Prima (o poi) gli italiani si stancheranno del reddito di cittadinanza farlocco, della Fornero appena ritoccata e della flat tax col binocolo

salvini napoli
di RICCARDO POZZI – Il Ministro degli Interni e Segretario di un partito una volta registrato come “Lega nord per l’indipendenza della Padania” si fregia quotidianamente di un consenso plebiscitario interno e di uno crescente esterno che sembrano mischiarsi con sapiente scaltrezza. Questo gli consente di  mantenere un atteggiamento molto muscolare sui suoi slogan e le parole d’ordine...

Il Foglio: La questione settentrionale sarà la fine del salvinismo

IMG-20180708-WA0027
di STEFANIA PIAZZO – Scriveva Dario Di Vico sul Corriere poco più di un anno fa che “la questione settentrionale è uscita dai radar politici da parecchio tempo e persino chi ne deteneva il copyright, la Lega Nord, nella versione lepenista di Matteo Salvini l’ha riposta nel cassetto. A rimetterla in circolo, all’improvviso, è stato (…) Carlo Bonomi che, al debutto da presidente...

Popolo e nazione concetti rivoluzionari non cadregari. Sinistra e destra lo hanno capito?

Destrasinistra
di SERGIO BIANCHINI – Avendo abolito i due concetti di popolo e di nazione l’intelligentino che prevale nei circoli dominanti e nei media italiani non capisce più niente. Accusando il popolo di essere un fifone e un egoista si sono tagliati da soli la possibilità di capire la situazione del paese e l’evoluzione dell’opinione pubblica che, nonostante le continue e massicce dosi di narcotico...

Cosa ci fa quel partito a Pontida? Lo spiega il rasoio di frate Occam

salvini premier
di RICCARDO POZZI –  Di tanto in tanto viene usato nei film di fantascienza ma è un concetto fondante della metodologia scientifica. E’ noto come il “rasoio di Occam” dal nome del frate francescano del 1300 che, in barba a tutti i nostri pregiudizi sull’antiscientificità della Chiesa, lo formulò facendo chiarezza a chi dell’analisi oggettiva faceva un metodo. Occam disse che, a...

Bracalini, arretratezza Sud? Frutto mentalità feudale dei sudisti

suditalia
di ROMANO BRACALINI – Non occorreva il recente disastro ferroviario in Puglia per capire come la burocrazia meridionale,con annessi servizi essenziali quali le ferrovie,sia incapace di gestire un paese moderno. Del resto non avremmo l’amministrazione pubblica più scalcinata d’Europa se la maggioranza di essa non provenisse dalle province meridionali.Fu nel primo ventennio dell’unità,con...

L’Italia salvinista, la nuova fede dopo la mutazione

GUEVARA CHE
di STEFANIA PIAZZO Hanno sempre detto che se ci fosse stata la Padania, sai che belle pensioni avremo avuto, senza l’Inps! Anche il doppio. E idem per le buste paga, agganciate al costo della vita. Eh già. Una previdenza regionalizzata. Invece non è andata così e non andrà così. Intanto però ci sono politici padani in pensione  che, in virtù delle intuizioni storiche avute 30 anni fa,...

La vera battaglia è liberarsi da Roma

salva roma
di MARCELLO RICCI La lotta del Nord per scrollarsi di dosso le zampe della Lupa Capitolina è battaglia vitale, non solamente perché Roma scarica sui Popoli padani i costi di una burocrazia meridionalista tanto pletorica e costosa, quanto inefficiente, su cui è stata costruita la battuta, ormai ampiamente diffusa “ ufficio complicazioni affari semplici” . Ciò detto la dipendenza da Roma comporta...

Senza rabbia e senza orgoglio, prima i voti. Quando la Sicilia chiederà di ripianare il deficit, quali saranno gli italiani che vengono prima?

Regione-siciliana
di RICCARDO POZZI – Della svolta nazionalista del Ministro Matteo Salvini si è detto molto da posizioni di dissenso regionale, oggi quasi del tutto silenziate dai brillanti risultati elettorali, ma poco dalla maggioranza interna che lo porta in trionfo. Il silenzio appare quasi surreale o addirittura cinese con sfumature bulgare e  l’adesione attillata alle nuove direttive ha mostrato una...

Bernardelli: Salvini ha costruito già l’alibi per far saltare tutto

destino_precario_01
di ROBERTO BERNARDELLI – E’ iniziata la luna di miele. Quanto può durare? Non in eterno. C’è una analisi, che condividiamo in pieno, di chi afferma che “Matteo Salvini è riuscito a costruire l’alleanza di governo con il Movimento 5 Stelle di Luigi Di Maio, e a presidiare i ministeri che aveva “chiesto” in campagna elettorale”. Ministeri da incasso elettorale...

Bernardelli: Salvini ha premeditato 84 giorni di campagna elettorale, per un niente di fatto e per voler uscire dall’euro

rosario salvini
di ROBERTO BERNARDELLI – La differenza che passa tra un veto e conoscere la Costituzione è tanta. Il Quirinale, che piaccia o non piaccia, quando firma l’elenco dei ministri, se ne assume la diretta responsabilità. E Mattarella, che può piacere o non piacere, non aveva altra scelta che rispettare le regole di cui è custode. Ha respinto la lista dei ministri di Salvini e Di Maio. Si...