Come il sovranismo del dj Matteo ha svenduto le ragioni del Nord

Schermata 2019-08-19 alle 14.52.56di Cassandra – La Lega salviniana ha voluto far intendere he Milano è come Enna. Che Treviso è come Caltanissetta. La virata verso il nazionalismo, il lepenismo, il sovranismo… ha portato alla svendita delle ragioni del Nord.

La Lega era scaturita da un problema reale. Non era facilmente liquidabile. Ma Matteo Salvini è riuscito a mettere tutto in liquidazione. Persino lo storico Giorgio Rumi parlò nel lontano 1987 di questione settentrionale sull’Osservatore romano.
Non è affatto vero che in quegli ambienti la questione del Nord non sia compresa… ” Chi ciancia di eguaglianza tra queste realtà sbaglia: il Nord non è come il Sud. L’eguaglianza è fittizia», affermava Rumi a La Padania nel 1997. Ma Salvini ha superato persino Rumi.

“La Padania esiste perché un pezzo d’Italia che è il Nord non ha una mentalità statalista, centralista ed assistenzialista. È come se un adolescente non volesse più stare sotto la tutela paterna. È il Paese che non ne può più di milioni di carte da firmare, di una burocrazia che sommerge i cittadini. Servono le riforme, ma Roma ha paura di farle. Nel cuore della Capitale temono che la locomotiva si sgancia dal resto del treno e se ne va».

Ecco, in poche righe c’è persino un programma politico, che dice tutto del sentimento del Nord, oggi acefalo. Ringraziamo il ministro che pavoneggiante dispensava con disprezzo bacioni agli avversari.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

3 Comments

  1. FIL DE FER says:

    I meridionali sanno e come fare i propri interessi, mentre qui al Nord c’è ancora gente con gli occhi imbottiti di prosciutto e non capiscono che bisogna cambiare modo di votare.
    Sino a quando ci saranno nordisti che continuano a votare i partiti tradizionali non andremo da nessuna parte.
    E’ necessario fare massa attorno a nuovi partiti che abbiano come unico obbiettivo la tutela degli interessi del Nord come ci stanno insegnando i meridionali.
    Visto che le autonomie dividono il Paese , dicono i politici meridionali, mafiosi, allora se noi del Nord votassimo come fanno loro avremmo veramente il paese diviso in due. Nordisti e Sudisti come nella guerra civile Americana.
    La Lega di Salvini l’ha combinata grossa e non è più credibile agli occhi di noi Veneti.
    Ci dobbiamo preparare a creare le conseguenze politiche di quanto accaduto.
    WSM

  2. caterina says:

    Dobbiamo trovare il modo di sganciaci da Roma…se lo fa chi e’ capace di farlo, altri capiranno che conviene ed e’ la strada giusta per progredire verso lo sviluppo delle proprie peculiarita’ recuperando entusiasmo e responsabilita’ che sono oggi represse e annullate da una cappa soffocante di burocratismo… il quale spersonalizza e fa nascere nei giovani e nelle persone dinamiche solo la voglia di fuggire… ed e’ un insulto alla fortuna di esser nati in un paese bellissimo dove popoli nel corso di secoli hanno prodotto patrimoni di civilta’ in una stimolante e pacifica convivenza che stiamo distruggendo per l’insipienza di una omologazione forzata da una casta politica assurda.

Leave a Comment