Europeisti contro nazionalisti? Il finto tormentone tra partiti

europa-impero-carlo-magno_258
di SERGIO BIANCHINI – Leggendo il dibattito proposto dai media che usano le notizie solo per far circolare i loro schemi mentali incollati gigantescamente come commenti sulle notizie ridotte al minimo, si vede chiaramente che secondo gli intelligentoni la contraddizione sarebbe tra europeismo e nazionalismo. Secondo me non è vero. Non credo ci sia un solo italiano o francese contrario alla...

Cara Bruxelles, con 6mila euro a migrante non si salva l’Occidente

Bruxelles
di GIUSEPPE LONGHIN – Ci risiamo, la Comunità Europea torna a trattarci da utili idioti. Bruxelles offrirà ai governi europei seimila euro per ogni migrante salvato nel Mediterraneo e accolto nel proprio Paese. Non riesco ad immaginare Norvegesi e Svedesi veleggiare caritatevolmente verso le coste libiche ad imbarcare migranti per portarli a Oslo o Stoccolma. Come sempre, per l’ennesima volta,...

Il nazionalismo è la guerra. Parola di Mitterand

guerra
di SERGIO BIANCHINI – Le domande di Sergio Romano e Alberto Alesina sul   Corriere della sera. Il 24 gennaio 2017 in un editoriale del Corriere, dopo aver sostenuto che la gioia dei populisti europei per l’elezione di Trump sia perfettamente comprensibile e logica, Romano ribadisce il teorema mondialista secondo cui “Il bilancio finale di un mondo protezionista è sempre complessivamente...

Migranti da spartire: ambiguità, furbizia, biforcutismo italiano

Migranti: Slovenia; filo spinato a confine con Croazia
di SERGIO BIANCHINI –  Forse non è un caso che in entrambe le ultime due guerre mondiali l’Italia abbia iniziato con uno schieramento, quello austro-tedesco e terminato con quello opposto, anglo-americano. Questa doppiezza italica è costante e perdura anche oggi. Da un lato si tende a est e dall’altro a ovest. Da un lato è chiara la nostra sintonia con i paesi di Visegrad, con l’Austria...

In Europa si ricordino della Brexit

brexit
di MARIO DI MAIO – C’è chi spera che il governo in carica duri, e chi non vede l’ ora che sparisca. In realtà importa poco per la rilevanza degli avvenimenti successivi al 4 di marzo, e cioè’: 1) e’ stata annientata un’ opposizione truffaldina che per la prima volta aveva adottato una legge elettorale architettata non per vincere ma per far perdere l’avversario...

Don Sturzo era più leghista di Salvini. Primo: non era di destra. Secondo: non era nazionalista

don sturzo
di GIOVANNI VENEZIA*–  (In questo scritto del collega e amico Giovanni Venezia, recentemente scomparso, vediamo la deriva odierna dei partiti e il venir meno dei valori che muovevano l’agire politico della Lega. Nata per cambiare lo Stato, ora rivolta ad altre geografie d’interesse, tanto da poter affermare che Sturzo era più rivoluzionario di Salvini. All’ultimo congresso...

Perché stupirsi di Macron? La Francia bruciò Giovanna d’Arco. Ma anche il Nord è una Giovanna d’Arco bruciata e tradita

giovannadarco2
di STEFANIA PIAZZO – Italia vomitevole per aver respinto una nave carica di migranti. Fiumi di parole e mezza diplomazia europea in crisi. Ovunque si giri la frittata, è l’Europa priva di identità, carica di tradimenti. Francesi, che rinnegano tutto da secoli, e sono anche quelli che hanno bruciato Giovanna d’Arco. Infine, è la questione migratoria, posta come chiave del consenso...

Gli sbarchi. Da Obama al Papa ai governi di sinistra il picco di prelievi diretti sui gommoni

sbarchi
di SERGIO BIANCHINI – Andamento sbarchi che dal 2013 cessano di essere sbarchi più o meno fortunosi e diventano prelievi diretti dai gommoni sulla costa libica con successivo trasporto, tramite nostre navi o ONG autorizzate,nei porti italiani.   Insediamento Obama-20 gennaio 2009 novembre 2012- rieletto fino al 20 gennaio 2017 Rovesciamento Gheddafi da febbraio a ottobre 2011 Il 6 ottobre ...

Le elezioni del 4 marzo 2018, il federalismo, l’indipendentismo, l’autonomismo.

partito indipendentista toscano
di CARLO VIVARELLI* –   Le prossime elezioni italiane del 4 Marzo 2018 saranno una pantomima triste e noiosa, condita da una Legge elettorale con la quale in pratica nessuno può veramente vincere, e con la quale si struttura a norma la necessità di fare, se si vuole creare un governo, una disgustosa ammucchiata. Ammucchiata che in realtà registriamo dal 1861. Una delle novità...

Il nucleare preoccupa il Papa più dell’Inferno

inferno dantesco
di MARIO DI MAIO – E’ perfettamente logico che papa Francesco abbia paura del nucleare, che in pochi secondi potrebbe distruggere l’umanità. Un po’ meno logico che dia l’impressione di non aver paura dell’inferno, argomento di cui non si occupa mai. Ma e’ proprio all’inferno che finiscono bombaroli terroristi trafficanti di armi e trafficanti di clandestini...