Cividale: il ritorno del Patriarca e la messa dello Spadone

di REDAZIONE

Una rievocazione di respiro storico regionale quella che ha animato la Città Ducale ieri, domenica 6 gennaio. “Diverse le novità introdotte per l’edizione 2013 organizzata dall’Amministrazione municipale di Cividale del Friuli in collaborazione con ben nove associazioni della città – spiega il regista, Luca Altavilla -. Marquardo von Randeck giungerà a Cividale, infatti, accompagnato dai Ministeriali Maggiori e dalle massime autorità del tempo rievocando la storica entrata del 1366, data che ha segnato la storia della Città”.

Ad accompagnato, per la prima volta, sono stati i funzionari del Patriarcato: i Cuccagna, camerari, che lo hanno affiancato recando il cofanetto con il sigillo; i Tricano, oggi D’Arcano, vessilliferi, col gonfalone con l’aquila d’oro; i Nobili Spilimbergo, coppieri, che han portato la coppa; i Prampero, maestri della cucina. Hanno affiancato Marquardo, inoltre, pure i Nobili delle Cappelle, con l’altarolo portatile della famiglia Boiani. Il gruppo ha animato con splendide coreografie piazza Duomo, slargo cittadino che sarà raggiunto, intorno alle 11.30 da tutto il corteo mossosi in precedenza da Borgo di Ponte.

Oltre 150 i figuranti protagonisti di quella che è stata una sfilata di grande impatto e coinvolgimento, anche grazie alle musiche, rinnovate e sempre più aderenti alla tradizione originale dell’epoca. Altra novità di quest’anno la presenza, in gruppi, in seno al corteo rievocativo, delle storiche famiglie nobili della Città Ducale: De Bortis, Boiani, Canussio, Di Ponte e Formentini.

Breve storia: Marquardo von Randeck, Patriarca d’Aquileia, fece il suo ingresso a Cividale del Friuli nel 1366. Si trattava di un evento di grande prestigio per la Città. Tutta la comunità diede lustro all’avvenimento con onori fastosi. La tradizione suggerisce che Marquardo, capo spirituale e temporale del Patriarcato aquileiese, prese possesso di Cividale e del suo territorio e introdusse la Messa dello Spadone. Una cerimonia mutuata dal mondo germanico che unisce forme liturgiche dell’antica Chiesa aquileise-cividalese del XII secolo con una ritualità politica e civile di derivazione imperiale. Da quel lontano 1366 questo rito ancor oggi viene celebrato nel giorno dell’Epifania.

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment