“Colpo di Stato” dello Stato? Bernardelli (Grande Nord): Caro Mattarella, io li avrei fatti governare, si sarebbero schiantati da soli

bernardelli

di ROBERTO BERNARDELLI – Sicuramente lui, il presidente, lo sa meglio di altri su quale vulcano ci avevano fatti sedere. Ma questo braccio di ferro istituzionale inusuale, in cui il capo dello Stato ha detto no ad un ministro, con un sistema mediatico che è ben diverso da quelli delle generazioni precedenti, in cui il potere di persuasione era visto come garbo istituzionale, ha aperto scenari incerti e devastanti per certi aspetti.

Infatti Salvini si è apprestato a dire che il prossimo governo riproporrà l’impianto che ha subito i veti del Quirinale. Quindi saremo punto e a capo. In più, con percentuali che si possono prevedere bulgare per chi ha vinto la battaglia mediatica con il Colle. Cosa farà allora Mattarella? Dirà ancora di no? O sarà costretto a dimettersi?

Il disastro politico è sotto agli occhi di tutti. Su una cosa hanno ragione i legastellati, e cioè che i palazzi sono lontani anni luce dalle indicazioni di voto. E che quindi il potere fa capire che il voto non serve. Ma per colpa di entrambe, sia per il Quirinale che per la maggioranza che si era creata.

E in tutto questo, le tasse non calano, il Nord aspetta il suo residuo fiscale, le pensioni arrivano nell’anticamera dell’obitorio. Tutto per portarci dove? A nuove elezioni, con la stessa legge elettorale. Secondo me, il tradimento se c’è, arriva da tutto il sistema. Poveri noi, povero Nord.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. RENZO says:

    Dopo tantissimi anni stiamo arrivando alla nemesi tanto attesa….. la Padania è i veri Padani se la ridono….amaramente!
    WSM

  2. mumble says:

    Salvini è un bullo in cerca di pretesti per litigare. Con Mattarella si è impuntato sul nome di un ministro che predicava che il Sud mantiene il Nord… proprio così… Un genio, anzi due geni. Oggi cerca il pretesto di litigare con Berlusconi accusandolo di voler rompere l’alleanza di CDX … proprio lui che voleva fare un governo coi 5 stelle. Io ripeto che Salvini e Di Maio rappresentano il rigurgito dell’assistenzialismo più becero e irrazionale che non tornerà più. Quindi bisogna preparare la resistenza perché dureranno poco e finirà mailissimo e ci sarà il Nord da ricostruire come nel 1945 dopo il passaggio di questi restauratori dell’ancien regime. Per il resto, anche Mattarella sapeva che lasciandoli governare si sarebbero incartati alla prima curva e ha sbagliato a non dargli il via libera, ma è anche vero che non voleva passare alla storia come il Re che diede il via libera a Mussolini nel ’22 quando sarebbero bastati i Carabinieri per fermare la marcia su Roma: Salvini farà comunque quella fine lì.

Leave a Comment