Guadagnini: accordo con Grande Nord per attuare articolo 2 Statuto Veneto, cioè autogoverno

guadagnini
“Ho il piacere di comunicare l’accordo raggiunto tra il ‘Partito dei Veneti’ e la confederazione ‘Grande Nord’ per aggregare in un’unica famiglia i principali movimenti autonomisti e indipendentisti veneti, con l’obiettivo di arrivare all’autogoverno del Veneto, ovvero a un partito territoriale, sul modello del Svp nella Provincia Autonoma di Bolzano,...

Callegari: Grande Nord con Partito dei Veneti. Perché noi come i sudtirolesi, i catalani, gli scozzesi, i nordirlandesi

selfie grande nord
di Stefania Piazzo – Si chiama politica. E’ lavorare per un progetto comune, trovare i punti che legano, evitare i distinguo, guardare agli obiettivi comuni. Corrado Callegari come uomo di trincea da tempo aveva costruito una rete umana di rapporti col mondo dell’autonomismo e dell’indipendentismo veneto. Divisi si disperde energia, uniti la massa critica cambia e i rapporti...

Regionali, Grande Nord: è ufficiale, lista comune con il Partito dei Veneti

IMG-20191009-WA0010
In vista delle Elezioni Regionali 2020 la Confederazione di “Grande Nord” aderisce al “Partito dei Veneti” annunciando la propria adesione alla formazione di una lista comune con l’obiettivo del pieno autogoverno del Veneto. Giacomo Mirto, Coordinatore Regionale del “Partito dei Veneti” ha affermato: “Con l’adesione di “Grande Nord” salgono a 9 i movimenti pro-autogoverno che...

Regionali 2020: oggi presentazione accordo tra “Partito dei Veneti” e “Grande Nord”

Schermata 2019-10-08 alle 11.39.36
Mercoledì 9 ottobre alle ore 11.30 è convocata in Consiglio Regionale del Veneto la conferenza stampa per presentare l’accordo raggiunto tra il “Partito dei Veneti” e la confederazione “Grande Nord” in vista delle Elezioni Regionali 2020. Con l’adesione di “Grande Nord” salgono a 9 i movimenti pro-autogoverno che hanno aderito al progetto “Partito dei Veneti”. Durante la conferenza...

Meglio che il Nord abbandoni il bordello Italia, suggeriva l’Fmi…

nord
di ROMANO BRACALINI Il 5 maggio 2010 il settimanale britannico The Economist, che a differenza delle nostre gazzette, ha fama di non tacere le verità scomode e impopolari, ridisegnò la cartina d’Europa per riunire i vari paesi, o parte di essi, in un ordine più omogeneo e coerente. In questa nuova mappa, l’Italia settentrionale avrebbe dovuto far parte di una Confederazione del Nord, insieme...

Quando l’Europa diventa baraccone contro gli indipendentismi

europa 3
di MARIO DI MAIO – L’Unione Europea e’ un baraccone di un sovranismo più sovranista degli Stati sovrani che combatte in quanto contrari al suo obiettivo primario che notoriamente consiste nella costruzione di un continente globalizzato in tutto: dai diritti ai doveri, dalle religioni ai salari minimi. Ne consegue che l’ U.E. e’ anche nemica di ogni indipendentismo...

Veneti a convention per lanciare il Partito del Territorio. #NoSePolFarDeManco!

Schermata 2019-09-26 alle 15.32.26
riceviamo e pubblichiamo “Sabato 19 ottobre al Palageox di Padova, il #PartitoDeiVeneti convoca una grande convention in cui verrà presentata l’alternativa veneta ai partiti nazionali e centralisti. A quasi due anni dal referendum autonomista, dopo le promesse e rinvii dei vari Governi che si sono susseguiti, è giunto il momento che i veneti si dotino di un proprio Partito in grado di...

Rimpatri in Europa. Se sono volontari è un’altra presa in giro

rimpatri
di Mario di Maio – Un conto è contrastare la “disumana” politica del “fascista” Salvini in fatto di accoglienza e trattamento dei clandestini, e un ben altro conto spacciare per “storico accordo” la gita scolastica che hanno appena concluso a Malta una manciata di ministri che hanno potuto con l’occasione approfittare del clima particolarmente favorevole...

Del Zotto: Mestre non è Venezia, finalmente il referendum per tornare città autonoma

Schermata 2019-09-19 alle 20.10.32
di Pierangelo DEL ZOTTO – Venezia non è Mestre. Mestre non è Venezia. Il centralismo può unire forzatamente ma la storia chiede sempre il conto, anche se quasi un secolo dopo e con innumerevoli battaglie, scontri politici. Ne più ne meno come come altri Comuni, Mestre nel 1926 subì la fusione fascista a freddo unendosi a Venezia. Ma Venezia non è Mestre. Mestre non è Venezia. Se avesse...

Ma come può fidarsi il Nord di Salvini?

Schermata 2019-09-12 alle 15.18.59
di Riccardo Pozzi – Intendeva superare le argomentazioni storiche del leghismo, nazionalizzando il problema del regionalismo, invece ha finito per banalizzare la questione settentrionale riducendola ad una accozzaglia di rivendicazioni naif e fuori dal tempo, ha dato al movimento una snaturata connotazione di destra muscolare e decisionista, mentre la Lega aveva come postulato il non sporgersi...