Le prove Invalsi non piaceranno alla signora Ciampi

di TONTOLO

La signora Ciampi aveva a suo tempo formalizzato una verità nota a tutti: i meridionali sono più intelligenti.  I padani sono ignoranti, bifolchi e anche un po’ tardi, sennò non si sarebbero ridotti allo stato in cui si trovano. Siccome sono stupidi devono lavorare per mantenere chi è più intelligente e “studiato” di loro.  Anche per questo gli insegnanti sono spesso meridionali: vengono qui in missione a cercare di educarci un po’.

Questa certezza è però  guastata dall’ultima relazione dell’Invalsi, secondo la quale gli studenti nordisti sono molto più bravi di quelli sudisti.  Se il punteggio medio è di 200, si viaggia attorno a 211 in Padania, a 194 in Meridione e addirittura 185 in Sicilia e Sardegna.

I dati degli scorsi anni erano meno divergenti ma allora c’era ancora il Trota che andava a scuola ed “equilibrava” la media.

Adesso però come si spiega?

1) All’Invalsi sono razzisti?

2) Al Sud sono così bravi che fanno i test tanto per ridere?

3) Al Sud non ci vogliono umiliare a nei test sbagliano tutto apposta?

4) Tutti quelli più bravi li hanno già spediti qui a fare gli statali o a Roma a fare i politici?

Se quest’ultima ipotesi vale anche per gli insegnanti, allora si capisce tutto. Se i migliori sono quelli capitati nella scuola di mio figlio, non oso pensare cosa siano quelli rimasti là. Si spiegano le statistiche.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

6 Comments

  1. Albert1 says:

    Per caso esiste l’INVALSI dei cani? No, perché mi è venuto un dubbio: non è che da un po’ di tempo si son messi a pisciare i figli e a studiare i cani?

  2. CARLO BUTTI says:

    I test INVALSI sono una delle più solenni puttanate che siano mai state escogitate dal Ministero della Pubblica Ignoranza. Non misurano assolutamente nulla. Parola di chi nella scuola ha lavorato suo malgrado per quarant’anni. Tra parentesi: nella mia carriera di studente i migliori insegnanti che ho avuto erano meridionali o figli di meridionali. Tra gli insegnanti settentrionali ne ho conosciuti alcuni bravissimi, altri di tutto rispetto, altri che avrebbero fatto meglio a dedicarsi ad altro. Questo per dire che non si può ragionare in base a preconcetti.

  3. LUCANO says:

    sarenno tutti asini ma come mai tantissimi meridionale studiono nelle universita del nord e si laureano con profitto molto alto??? e magari vi restano come docenti (vd Bocconi o Cattolica)… se fossimo tutti asini sarebbe il contrario… o no???

  4. Xoventu says:

    SONO 10 ANNI CHE QUESTA DATI CI SONO, BASTAVA ANDARSELI A LEGGERE E INTERPRETARE:
    Noi di Xoventu.org abbiamo già fatto queste ricerche per contro nostro e guardate i grafici dei risultati (ancora nel 2004 sui dati 2001):
    http://www.xoventu.org/statistiche-shock/

  5. Ma un bel collegamento al rapporto INVALSI non potevi metterlo?
    Così i vari benpensanti italici possono gustarsi i dati oggettivi, così magari la smettono di sostenere che son venuti a portare la civiltà.

  6. Il Lucumone says:

    Lo studente più bravo non è necessariamente il più intelligente: ricordo banalmente che i “primi della classe” al liceo non sono spesso i primi nel lavoro, nella professione, nell’impresa.
    Il rapporto Nord- Sud è regolato esclusivamente dalla più amorale astuzia: loro in questo ci surclassano !
    Noi, presi per i fondelli da un secolo e mezzo, quando finalmente abbiamo detto “basta” abbiamo mandato nella Capitale un’orda famelica che si è fatta la dote..alle nostre spalle di “fessi al cubo” !
    Ora una parte dei barbari, crescente perchè vittoriosa, vorrebbe farci credere che “chi ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato, scordiamoci il passato: abbiamo sbagliato ma abbiamo trovato qualche vittima sacrificale” ! Nulla cambierà e loro. sempre gli stessi, invocando il dio Popò continueranno a prenderci per il sedere !
    Don Lisander, nel primo coro dell’Adelchi, prevedeva: ” l’un popolo e l’altro sul collo vi sta”.
    Gli studenti nordisti sono piu bravi di quelli sudisti: alleluja, i nostri rampolli saranno servi migliori!
    Fratelli alpini: più palle e meno maroni !!!

Leave a Comment