Con il Collettivo Avanti la Lombardia il 9 novembre a Barcellona

da dirittodivoto.org9NEndavanti

Il prossimo 9 Novembre, l’intera Catalogna sarà in fermento: 6 mila seggi ospiteranno infatti il voto per la Consulta volontaria sul futuro politico della Regione. In questi giorni, migliaia di cittadini si stanno iscrivendo nel registro degli scrutatori, aperto ufficialmente dal Governo della Generalitat. Il presidente catalano, Artur Mas, è il principale artefice di questo “piano” elettorale, studiato accuratamente per consentire il voto, senza subire possibili ricorsi legali da parte dello stato spagnolo. Staremo a vedere come andranno avanti i preparativi nei prossimi giorni, che si annunciano sempre più “caldi” e interessanti.

Mai come oggi la democrazia nella propria essenza più pura, ossia il diritto di decidere di se stessi, si incarna nella lotta pacifica dei cittadini catalani per l’esercizio del voto, osteggiato in ogni modo da Madrid.
Proprio per questo motivo, il Collettivo Avanti ha deciso di promuovere e coordinare la presenza di una Delegazione Lombarda a Barcellona, in un giorno che si preannuncia storico e decisivo.

Il 9 Novembre, a partire dalle prime ore della sera, i ragazzi del Collettivo e i tanti amici che hanno già dato la propria adesione si ritroveranno in Plaza de Catalunya, con l’intenzione di rendere visibile e quanto più scenografica possibile la vicinanza della nostra comunità regionale, in mezzo alle centinaia di migliaia di cittadini che affolleranno uno dei luoghi simbolo della capitale catalana. Sarà una notte straordinaria e piena di trepidazione, di emozioni, di speranza.

La Delegazione Lombarda porterà i colori della Regione, a cominciare dalla Rosa Camuna. Il Collettivo Avanti sta riuscendo a sottrarre il vessillo biancoverde al grigiume burocratico, facendolo diventare bandiera di popolo. Tanti indipendentisti hanno compreso le ragioni della Rosa: fra di essi alcuni intelligenti protagonisti della politica lombarda. Il patrimonio strategico rappresentato da questo simbolo è enorme e giustamente va sfruttato. Nelle prossime settimane e, in particolare, nei primi mesi del 2015 le sorprese in proposito non mancheranno.

Chiunque sia interessato ad unirsi alla Delegazione Lombarda a Barcellona può contattare il Collettivo Avanti alla casella di posta elettronica oppure nella pagina dell’evento Facebook creata per l’occasione

L’iniziativa lombarda è stata ispirata da quella messa in campo dagli indipendentisti veneti, che da ormai alcuni anni intrattengono relazioni stabili e proficue con i colleghi catalani. Qui potete trovare il link per la Delegazione Veneta a Barcellona.

Accanto alle Delegazioni, segnaliamo con piacere che l’area indipendentista sta organizzando presidii di fronte o nelle immediate vicinanze dei principali consolati di Spagna nello stato italiano, sempre per il prossimo 9 Novembre. Si tratta di un’azione volta a testimoniare la solidarietà delle comunità peninsulari nei confronti della Catalogna e dei suoi cittadini. Molte realtà associative stanno aderendo. Non appena le entità coinvolte ci forniranno maggiori dettagli su luoghi e date, non mancheremo di renderli noti ai nostri lettori.

Ogni indipendentista di buona volontà può dare un segno di vicinanza alla Catalogna: con le bandiere catalane esposte su balconi e finestre (qui l’articolo-appello di Gianfrancesco Ruggeri) , con la partecipazione ai presidii di fronte ai consolati spagnoli il 9 Novembre oppure prendendo parte alle Delegazioni Lombarda e Veneta che si recheranno a Barcellona sempre il 9 Novembre. Partecipare è importante, anche per le nostre libertà e per l’autogoverno delle nostre comunità: aiutiamo la Catalogna!

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

3 Comments

  1. Giancarlo Pagliarini says:

    Ciao Walter
    Ho messo quel commento proprio per vedere cosa dice la Lega. Perché nella base c’è gente come te e come me.
    Indipendenza in Italia? La mia speranza si chiama Veneto. Sono milioni di anni davanti alla Lombardia. Se gli indipendentisti Veneti la smettessero di litigare tra loro credo proprio che ce la potrebbero fare!
    paglia

  2. Giancarlo Pagliarini says:

    Il 9 N dobbiamo essere tutti Catalani. Spero lo siano anche tutti i 101 mila della Lega che ieri erano in Piazza del Duomo

    • Walter says:

      Caro Giancarlo Pagliarini,
      La ammiro tanto, ma Le dico onestamente che a me la Lega Nord non mi piace piú. Stanno lasciando la strada dell’indipendentismo e creano alleanze con l’estrema destra sociale Italiana al livello Italiano e al livello Europeo creano alleanze con Front National di Le Pen. Tutti movimenti di Ultra destra che con il vero indipendentismo hanno nulla a che fare. Io sono un vero indipendentista apartitico e vorrei vedere spezzare questa Italia forzosamente tenuta unita, ma con movimenti del genere ho perso ogni forma di speranza. Perché la lega non si unisce con tutti gli altri movimenti indipendentisti in giro per lo stivale e formano un unico movimento al livello nazionale dando esempio il nome “basta Italia – movimento per le indipendenze in Italia”? Seconda domanda: Come vede le realmente l’evento di indipendenza in Italia?
      Walter

Leave a Comment