Funziona la democrazia se il popolo non governa? Quando è il peso fiscale ad accendere le rivoluzioni…

no taxation heading
di ENZO TRENTIN – È impossibile non ammirare giornalisti come lo statunitense Chris Hedges, che riescono a descrivere la nostra condizione con una tale capacità di sintesi: «Ora viviamo in una nazione dove i medici distruggono la salute, gli avvocati distruggono la giustizia, le università distruggono la conoscenza, la stampa distrugge l’informazione, la religione distrugge la morale e...

Neanche Jules Verne avrebbe potuto avere più fantasia di magistrati e Lega: Il giro del mondo in 80 anni

49 milioni2
di STEFANIA PIAZZO – Jules Verne era un visionario. Anticipò i fax, i cellulari, le macchine volanti, gli elicotteri sopra le città, i treni superveloci… Ma mai avrebbe potuto immaginare un remake del suo capolavoro, Il giro del mondo in 80 giorni, trasformato dalla pace fiscale tra Lega e magistrati in Il giro del mondo in 80 anni. Non entriamo nel merito della sentenza che rateizza...

Il neopatriottismo salviniano non salva le imprese dalle tasse. Anzi, dice: viva Roma

di GIANLUIGI LOMBARDI CERRI –  Appartengo a quella vasta categoria di “cretini” (60% dei votanti) che ha votato NO, tuttavia non mi sono sbellicato dalle risa quando Renzi , nel suo discorso di chiusura non si è comportato da addolorato per aver perso, ma da incazzato. Tutti i discorsi fatti sinora dai politici, FAREMO, DIREMO, ecc. non servono a risolvere I problemi dell’Italia. Problemi...

Quei bastoni tra le ruote per il 15 settembre a Venezia. “Manifestate pure, ma fatelo in soffitta, senza farvi sentire”

Rinasce_la_Speranza_Padania_Venezia_15-settembre-2018_miniatura
di STEFANIA PIAZZO – Pensa ciò che vuoi, manifesta ciò che vuoi, ma fallo in soffitta. E’ senz’altro bizzarro che alla vigilia della manifestazione del 15 settembre a Venezia dei movimenti indipendentisti e autonomisti, autorizzata due mesi prima dalle autorità di pubblica sicurezza, arrivi l’invito “bonario” a scansarsi da quella piazza concordata perché altri...

Venezia 2018-Grande Nord, quelli che non vogliono morire leghisti. Il Nord ha bisogno di un Adriano Olivetti

IMG-20180915-WA0051
di STEFANIA PIAZZO – È esattamente il contrario. Non vogliono morire leghisti, nella lega denordizzata, come invece consegnano i sondaggi generosi al momento per il 30%  degli italiani. Una volta si doveva morire democristiani, oggi la vulgata suggerisce che occorre morire salviniani. La Venezia 2018, non è un fatto di numeri. Che fossero 500, 800 o 1000 tra le calli sabato 15 settembre,...

RITORNO DELLA NAJA? FUNZIONA SOLO IL MODELLO SVIZZERO. QUELLO DI SALVINI E’ STILE VENTENNIO

LEVA MILITARE
  di ENZO TRENTIN – L’incipit di questo articolo potrebbe essere un pensiero di Bertrand Russel: «Il problema dell’umanità è che gli stupidi sono stra-sicuri di sé, mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi» e pensiero per pensiero proseguiamo con quello del ministro degli Interni (non della Difesa) Matteo Salvini: «Da ministro e da papà vorrei che oltre ai diritti tornassero...

Il Sud ha politici che fanno i suoi interessi. Il Nord ce li ha ancora?

lombardia-sventola-10
di AGILULFO Sono Longobardo, si sa, e quindi ho la testa dura, e, allora, mi fido poco. Anzi, visto che mi sono fidato, oggi non mi fido più. Il nemico non è a Roma, come sbraita (o finge di sbraitare) ancora qualche padanista rimasto solo sull’atollo del 2%, e non è nemmeno a Bruxelles o a Strasburgo. Il nemico ce l’abbiamo in casa ed è una classe politica che ci ha usato solo come riserva...

PREPARAZIONE DEI PARLAMENTARI, i morti contano zero. Figuriamoci il resto

foto genova9
di GIANLUIGI LOMBARDI CERRI – Le ciarle delle comari, ovvero i discorsi dei parlamentari. Una domanda si aggira costantemente nell’aria italica: i Parlamentari devono essere culturalmente un campione della popolazione o devono disporre, rispetto alla media dei cittadini migliori esperienze politiche, gestionali e culturali? Noi siamo propensi ad una preparazione leggermente superiore alla...

Dal crollo del muro di Berlino al crollo del muro di Pontida. Comunismo e post-leghismo cos’hanno in comune?

berlino
di STEFANIA PIAZZO –  Ne hanno messo un po’ di tempo per venire giù ma alla fine la storia fa il suo corso. Gli errori degli uomini, e la loro avidità, l’accompagnano.Il comunismo aveva ancora una sua delimitazione geografica ma non poteva reggere in eterno, se non con propaggini ancora in Asia, anche se ce ne vuole a chiamare comunismo il capitalismo e l’imperialismo cinese....

Cacciari si vergogna dell’Europa? Beh, non è più quella di Adenauer e De Gasperi… ma la sua Sessantottina

Europa povera
di MARIO DI MAIO  – Massimo Cacciari un po’ rumorosamente si vergogna oltre che di Salvini “di tutta l’Europa”. Ne lamenta il cinismo, l’assenza di solidarietà (ci mancherebbe!) e l’assoluta incapacita’ a mettersi d’accordo tra singoli Stati causa generale egoismo. E fa bene a vergognarsi perché, piaccia o no, la responsabilità principale delle...