CONFEDERAZIONE GRANDE NORD ADERISCE A MANIFESTAZIONE DEL 15 SETTEMBRE A VENEZIA

Rinasce_la_Speranza_Padania_Venezia_15-settembre-2018_miniatura

C’è un luogo simbolo non solo della memoria, Venezia, che richiama una questione aperta, irrisolta. E’ la questione di un territorio, il Nord, che non ci sta a pagare per tutti. Per questo, sabato 15 settembre, Lega Padania Nazione organizza   una manifestazione nel capoluogo veneto che pone al centro della politica i popoli del Nord.

L’evento, al quale ha aderito anche il presidente della Confederazione Grande Nord, on. Roberto Bernardelli,  non nasce per esprimere nostalgia verso il passato.
È piuttosto la necessità di dare voce a cittadini, imprese, artigiani, che attendono la liberazione fiscale, che hanno diritto all’autonomia dei territori, che vogliono decidere a casa propria senza essere omologati alle ricette uguali per tutto il resto dell’Italia. Il Nord non scappa dall’Europa. E’ già Europa. Ma non intende essere, come sempre, barattato per mantenere le pensioni di chi non ha lavorato e gli assegni dell’assistenzialismo di chi il lavoro lo lascia agli altri, della scuola dai voti facili che sforna cittadini impreparati ma che occuperanno gli uffici pubblici.

A Venezia il 15 settembre vi saranno numerosi movimenti autonomisti e indipendentisti del Nord, perché il pensiero unico prima del centralismo e ora del sovranismo non è la soluzione ai mali dello Stato inefficiente.

Il ritrovo della manifestazione è sabato 15 settembre a Venezia alle 11,30 in Piazzale Roma. L’evento si terrà in Campo San Giacomo dall’Orio alle ore 12,00.  

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. mumble says:

    Se qualcuno pensa di dividere il fronte padano per far imperare Roma si sbaglia.
    Non passeranno questi discorsi romani, i padani hanno capito che solo facendo fronte comune possono formare quella massa critica necessaria per cambiare le cose.
    I Veneti lo sanno benissimo, quindi le varie Caterine possono risparmiare tempo e fatica evitando di creare inutili divisioni.

  2. caterina says:

    Vi volete pulire la faccia andando a Venezia? Ma fin che non capite che la Lega pur essendo temporibus nata in Veneto non e’ piu’ oggi espressione dei Veneti, nonostante Zaia e il venditore dell’idea indipendentista Guadagnin diventato succube alla politica dei politicanti di oggi, Salvini Zaia e sindaci vari, cioe tutti quelli che si son dati da fare per raggiungere una poltrona sfruttando il vecchio slogan della lega ma tradendolo… ragion per cui i Veneti veri si sono organizzati da soli e sono andati per la strada unica che oggi e’ salvezza come stanno facebdo i Catalani..e noi qui nel Veneto senza il rumor di stampa e televisioni, anzi nel dileggio dei quotidiani prezzolati, abbiamo votato in massa nel 2014 per l’indipendenza e, nonostante tutte le vostre sigle, i Veneti oggi sono gia’ indipendenti… Sette anni ci hanno impiegato gli USA dalla dichiarazione all’attuazione dell’indipendenza… Noi speriamo di impiegarci di meno… Vi prego, svegliatevi Lombardi! Non imbrogliate le carte… che’ non giova a nessuno, salvo che a Salvini… a cui continuate a far propaganda…contro noi Veneti veri…e voi stessi.

Leave a Comment