Arriva la circolare per interpretare le novità fiscali volute da Monti

di REDAZIONE

Arriva dalla Agenzia delle Entrate un circolare interpretativa per orientarsi tra le varie novità fiscali che si applicano dal 2013. Dalla maggiorazione delle detrazioni per i figli a carico al bonus in caso di disabilità, passando per la fattura semplificata. Sono solo alcuni degli argomenti trattati dalla circolare 12/E di oggi, che affronta tutte le novità fiscali introdotte dalla legge di stabilita’ del 2013 e dal decreto ”Cresci Italia”, con flash e piccoli memo esplicativi sulle principali innovazioni che interessano l’anno in corso. Si comincia con il pianeta famiglia.

Dal 2013, detrazioni piu’ alte per i familiari a carico. La legge di stabilita’, infatti, ha riservato un trattamento migliore rispetto al passato a favore di milioni di contribuenti con figli a carico innalzando, a partire dal 1° gennaio, gli importi base previsti per le detrazioni Irpef spettanti per ciascun figlio. In particolare, aumenta di 150 euro la detrazione base per i figli di eta’ pari o superiore ai tre anni, passando da 800 a 950 euro, mentre sale di 320 euro quella per i figli piu’ piccoli, cioe’ di eta’ inferire ai tre anni. In questo caso la detrazione cresce da 900 a 1.220 euro ciascuno. In caso di disabilita’, il bonus raddoppia. Se il figlio e’ una persona con disabilita’, lo sconto aggiuntivo da sommare alle detrazioni base che spettano per ciascun figlio a carico sale a 400 euro, quasi il doppio rispetto ai 220 euro garantiti dalla precedente normativa fiscale. In questo caso, quindi, l’importo complessivo da portare in detrazione e’ di 1.350 euro per i figli di eta’ pari o superiore ai tre anni e di 1.620 per quelli piu’ piccoli.

Arriva poi la fattura semplificata. Veste semplificata per le fatture di ammontare complessivo non superiore a 100 euro e, a prescindere dall’importo, per la cosiddetta nota di variazione dell’imponibile o dell’imposta. Il documento di prassi illustra la novita’ introdotta nel decreto Iva dalla legge di stabilita’, che consente di identificare il cessionario/committente stabilito in Italia con il solo numero di partita Iva o con il codice fiscale, oltre che di indicare l’operazione in modo sintetico, senza esporre distintamente imponibile e imposta.

 


Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. Albert Nextein says:

    L’ho già stampata.
    Ho usato carta scadente, perché voglio far un tentativo per spazzarmici il culo.

Leave a Comment