Palazzi & Potere - Page 2

Crisi di governo inevitabile: territori diversi stanno insieme con lo scotch

2

di Mario di Maio – A Roma da sempre si fanno e si rifanno governi per tutti i gusti e per tutte le stagioni, circondati costantemente di scarsa credibilità, con le inevitabili conseguenze negative sulla governabilità del Paese. Un’infinità di volte si e’ cercato di assicurare una governabilità maggiore modificando le leggi elettorali, ma senza risultati…

La secessione si è compiuta: lasciare il Nord, andare al Sud

2

di AGILULFO Sono Longobardo, si sa, e quindi ho la testa dura, e, allora, mi fido poco. Anzi, visto che mi sono fidato, oggi non mi fido più. Il nemico non è a Roma, come sbraita (o finge di sbraitare) ancora qualche padanista rimasto solo sull’atollo del 2%, e non è nemmeno a Bruxelles o…

Non basta un partito dei veneti. Serve una rivoluzione culturale

2

di Valter Roverato – Nel Veneto ci si sta muovendo per le elezioni regionali, che avverranno in primavera. I vari partiti stanno sondando i vari candidati, cercando di trovare colui che dovrebbe portare a termine la “mission impossible” di battere Zaia. E trattasi proprio di una missione impossibile, tutti lo credono e lo pensano, anche…

Al governo Conte il reddito di cittadinanza. Non lavora: solo due atti al mese

di Roberto Bernardelli – Reddito di nullafacenza al governo Conte bis. Non che il primo brillasse, anzi. Basta solo vedere i fatti: in 5 mesi l’allegra brigata ha deliberato 12 decreti legge, di cui 4 attualmente in discussione in parlamento. I conti si fanno presto a fare: sono 2,40 provvedimenti d’urgenza al mese. Cose da…

Quanto può durare un Paese così?

1

di Mario di Maio – I governi centralisti romani si susseguono e i problemi italiani  permangono immutati e quindi il gap negativo rispetto a tutti i principali Paesi europei si aggrava. Le cronache continuano a evidenziare tassazione eccessiva, disoccupazione giovanile, degrado idrogeologico inarrestabile, preoccupanti carenze nell’ istruzione scolastica Sud eternamente depresso, interferenza mafiosa elevata ecc.ecc.…

Il voto non serve se l’Italia non diventa federale

1

di Mario di Maio – Come d’abitudine, nel corso della campagna elettorale si sono evidenziati gli effetti negativi più recenti del sistema nato cresciuto e “perfezionato”in più di 150 anni di storia. Si e’ fatta propaganda infatti in una delle regioni ricche del Nord e in Calabria, fanalino di coda di quelle del Sud. E,…

Referendum taglio parlamentari. Voto il 29 marzo. Legge elettorale congelata. Salvini sapeva di perdere e di non poter far sciogliere le Camere

di Benedetta Baiocchi – La Cassazione ha ritenuto regolari (e quindi legittima la loro richiesta), le 71 firme raccolte per portare ancora al voto gli italiani, questa volta sul quesito referendario sulla legge costituzionale in tema di riduzione del numero dei parlamentari. Era nel programma di governo. Ma in Italia le cose non vanno mai come…

Ci serve il federalismo, non il cambio in eterno della legge elettorale

2

di Mario di Maio – In Italia non c’è campagna elettorale nazionale o locale in cui almeno una forza politica non reclami riforme costituzionali. immancabilmente viene anche auspicata una modifica della legge elettorale vigente. In pratica, sembrerebbe che i partiti , al di la’ del legittimo desiderio di aumentare il proprio consenso tra gli elettori,…

MEDICI IN CORSIA SINO A 70 ANNI: A RISCHIO LA SICUREZZA DEI PAZIENTI

Il Patto per la Salute 2019-2021, approvato lo scorso dicembre da Governo e Regioni, contiene una sezione (Scheda 3. Risorse umane) dedicata a varie misure volte a fronteggiare la carenza di medici e altri professionisti sanitari. Tra gli interventi in grado di garantire un tamponamento immediato dell’emergenza la facoltà, sino al 31 dicembre 2022, per…

Consulta boccia referendum leghista su legge elettorale

È inammissibile il referendum sulla legge elettorale, lo ha sancito la Corte Costituzionale. Per la Consulta il quesito è “eccessivamente manipolativo”. Il quesito referendario, inerente l'”abolizione del metodo proporzionale nell’attribuzione dei seggi in collegi plurinominali nel sistema elettorale della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica”, era stato presentato da otto Consigli regionali (Veneto, Piemonte, Lombardia, Friuli…