E’ proprio vero che gli italiani non sono svizzeri

svizzeraimmi
di Mario di Maio – A Roma da sempre si fanno e si rifanno governi per tutti i gusti e per tutte le stagioni, circondati costantemente di scarsa credibilità, con le inevitabili conseguenze negative sulla governabilità del Paese. Un’infinità di volte si e’ cercato di assicurare una governabilità maggiore modificando le leggi elettorali, ma senza risultati apprezzabili. In sostanza...

Pontida, non pervenuta

pontida città
di Stefania Piazzo – E’ il Corriere della Sera e sono le 21,30. La prima notizia è Verona-Milan. La seconda è Accoltellato nel parchetto a Monza. La terza, Ezio Bosso che annuncia di non poter più suonare. La quarta, l’auto d’epoca in fiamme con padre e figlia che muoiono nell’incidente. La quinta, l’attrice Glora Cuminetti aggredita da un passante… Eccetera. Ma...

Noi senza Salvini

noi con salvini
di Cassandra- Da Noi con… a Noi senza Salvini. E non è solo per le defezioni che arrivano, a partire dalla Sicilia, quel Sud in cui Salvini aveva scommesso di raccogliere consensi. Non solo perché quel Sud ora avrà altri riferimenti e interessi politici da votare, quelli che ora hanno il potere e sono al governo… Sarà un Noi senza Salvini perché la casta postleghista dovrà fare...

Bracalini: le rivoluzioni partono sempre dal Nord. Roma è passato remoto

Milano_skyline
di ROMANO BRACALINI I motivi di incompatibilità li aveva intravisti lucidamente Filippo Turati, capo dei socialisti lombardi, pochi decenni dopo l’unità. La crisi di fine secolo, le sconfitte militari in Africa, il discredito dello Stato italiano favorivano le tentazioni separatiste sia al Nord che al Sud. La “questione morale” scuoteva il Paese. Si conveniva che non potesse durare una nazione...

Boni: marce su Roma inutili. La battaglia è qui

boni
di Davide Boni – Riflessione: per ottenere il cambiamento, ma non solo questa Autonomia (che siffatta, a costo 0, non vuol dire nulla), ma dell’inizio del percorso verso il Federalismo (più in là vedremo), vista la disponibilità (a parole, per ora) dei Governatori del Nord. Occorre manifestare qui: al Nord, presidiando e manifestando sotto le istituzioni del proconsoli romani (leggi prefetture,...

Con chi il Nord ha raggiunto il fondo del barile

PONTIDA
di Riccardo Pozzi –  Il punto politicamente più basso toccato da Partito Democratico, ex sinistra italiana, non fu una sconfitta elettorale o un qualche sfortunato passaggio parlamentare. Il fondo del barile lo toccò una scena di ”Aprile” , docufilm di Nanni Moretti che elaborava il lutto della vittoria di Berlusconi, quando il protagonista-regista, che interpretava sé stesso si mescolò...

Un bel dilemma: quale inaffidabile votare!

elezioni
di Valter Roverato – Il buon Giggino Di Maio, quando Salvini gli proponeva di tornare ancora a lavorare con lui, disse che non poteva in quanto per lui era diventato inaffidabile. Caro Gigi, se Salvini è inaffidabile, e qui ti si può dare ragione, cosa può essere il tuo “capo” Grillo che 5 anni fa dichiarava in diretta streaming che il PD rappresentava De Benedetti ed il “potere marcio”,...

Dopo 14 mesi Salvini si “barrica” in ufficio come giapponese che non si è accorto che è finita la guerra

Schermata 2019-08-26 alle 17.59.30
di Cassandra – Salvini dopo 14 mesi in cui ha occupato il suo ufficio al Viminale solo come “palcoscenico” per qualche post su Facebook, ora che vede la sua poltrona in procinto di nuova assegnazione, come un giapponese che non si è accorto che è finita la guerra si è barricato nel fortino. Che cosa faccia non si sa. Chiunque abbia avuto occasione di mettere il naso in un ufficio ministeriale...

Essere antieuropeisti, populisti, e schiantarsi contro al muro

Schermata 2019-07-17 alle 17.46.44
di Stefania Piazzo -C’erano una volta i leghisti che al tempo dell’elezione di Trump festeggiarono. Sergio Romano e Alberto Alesina sul Corriere della sera, ribadirono che tuttavia “Il bilancio finale di un mondo protezionista è sempre complessivamente negativo. Grazie alle tariffe doganali, i governi nazionalisti e protezionisti colgono qualche effimero beneficio elettorale, ma...

Ha ballato una sola estate

Schermata 2019-08-20 alle 20.38.00
di Stefania Piazzo – Nei primi anni ’50 non si faceva che parlare d’altro. Il film che ha scosso una generazione e rimesso in discussione costume e società è il capolavoro “Ha ballato una sola estate”, Leone d’oro a Berlino e l’anno dopo premiato anche a Cannes. Storia di un amore controverso, scandalizzò per gli evidenti nudi degli attori, che destarono...