Colpo di Stato in Turchia. L’Esercito ha detto basta all’islamizzazione di Erdogan

turchia2

In Turchia è in atto un colpo di Stato, iniziato nella serata di venerdì. L’esercito ha affermato in un comunicato di aver preso il potere. Il primo ministro turco Binali Yildrim ha ammesso che un colpo di Stato è in atto. A Istanbul un ponte sul Bosforo (che collega Europa e Asia) è stato chiuso in uscita dal Paese. Sopra Ankara, la capitale, sono stati visti volare jet militari ed elicotteri, e alcuni video pubblicati su twitter mostrano degli spari. Le notizie sono al momento confuse e non è chiaro dove sia il presidente turco Recep Erdogan, anche se CNN e Reuters affermano che sia al sicuro. I militari affermano di avere agito per ripristinare i diritti democratici. Ad Ankara e Istanbul vi sarebbero scontri fra polizia ed esercito. Di certo sono stati esplosi colpi d’arma da fuoco nelle strade.

Il tentativo di colpo di Stato in Turchia coinvolge una parte sostanziale dell’esercito e “non solo pochi colonnelli”. È quanto riferisce a Reuters una fonte dell’Unione europea che sta seguendo gli eventi in corso in Turchia, che è Paese candidato all’adesione al blocco Ue.

Sembra un colpo di Stato relativamente ben orchestrato da una parte sostanziale dell’esercito, non da pochi colonnelli”, ha detto la fonte, aggiungendo che “hanno il controllo degli aeroporti e attendono di avere il controllo della tv a breve”. La dichiarazione è stata presa poco prima che la tv Trt trasmettesse una dichiarazione dell’esercito che dichiarava la legge marziale. “Controllano diversi punti strategici a Istanbul. Data la proporzione dell’operazione è difficile immaginare che si fermeranno senza avere la meglio”, ha concluso la fonte.

L’esercito turco ha annunciato alla tv di Stato Trt che, non appena sara’ concluso il colpo di Stato, “una nuova Costituzione sara’ preparata il prima possibile”.

Tutti i voli all’aeroporto internazionale Ataturk, ad Istanbul, sono stati cancellati. Lo riporta Skynews. In E’  stato bloccato l’accesso ai social network.

Intanto si è appreso che la Germania avrebbe rifiutato all’aereo del presidente turco Recep Tayyip Erdogan l’autorizzazione ad atterrare. Lo riporta la tv americana Msnbc su Twitter.

Nell’edificio che ospita la tv di stato Trt ad Ankara “e’ avvenuta un’esplosione”. Lo riporta la Cnn Turk. Il presidente turco Tayyip Erdoğan starebbe chiedendo asilo alla Germania. Lo hanno riferito fonti militari Usa alla Nbc News. Secondo le ricostruzioni, all’aereo presidenziale di Erdogan sarebbe stato negato il permesso di atterrare all’aeroporto di Istanbul. L’aereo avrebbe poi fatto rotta fuori dalla Turchia.

L’esercito turco avrebbe aperto il fuoco sul palazzo presidenziale. Secondo alcune testimonianze una forte esplosione sarebbe stata udita a Ankara.

Aerei ed elicotteri d’attacco avrebbero lanciato un nuovo attacco, il secondo in breve tempo, contro la Direzione della Sicurezza ad Ankara, il quartier generale dei servizi d’intelligence: lo ha riferito l’emittente televisiva ‘Cnn Turkey’.

Sale la tensione a Istanbul, in piazza Taksim affluiscono truppe militari, mentre i sostenitori di Erdogan scendono in strada gridando “Allah- Ahbar”

Print Friendly

Articoli Recenti

1 Commento

  1. Paolo says:

    La Turchia é avviata verso l’islamizzazione. E per l’Europa saranno problemi in futuro!

Lascia un Commento