Cinque Stelle, tra “restitution day” e saluti a Napolitano in auto blu

di TONTOLO

Scrive l’Huffington Post: “I Cinque Stelle chiedono l’impeachment di Napolitano un giorno sì e l’altro pure, ma l’etichetta istituzionale sembra essere più importante. Così la senatrice grillina Laura Bottici, eletta Questore del Senato a marzo, non si è sottratta alla consueta cerimonia al Quirinale per lo scambio degli auguri di Natale e Capodanno con le alta cariche dello Stato. Di più: forse per non fare tardi, la senatrice – riferiscono testimoni – è salita al Colle con l’auto blu (proprio quell’auto blu che fino a pochi mesi fa era il simbolo della casta da abbattere)”. Eh sì che – da fonti ben informate – siam venuti a sapere che la Bottici vive a non più di 5-600 metri dal Quirinale.

Fare di tutta un’erba un fascio è un malcostume italiano, in particolare oggi che i grillini han deciso di festeggiare il “restitution day” e riconsegnare parte della loro paga: “I parlamentari 5 stelle – spiegano i gruppi di Camera e Senato – iniziano la battaglia per il Restitution Day 2. Battaglia, sì: perché persino per restituire i soldi allo Stato siamo costretti a combattere. Vogliamo che i Ministri Saccomanni e Zanonato aprano subito il Fondo pubblico di Garanzia per le PMI, come previsto dal Decreto del Fare, in modo da potervi versare il nostro contributo di oltre 2,5 milioni tra stipendi e diarie creando un effetto leva che arriva a 40 milioni di prestiti per le imprese. Oggi a partire dalle 11,30 saremo in presidio sotto il Ministero dell’Economia. Chiediamo al MoVimento di aiutarci nella nostra battaglia, collegandosi al sito apricontopmi.it dove si trovano tutti gli strumenti per agire subito. Governo, apricontoPMI!”.

Chissà se anche la senatrice Bottici ha messo mano al portafoglio…

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. diego says:

    Articolo semplicemente disgustoso, non me l’aspettavo su L’Indipendensa. Questa gente, i pentastellati, ha restituito soldi, soldi veri, mica parole, compresa la senatrice Bottici, cosa che nessuno mai ha fatto.
    Sputtanare tutto e tutti è una specialità dei giornalisti servi, ma quando è troppo è troppo. Sono sinceramente pentito di aver fatto la mia piccola donazione a questo giornale.

  2. Dan says:

    Colpa di grillo.
    Non passa giorno che non sbraita qualcosa che fa rima con rivoluzione poi, dopo che ha tirato il sasso, nasconde la mano e fa finta di niente.
    Questi grillini che sono stati eletti in parlamento fino a due fa erano sostanzialmente a spasso e dei potenziali suicidi per la crisi mentre adesso anche loro possono assaporare il bello della vita.
    Tolti quelli che hanno sfanculato il comico appena garantitesi la sedia, sono rimasti gli altri che sotto sotto sperano in qualche evoluzione ma vengono puntualmente delusi come i famosi “8 milioni di elettori che esigono rispetto (R)”. E’ gioco forza che prima o dopo cedono e prendono parte ai riti di palazzo.

Leave a Comment