Con il nuovo redditometro si pagheranno fino a 9 mila euro in più di tasse

di REDAZIONE

Con il nuovo redditometro, lo strumento che consente di confrontare i redditi dichiarati dai contribuenti con il loro tenore di vita sulla base delle spese sostenute, gli italiani rischieranno, nel peggiore dei casi, di pagare fino a 9mila euro in piu’ di tasse. E’ una prima stima degli effetti elaborata dell’ufficio studi della Cgia di Mestre. Secondo l’associazione, con un maggior reddito stimato dal fisco pari a 10.000 euro, se il contribuente raggiunge l’accordo con l’Agenzia delle Entrate che gli sconta il reddito imponibile del 5%, tra maggiori imposte e sanzioni ridotte dovra’ versare tra i 4.250 euro circa e i 5.640 euro. Se, invece, non accetta la proposta del fisco e fa ricorso alla Commissione tributaria e alla fine dei due gradi di giudizio perde, il contribuente dovra’ versare tra 6.815 e 8.906 euro.

Le simulazioni, sottolinea l’Ufficio studi della Cgia, sono state fatte su 3 tipologie reddituali: 20.000 euro, 40.000 euro e 80.000 euro. Al di sotto dell’ultima soglia, e’ ricordato, c’e’ il 98% del totale dei contribuenti italiani.    Nel caso, invece, si raggiunga un ”compromesso” con l’Agenzia delle Entrate che riduca il reddito imponibile del 20%, tra maggiori imposte e sanzioni ridotte il contribuente dovra’ versare tra i 3.366 euro fino a 4.750 euro. Se, invece, non accetta la mediazione avanzata dal fisco e fa ricorso alla Commissione tributaria e  alla fine dei due gradi di giudizio ne esce ”sconfitto”, il contribuente dovra’ versare all’Erario, come nel caso precedente,  fino ad un massimo di 8.906 euro.
Con il nuovo redditometro che fra qualche mese cambiera’ il rapporto tra il fisco e i contribuenti italiani, secondo la Cgia, i primi avranno la possibilita’ di ”costruire” a tavolino i redditi dei secondi sulla base delle spese che questi ultimi hanno effettuato, anche per mezzo di una serie di indici fissati a priori. Nel caso in cui il reddito presunto dall’amministrazione superi di almeno il 20% di quello dichiarato, il fisco convoca il contribuente per chiedere di giustificare lo scostamento tra le spese effettuate e il reddito dichiarato. ”La normativa – dichiara il segretario Giuseppe Bortolussi – limita la possibilita’ di dimostrare che le spese realizzate dal contribuente siano avvenute con redditi diversi da quelli posseduti nello stesso periodo d’imposta. Inoltre, sarebbe auspicabile che si stabilisse il carattere di presunzione semplice di questo nuovo strumento, permettendo al contribuente di discutere anche su come sono state conteggiate le maggiori richieste avanzate dal fisco. Infine, il giudice tributario dovrebbe essere messo nelle condizioni di avere un’ampia possibilita’ di giudizio anche nella valutazione dei risultati a cui giunge l’Agenzia delle Entrate con il nuovo redditometro”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. Giobbe says:

    E’ un ragionamento del cacchio !

    Chi dimostrerà di aver utilizzato una provvista legittimamente posseduta a vario titolo (risparmi, eredità, vincite….) non dovrà pagare proprio nulla !

    Con certi ragionamenti, che possono agitare solo i seminfermi di mente pensate di portare un contributo positivo all’autodeterminazione dei popoli ?

    Per chi lavorate ? Per i farabutti ?

    Beati i sudici, con nordici così !!!!!

Leave a Comment