Speciale Cattaneo 5 Giornate

Cattaneo ammette: certe città come Milano decadono senza poi risorgere?

2

di CARLO CATTANEO – Hanno talune città un tempo di fortuna, ma poi decadono, senza più risurgere. Ma tali altre città, dopo qualsiasi lutto, risurgono sempre a novelle grandezze. Egli è perché la potenza loro non proviene da fatto d’uomo, ma da cause materiali e di natura. Tra siffatte città è Milano. Fin dall’era celtica era essa principale nell’Alta Italia: Mediolanum Gallorum caput. Divenne poi convegno della civiltà romana; Virgilio vi…

Cattaneo? Troppo onesto, anticasta e antispreco per essere capito dalla politica di oggi

di Franco Masoni * – Anche a Lugano, che dopo i moti milanesi subisce angherie e blocchi dal Lombardo-Veneto, il Cattaneo è attivissimo per la causa d’Italia. Nella stamperia dei Ciani, la Tipografia della Svizzera Italiana, pubblica L’Insurrezione di Milano. Entra poi in collaborazione con la Tipografia Elvetica di Capolago, fondata nel 1830 da Moderati, passata a Radicali e divenuta stamperia risorgimentale d’importanza capitale. All’arrivo del Cattaneo,…

Un solo lombardo ha traforato le montagne. Per scappare da Milano

di Franco Masoni * – Filippo Ciani, Consigliere di Stato, affida a Cattaneo il progetto di riforma dell’insegnamento superiore nel Cantone. Le sue idee animano la legge del 1852 sul riordinamento degli studi (…). Per oltre dodici anni tiene la cattedra di filosofia. Da Vico, Locke, Romagnosi, sviluppa la sua filosofia come somma delle scoperte di tutte le scienze, scienza delle scienze aperta a continua evoluzione; fondamento ne è il pensiero umano,…

La Lombardia non è la casa delle libertà

di Franco Masoni * – Nel 1834 Cattaneo pubblica e appoggia, negli Annali, il fransciniano Appello per una generale sottoscrizione a favore delle scuole pubbliche del Cantone Ticino: segue le involuzioni che minacciano le conquiste della riforma del 1830 e muovono la rivoluzione liberale del 1839, che non sarà l’ultima. Certo il Franscini scopre al Cattaneo le radici profonde dell’amore di libertà dei Ticinesi: le antiche tradizioni vallerane (forma che l’italiano regionale del…

Persino Cattaneo preferì lasciare una Milano senza palle. Meglio la Svizzera

1

di Franco Masoni * – La Svizzera Italiana irrompe nella vita di Carlo Cattaneo fin dal 1815, quando il giovane leventinese Stefano Franscini (di quasi cinque anni maggiore) lo raggiunge al Seminario Arcivescovile di Milano: compagni di studi, si legano di profonda amicizia (che il Cattaneo rievoca nel luglio 1857, nel Ricordo milanese di Stefano Franscini del luglio 1857). Gettate le tonache, Cattaneo nel 1817, l’altro l’anno…

Non sbagliamo come nel 1848, riprendiamoci la libertà!

1

di ROMANO BRACALINI – Dove eravamo rimasti?! Ma forse è meglio non andare troppo indietro, le nostalgie sono troppe, e quindi… andiamo avanti! Questo è un Paese che non si muove, figuriamoci se si muove con le parole! E’ un Paese rimasto indietro, arretrato, autoritario, e quindi se individua il nemico lo colpisce con l’arma…

Cattaneo, la differenza incompresa tra essere militanti e militonti

2

di STEFANIA PIAZZO – Cattaneo non solo è stato poco studiato, ma usato solo come bandierina per farsi un nome, per farsi vanto e pubblicità di un pensiero e di un’opera ancora oggi sottovalutata. Vergognarsi è poco… Ha scritto di tutto, i politici che lo sbandierano ne avranno letto solo i titoli…. A cominciare dal Politecnico…. E’…

Libreria San Giorgio, per i nostri lettori il volume “Dell’insurrezione di Milano nel 1848 e della successiva guerra – Memorie di Carlo Cattaneo”

Non solo 5 Giornate, ma una riflessione che supera le date e le circostanze: Lombardia, Nord… Italia… Disillusione, sogni, speranze, aspettative, tradimenti. Cosa è cambiato dal 1848 ad oggi? Forse poco… Per i lettori de lindipendenza.com il nostro quotidiano, grazie all’iniziativa dell’editore Libreria San Giorgio, offre il volume di Carlo Cattaneo  “Dell’insurrezione di Milano nel 1848 e…