Com’è nata la Cattedrale di Milano. Il libro di Paolo Grillo

Nei giorni scorsi si è tenuta una cena simposio organizzata da Terra Insubre per la presentazione del libro “NASCITA DI UNA CATTEDRALE. 1388-1418 LA FONDAZIONE DEL DUOMO DI MILANO” al Circolo “Ra Ca’ dur Barlich” di Varese. L’autore PAOLO GRILLO (professore associato di storia medievale – Università degli Studi di Milano), ha illustrato la sua magnifica opera, di cui diamo di seguito sintesi.

IL LIBRO
Il Duomo di Milano, simbolo della città e una delle cattedrali più maestose della Cristianità, con il suo tripudio di guglie che si slanciano verso il cielo, ha una storia lunga e affascinante che prese avvio nel lontano 1386, epoca in cui Milano era dominata dai Visconti. Nessun autore contemporaneo ne descrive un preciso «atto di nascita», ma numerosi documenti riportano la demolizione della vecchia chiesa di Santa Maria Maggiore e l’avvio dei lavori per la cattedrale: «del popolo» per alcuni – che attribuiscono l’iniziativa della nuova costruzione esclusivamente ai cittadini e al vescovo, per i quali erigere una chiesa monumentale, tale da mettere in ombra tutte le altre grandi chiese della regione, avrebbe dimostrato la centralità e la perdurante potenza della metropoli ambrosiana.

La storia del Duomo è anche dunque la storia dei rapporti di potere che impastarono le sue fondamenta, e dei diversi protagonisti che animarono la vita dell’epoca: l’arcivescovo, i papi, una cittadinanza fiera che mal sopportava il proprio signore, le maestranze d’Oltralpe.

Paolo Grillo, con uno stile godibile e una notevole ricchezza documentale, ci racconta in queste pagine i primi decenni di esistenza del Duomo, alla ricerca dei marmi con la scelta di quelli di Candoglia, all’impresa dei Navigli, lungo i quali particolari barconi chiamati «plati» trasportavano le pesanti lastre di marmo dal Lago Maggiore al centro della città, dove venne predisposto un porto di scarico di cui oggi rimane traccia solo nella toponomastica. Studiare gli archivi della Fabbrica del Duomo, fondata solennemente il 16 ottobre 1387, significa però anche conoscere nel dettaglio aspetti di vita quotidiana delle maestranze, il succedersi degli architetti e il dibattito sulle diverse idee costruttive in un’epoca che vedeva le architetture svilupparsi in altezza in quello che verrà definito «stile gotico», e scoprire atti di generosità di persone sconosciute, che diedero il loro fondamentale contributo alla riuscita di un’opera che avrebbe cambiato per sempre il volto della città. Sullo sfondo, i grandi temi dei traffici commerciali, degli scambi tra la città e le campagne e il dramma della peste, in un quadro generale che delinea il passaggio dal Medioevo alla modernità.

Image
Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. Romeo says:

    Interessante

Leave a Comment