CENTRALI “AVATAR” PER IL BRASILE

di HERMES REALE

Il Brasile è un paese emergente in tutti i sensi. La sua economia cresce e, come tale, ha bisogno di energia.

Centrali idroelettriche ad altissima tecnologia, uniche al mondo nel loro genere, dove si accede solo via elicottero: è la realtà modello “Avatar” che proporrà il Brasile nei prossimi anni, secondo informazioni raccolte dal noto quotidiano carioca “O Globo”. Mentre non si sono ancora placate le polemiche degli ambientalisti attorno alla costruzione della mega-diga di Belo Monte, progettata in piena Amazzonia, il governo della presidente Dilma Rousseff prepara battaglia contro le nuove critiche che riceverà sicuramente dopo aver presentato, entro quest’anno, cinque nuovi modelli di impianti, la cui costruzione, su un’area inferiore ai 2mila km quadrati, è ancora una volta prevista lungo i fiumi che attraversano la foresta.

Le rivoluzionarie strutture – che garantiranno al gigante sudamericano un’autonomia energetica di quasi 11mila megawatt – utilizzeranno una tecnologia esclusiva brasiliana che non ha precedenti altrove: le centrali, studiate per avere un minor impatto ecologico, saranno issate su piattaforme simili a quelle di estrazione del petrolio in alto mare.

I cantieri, inoltre, saranno provvisori e verranno immediatamente chiusi al termine dei lavori; persino gli operai saranno trasportati sul posto via elicottero e non avranno installazioni permanenti.

«È quasi uguale a un film di fantascienza, mi ricorda ‘Avatar'(pellicola ecoscientifica di James Cameron girata in chiave futurista proprio in Amazzonia, ndr) – ha scherzato il ministro dell’Energia, Edison Lobao.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. zenzero says:

    La Roussef ha le palle

Leave a Comment