, Cambridge e Sorbona, sembra che non ci siano particolari problemi. Conte pare abbia effettivamente avuto accesso alle biblioteche dei prestigiosi atenei e ha segnato nel CV – scelta discutibile ma legittima – di aver “perfezionato” lì i propri studi.

Anche per quanto riguarda gli studi a Vienna, al massimo si può parlare di una svista nell’aver indicato – nel CV pubblicato dall’Associazione civilisti italiani – di aver lì “perfezionato gli studi giuridici”, visto che si tratta di una scuola di lingua.

La questione dell’insegnamento a Malta è un po’ meno chiara, e aver scritto di aver insegnato presso la University of Malta se la verità fosse che invece ha insegnato in corsi estivi organizzati da una fondazione associata all’università in questione, inizia ad essere qualcosa in più di una svista.

Spinose poi anche alcune delle contestazioni ancora prive di risposta da parte di Conte: c’è poca chiarezza sulla sua esperienza a Pittsburgh, forse esagerata, e appaiono – allo stato attuale, che saremo pronti a rettificare se l’interessato fornisse le spiegazioni del caso – molto esagerate sia il suo ruolo di membro “designato” dal Social Justice Group dell’Unione europea, sia il suo ruolo di “consulente” per la Camera di Commercio di Roma, sia il suo ruolo nello Studio Alpa.

Se avete delle frasi o dei discorsi che volete sottoporre al nostro fact-checking, scrivete a dir@agi.it

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. caterina says:

    ma suoi garanti sono il figlio di Mattarella e il figlio di Napolitano entrambi docenti universitari come lui… cose di famiglie ovviamente… come sempre la miglior garanzia… in fondo insegnare non e’ come costruire un palazzo che poi magari crolla… Chi insegna non sbaglia mai per definizione!

Leave a Comment