Guardia di Finanza, perquisizioni dai commercialisti della Lega. Indagato il Tesoriere Centemero

lega no euro
(Ansa) – La Guardia di finanza di Genova sta eseguendo perquisizioni e sta acquisendo documenti negli studi di due commercialisti di fiducia della Lega a Bergamo, Alberto Di Rubba e Andrea Manzoni. Il blitz, coordinato dal procuratore aggiunto Francesco Pinto e dal sostituto Paola Calleri, è scattato nell’ambito dell’inchiesta sul presunto riciclaggio di parte dei 49 milioni frutto...

Governo e burocrati. Sembra quasi più vicina l’ eruzione di Pompei!

pompei
                      di GIANLUIGI LOMBARDI CERRI – La triste occasione del crollo del ponte di Genova, ha ulteriormente riportato sott’occhio, considerazioni negative sui burocrati e sui governanti. La situazione avrebbe richiesto tre comportamenti elementari. 1.-Il silenzio più assoluto, specie per quanto riguarda giudizi fuori...

La quiete dopo la tempesta 5/ Dai boschi distrutti teleriscaldamento e fondi Ue che scadono…

asiago
di CORRADO CALLEGARI – Rilancio del mondo economico che ruota attorno al bosco, recupero del territorio, formazione con scuole forestali, utilizzo dei vivai per il rimboschimento, nuove segherie, controllo della fauna nelle zone di ripopolamento boschivo, ed ecco, da ultimo ma non da ultimo, un progetto: le aree maggiormente colpite dalla Tempesta Vaia non sono metanizzate. Ciò crea condizioni...

Salvini sulla ruspa per le ville di Roma della mafia. Ma non su quelle abusive di Ischia

ruspa3
di GIORGIO TEANI – Salvini è finalmente salito sulla sua amata ruspa, tanto sognata e desiderata probabilmente. Una ruspa che ha abbattuto 8 ville a Roma, del clan dei Casamonica. Ben venga, ma non salirà sulla ruspa che abbatterà le case abusive ad Ischia perché non ce ne saranno, visto che ci sarà un condono, per quelle. Condono inserito nel decreto Genova. Non scatta più un sorriso…...

Padania con l’acqua alla gola, il governo pensa solo agli sbarchi

TRANSPADANIA
di ROBERTO PISANI – Il problema ambientale c’è ed è vivo ormai da anni, anche se viene trattato, tra l’altro solo per cronaca, solo dopo eventi drammatici, quali alluvioni, tempeste di vento, frane ecc.. Credo però che per trattarlo come si deve, cercando di fare delle critiche costruttive e non limitandosi a dire che è cambiato il clima, si deve analizzare il problema partendo...

L’euro piace di più agli italiani. Nonostante Salvini

di Roberto Bernardelli – La Lega ha fatto campagna elettorale fino a poco tempo fa con il suo esperto economico Borghi (quello che quando parla fa muovere spread e borse annunciando uscite dall’unione europea…), con lo slogan basta euro. Per non parlare della manovra economica tutta contro le misure fissate da Bruxelles per non uscire dal seminato e tornare a indebitarsi. Ebbene,...

La quiete dopo la tempesta 4/ Scuole per forestali in Veneto? Neanche l’ombra

scuola forestale2
di CORRADO CALLEGARI – Ci sono mestieri che sono trattati come se fossero di serie B. Invece sono vitali per una regione come il Veneto. A maggior ragione il disastro della tempesta Vaia di ottobre ha mostrato i punti deboli della filiera forestale.  In Veneto infatti la formazione e qualificazione degli operatori forestali è stata molto trascurata. Dopo un primo tentativo di creare una Scuola...

La quiete dopo la tempesta 3/ Fate rinascere il lavoro del boscaiolo e dei vivai veneti

boscaiolo
di CORRADO CALLEGARI – Per rimboschire serviranno  almeno 50 milioni di giovani piante. Ed è fondamentale che siano di origine locale. Da questo punto di vista il Veneto è ottimamente attrezzato perché dispone di una rete di oltre 100 popolamenti da seme censiti e classificati che permettono di raccogliere nel territorio regionale ogni tipo di materiale di propagazione (semi, materiali vegetativi...

La quiete dopo la tempesta 2 / Una cura di 10 anni per le foreste venete

asiago3
di CORRADO CALLEGARI – Prosegue la nostra ricerca di una soluzione, di un progetto per far rinascere il Veneto dopo la strage dei boschi di fine ottobre. Il territorio è ferito dalla presenza ovunque di microfrane, aree di terreno denudato a causa dello sradicamento degli alberi. Non ci dovrebbero essere problemi su questo fronte grazie alla bioingegneria. Il Veneto infatti, a partire dagli...

La quiete dopo la Tempesta 1/ Come ricostruire i boschi veneti. Subito cabina di regia regionale

asiago
di CORRADO CALLEGARI – La tempesta è arrivata, è passata ma la politica sembra esserci girata dall’altra parte. Sto parlando del cataclisma epocale che ha cambiato la geografia delle nostre Alpi venete. Boschi secolari, la fisionomia del nostro territorio, sono spariti. La stampa se ne è accorta dopo tre giorni. Il governo era impegnato a discutere di condoni a Ischia. E il Veneto, sta...