Condono edilizio, quei Comuni che non alzano il sedere per riscuotere il dovuto…

«Non serve un altro condono edilizio per recuperare risorse. Basterebbe semplicemente incassare quelli precedenti. Se all’appello del Governo mancano ancora dai 6 ai 7 miliardi di euro, occorre inserire una norma che obblighi i Comuni ad evadere le pratiche di sanatoria ancora inevase.»

E’ quanto dichiara il prof Sandro Simoncini, urbanista e docente a contratto di economia delle imprese all’Università Uninettuno.

«Sono oltre 4 milioni le domande di condono edilizio presentate dal 1985 che giacciono sospese negli uffici comunali italiani da 35 anni – continua Simoncini – per un potenziale incasso da parte dello Stato di circa 19 miliardi di euro».

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Elezioni regionali e Lega al 24,7%. Callegari: Milano e Venezia litigano su data del voto ma ai veneti serve l'autonomia

Articolo successivo

Banche: Unimpresa, Italia fanalino di coda sui prestiti garantiti