Come salvare l’Ue in tre mosse

due italiedi MARCELLO CAROTI – Ho appena letto l’articolo Come salvare l’Ue in tre mosse, del professor Roberto Orsi.

Il professor Orsi è un lecturer alla Università di Tokio e produce da anni una interessantissima serie di articoli sull’Europa e la sua disgraziata unione.

Quest’ultimo articolo mi è piaciuto talmente che sento il bisogno di farne parte con i lettori dell’Indipendenza nuova.

Dopo aver affermato che questa unione è sull’orlo del collasso e che solamente un miracolo potrebbe salvarla, sente il bisogno di spiegarci brevemente quale sarebbe questo miracolo. Ce lo spiega in tre passi chiari e coincisi. Questi passi sono:

  1. Liberarsi di Angela Merkel
  2. Liberarsi di tutti i politici e i burocrati che pensano come Angela Merkel
  3. Liberarsi della cultura, mentalità, principi e valori che sostengono le politiche di Angela Merkel.

 

Questa idea del professor Orsi mi è piaciuta perché è riuscito a condensare in quattro righe tutto il problema della nostra Unione Sovietica Europea. Una cosa non facile da fare se pensate a quanti oceani di inchiostro vengono versati per spiegarci cosa dovremmo fare.

 

La Signora Merkel è stata allevata nella Germania comunista e quindi di economia ci capisce quanto io di cinese. Inoltre ha evidentemente assorbito quella capacità di manipolare le istituzioni politiche per raggiungere il proprio scopo senza curarsi dei risultati e della opinione del popolo: entrambe queste cose erano irrilevanti nella Germania comunista.

Sembra la personificazione del detto “colui che gli dei vogliono distruggere, prima lo rendono pazzo”. Evidentemente l’Onnipotente ci ha voluto punire mandandoci un abilissimo politico (nel senso più deteriore del termine) col preciso scopo di distruggere questa unione.

Il modo con cui ha gestito la crisi economica fa rabbrividire eppure è riuscita a mantenere un fedelissimo seguito anche di persone che, peraltro, sono sicuramente preparate: un’abilità “politica” stupefacente.

Sostiene l’islam con un accanimento che è chiaramente la manifestazione di una mania suicida. Sta obbligando i tedeschi, e di conseguenza tutti gli europei, ad accettare un’immigrazione disastrosa che può portare alla disintegrazione delle nostra società.

Da quando ha preso in mano la direzione della Repubblica Federale Tedesca ad ogni suo passo, ad ogni sua iniziativa qualcuno in Europa le ha girato le spalle ed è diventato un irriducibile nemico dell’unione. Non è mai tornata sui suoi passi, non si è mai guardata indietro, non ha mai cambiato rotta. Continua ancora ad andare avanti con una ottusità che non si può spiegare se non pensando a una qualche psicopatologia.

E i tedeschi continuano a seguirla!

Questo ha un risvolto drammatico per il futuro dell’Europa perché si stanno condensando di nuovo quelle nuvole di rivalità, se non addirittura di odio, verso la Germania e i tedeschi che hanno già provocato tante tragedie.

Senza volerlo, di malavoglia, i tedeschi si sono trovati a essere il paese guida dell’unione e il Destino ha voluto che avessero come leader un personaggio distruttivo come la Merkel.

Perché l’Onnipotente ci ha voluto punire così?

Io non voglio sembrare presuntuoso nel cercare di interpretare la volontà dell’Onnipotente ma è impossibile non puntare il dito alla presunzione, all’arroganza e all’incoscienza che hanno caratterizzato la nascita dell’Unione e dell’Euro.

Il professor Orsi ci dice che la disintegrazione dell’Unione è inevitabile e così l’Europa sconvolgerà ancora il mondo con le sue manie suicide, per la terza volta. Tragico destino.

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. Castagno 12 says:

    Il Professor Orsi, “in quattro righe” NON HA PER NULLA CONDENSATO TUTTO IL PROBLEMA DELLA NOSTRA UNIONE MONDIALISTA (Sovietica) EUROPEA.
    L’analisi di Orsi, riguardante la possibilità di salvare l’Ue, è PALESEMENTE INCOMPLETA.
    Chiariamo un concetto fondamentale: L’IPOTETICA salvezza dell’Ue sarà esclusivamente a vantaggio di Lorsigniri E NON DEI POPOLI CHE NE FANNO PARTE, INGABBIATI ED UBBIDIENTI.
    La riprovevole omissione del prof. Orsi riguarda il fatto che l’Ue NON E’ nelle mani dei Paesi che ne fanno parte, ma in quelle DEL GOVERNO MONDIALE che dispone a suo piacimento della COMMISSIONE EUROPEA, ANTIDEMOCRATICA – nessun Paese ha eletto i membri che la compongono.
    Quindi Angela Merkel fa il “galletto” in un pollaio di “capponi” e nulla più.
    Sostiene l’Islam, non per mania suicida, ma per la sua doverosa UBBIDIENZA AL SISTEMA GLOBALE.
    Io non vedo alcun risvolto drammatico per l’Europa “della Merkel”, maggiordomo zelante.
    Ma che si disfi questa INGOVERNABILE IMPOSIZIONE.
    Sarebbe inutile e assurdo tentare, ad ogni costo, di far sopravvivere un agglomerato ETEROGENEO.
    La Merkel vada pure avanti a fare danni.
    Ma quanti ne dovrà fare per innescare una reazione dei sonnolenti Paesi dell’Ue ?
    Anche recentemente il risultato, per noi dannoso, delle elezioni avvenute in Austria ha confermato un principio universale:
    I TREMEBONDI, GLI INSICURI HANNO SEMPRE PAURA DI LASCIARE UNA COALIZIONE CHE, ANCHE SE BALORDA OLTRE MISURA, INGANNA, ILLUDE E FA PENSARE CHE POSSA GARANTIRE UN MINIMO DI PROTEZIONE.
    I POPOLI INFANTILI AVVERTONO SEMPRE L’ESIGENZA DI UNA MANO FORTE – o meglio – PESANTE CHE LI GUIDI.
    SONO INCAPACI DI IMPORRE LA LORO VOLONTA’, PERCHE’ NE SONO PRIVI.
    La mancata conoscenza dei problemi fondamentali riguardanti l’Economia e la Finanza impedisce al popolo DI CHIEDERE E DI IMPORRE, A SUO VANTAGGIO, CIO’ CHE VUOLE.
    E L’IGNORANZA ATTIRA L’USO DISINVOLTO DI UN LEGNO NODOSO DA PARTE DI CHI GOVERNA UN POPOLO BUE CON L’ATTEGGIAMENTO DELLA PECORA.
    Che vi piaccia o no, LA REALTA’ E’ QUESTA.

Leave a Comment