Come ci girano le pale 2 / Arresto Arata: in intercettazione, ‘sono sponsorizzato’

Schermata 2019-06-12 alle 16.47.37
"Domani mi fissano l'appuntamento con Cordaro (assessore regionali al Territorio ndr) e mercoledì' mattina vado invece da Turano quello dell'industria... che e' quello che Micciche' gli ha dato le disposizioni per… Turano si, che ci diamo del tu... e' importante?". Cosi' Paolo Arata, ex consulente della Lega arrestato oggi per corruzione, intestazione fittizia e autoriciclaggio, raccontava al figli del socio Vito Nicastri, Manlio, i suoi contatti con la politica regionale.  Il riferimento e' a Mimmo Turano, assessore regionale alle Attivita' Produttive. "Tu, la', devi forzare sul fatto che... Nicastri non c'e'!",
gli dice l'interlocutore consapevole della presenza ingombrante del padre, imprenditore con precedenti pesanti per concorso esterno in associazione mafiosa.
"Si pero' Micciche' era preoccupato", aggiunge Arata. "Siccome Gianfranco, pero', non e' uno stinco di santo… nel senso che... no, ma Gianfranco non sa fare niente... e' un incompetente", replica il figlio di Nicastri. "Si pero' io sono sponsorizzato, stai attento, pero', io sono stato portato, per quello che vi voglio parlare la'. Io sono stato portato da Gianfranco, da Dell'Utri (il riferimento e' al fratello del senatore Dell'Utri in carcere per concorso esterno in associazione mafiosa ndr)".
"Turano quando ha chiamato Gianfranco, Gianfranco e' stato molto determinato", conclude Arata.
L'inchiesta ruota attorno a un giro di tangenti intascate da funzionari regionali per facilitare i progetti nelle energie rinnovabili di Arata e dei Nicastri.   

"Si pero' io sono sponsorizzato, stai attento, pero', io sono stato portato, per quello che vi voglio parlare la'. Io sono stato portato da Gianfranco, da Dell'Utri (il riferimento e' al fratello del senatore Dell'Utri in carcere per concorso esterno in associazione mafiosa ndr)".
"Turano quando ha chiamato Gianfranco, Gianfranco e' stato molto determinato", conclude Arata.
L'inchiesta ruota attorno a un giro di tangenti intascate da funzionari regionali per facilitare i progetti nelle energie rinnovabili di Arata e dei Nicastri.
Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Leave a Comment