Rizzi a lindipendenza: se ci fosse Miglio sarebbe con Grande Nord. Avanti con le macroregioni

rizzi
                            di MONICA RIZZI* – Ho letto distrattamente su un quotidiano che Gianfranco Miglio dopo il congresso di Grande Nord si sarebbe rivoltato nella tomba. E perché mai? Io credo che il futuro del Paese abbia una cruna dell’ago obbligata. Quella della macroregione. Forse il grande professore si...

Oltre la Lega, il Nord merita libertà

nord macro
di STEFANO BELLEI – Cosa si può salvare dell’esperienza politica che ha attraversato il Paese per un quarto di secolo in particolare al Nord? La domanda è sbagliata. Va posta diversamente: cosa è rimasto irrisolto tra le questioni più urgenti che il Nord non ha saputo risolvere attraverso la propria classe politica? Direi quasi tutto. Le tasse non scendono, crescono. Il Nord continua a produrre...

Algoritmi versus democrazia. Boscaro: Ma per battere Salvini occorre fare comunicazione con idee proprie

facebook
rassegna stampa di ANDREA BOSCARO (…) L’ampiezza della base di fan della Pagina Facebook di Matteo Salvini è però anche la causa della sua potenziale debolezza: l’algoritmo infatti premia la visibilità dei contenuti in ragione del tasso di interazione che produce, e costringe chi la gestisce a confrontarsi con un’asticella sempre più alta, sia sul piano quantitativo, più contenuti...

Boni: la lista civica Fontana, dependance della Lega Salvini premier, per “tener buoni” gli autonomisti?

fontana2
di DAVIDE BONI – Devo premettere che stimo tantissimo l’attuale Presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana. di più, l’ho avuto come Presidente del Consiglio in Regione. Di più, sinceramente lo considero un amico, una di quelle persone che è una fortuna averlo come amico e leader. Fatta questa premessa, ho letto con interesse il lancio di questa lista civica a suo nome, molto...

Italia, una Repubblica fondata sul potere ai comici

LIno-Banfi-Unesco
di ROBERTO BERNARDELLI –  Un governo di comici. Più un circo che un esecutivo che rappresenta la volontà popolare. Una commedia all’italiana. La nomina di Lino Banfi, il vicino di casa che guarda la gnocca Fenech dal buco della serratura, quale ambasciatore Unesco, non sorprende. All’anagrafe Pasquale Zagaria, protagonista negli anni della “gamba fuori” delle prime pellicole da prurito...

Partiti e consenso: che democrazia può essere quella che sceglie i leader su facebook?

facebook
di ROBERTO PISANI – Si parla tanto della crisi della politica, del distacco dei cittadini, in special modo per quanto riguarda le giovani generazioni, dalla vita sociale, civile e politica. Ma cosa fanno i partiti per far fronte a tutto ciò? Niente, proprio niente, anzi sembrano godere di questa tendenza. Purtroppo, o per fortuna, per questioni anagrafiche ho vissuto e mi sono formato politicamente...

Il potere a beceri e bamboccioni, mentre la finanziaria la paga il Nord

manovra
di MARCELLO RICCI – Errare  humanum est, perseverare haute diabolicum.  L’errore è nell’ottobre del 1860 quando tre personaggi ( Garibaldi, Cavour, Vittorio Emanuele II) decisero di accorpare con una fusione a freddo il lombardo-veneto strutturalmente asburgico, allo stivale borbonico.  L’impronta della civiltà austro-ungarica, saldata a quella di Federico II di Svezia. La  sua corte...

Frasi epiche. Di Maio: stiamo scrivendo la storia. Salvini: stiamo lavorando

churchill
di ANGELO VALENTINO – Tutto il tira e molla sulla manovra economica ci rimanda indietro all’estate scorsa, quando si stava facendo il governo. Un giorno da pecora su Radio Rai, fece satira su due sparate da incorniciare. Di Maio uscendo dal vertice del Pirellone,  affermò: “stiamo scrivendo la storia”. E poi, “… speriamo di chiudere”. Salvini a ruota: “Fino...

Ma lo avete detto agli elettori che aumentate l’Iva al 26,5% e le accise per 400 milioni per coprire il debito della vostra manovra?

oe-farahani29
  di STEFANIA PIAZZO – Pur non essendo campione di conti, il cittadino qualunque davanti alla manomissione continuata delle promesse del governo, arriva da solo a capire che l’Iva aumenterà. Dicono di no, si sbracciano affermando il contrario, da Palazzo Chigi, ma il governo ha tenuto fede al vincolo che obbliga l’Italia, per far quadrare i conti del fiscal compatc,...

La rivoluzione dei gilet gialli è contro il capitalismo camuffato di progresso sociale

Protestors wearing yellow jackets face riot police officers on the Champs-Elysees avenue in Paris, Saturday, Nov.24, 2018. France is deploying thousands of police to try to contain nationwide protests and road blockades by drivers angry over rising fuel taxes and Emmanuel Macron's presidency. (ANSA/AP Photo/Kamil Zihnioglu) [CopyrightNotice: Jean-Francois BADIAS]
di GUERINO ROMEO – E’ sbagliato pensare che i gilet gialli sono pro-contro la  destra o sinistra. Le loro richieste non hanno colore politico, sono semplicemente richieste fuori dai  canoni della politica attuale che ci è stata imposta in modo quasi trasversale ma che non ha avuto la vigilanza della Sinistra mondiale, ormai assorbita e parte integrante del potere mondiale, se non addirittura...