Il Meglio della Settimana - Page 2

Veneto, Callegari: la Regione incompiuta dei tromboni al potere

2

di Corrado Callegari – Leggo tre titoli di giornali e tiro le somme. Unioncamere Veneto fa causa allo Stato perché taglia gli investimenti alle imprese. Lo fa Unioncamere perché la politica non capisce… In 20 anni, da Galan a Zaia, Mose incompiuta tra le grandi opere: autonomia regionale incompiuta tra le grandi riforme. Trasporti. Siamo…

Regioni, dalla nascita per sfamare la sinistra, all’aborto della devolution e dell’autonomia per referendum

1

ùdi Stefania Piazzo – Non sono un esempio di virtù. Sono diventate la succursale della corruzione, del lontano dagli occhi lontano dal cuore. Come se essere disonesti, puttanieri o mangiare soldi pubblici in periferia fosse meno evidente rispetto al farlo a Roma. Le Regioni quest’anno fanno 50 anni.  Quelle ordinarie sono nate nel 1970. Quelle…

Citofonare Salvini

di Valter Roverato – Sappiate che se vi citofona qualcuno e vi chiede se per caso spacciate o commettete reati di altro tipo, potrebbe essere Salvini. Ennesima cavalcatamediatica fatta dal “capitano” del titanic-italia a carico di una famiglia bolognese: per la sua campagna elettorale, si è fatto consigliare da una signora di chiamare al citofono una famiglia i…

Cari veneti, forse potete liberarci solo voi dal Capitano

3

di Valter Roverato – Si spiega anche come mai da tempo non si vuole neanche più parlare di autonomia regionale: è perché si è deciso silenziosamente che non è un argomento “democratico”, la voleva la lega, e per questo non è degna della “patente” di democrazia, quindi è sovversiva, è contro l’unità del paese, crea…

Ma quale digiuno per Salvini! Bobby Sands si rivolta nella tomba

di Davide Boni – Siamo alla frutta, al paradosso, al varietà, al tutti a casa di Alberto Sordi. Premetto io avrei bloccato come ha fatto Salvini la Gregoretti  e la Diciotti così gli era stato chiesto dagli italiani così ha fatto e, bene ha fatto. Forse, un unico appunto una azione politica nel ruolo di ministro…

La lettera: Trenord, quel monopolio croce per i pendolari, delizia per i politici…

riceviamo e pubbblichiamo La rete ferroviaria lombarda è di 2.200 chilometri, con oltre 400 stazioni, 2.095 corse medie giornaliere, 750mila passeggeri al giorno e una spesa di esercizio che supera i novecento milioni di euro l’anno (quasi 2,5 milioni al giorno!) La gestione attuale, affidata a Trenord, società partecipata in quote eguali da Regione e da…

La casta è dura a morire, anche al Nord

di RICCARDO POZZI Le campane dei giornali e delle televisioni ci ricordano quotidianamente gli odiosi e, spesso, incomprensibili privilegi economici della casta politica,  quanto ci costi ogni parlamentare con tutto il cascame di miracolati che a lui fanno riferimento. I talk-show e gli approfondimenti di prima e seconda serata sembrano  non occuparsi di altro. Quando,…

Bernardelli, Rizzi e Boni: vogliono una “razza eletta” in Lombardia? Tagli ai disabili, vergogna mondiale

di Roberto Bernardelli, Monica Rizzi e Davide Boni – Quasi non ci credevamo. Era talmente impossibile immaginare che una regione come la Lombardia, sulla carta all’avanguardia in tutto, solidale, aperta, patria del volontariato, del cuore in mano, potesse generare un mostro: accettare supinamente il taglio ai fondi per la disabilità, perché “occorre risparmiare”. Di primo…

Pagliarini: Battiato lo cantava “Tra i governanti quanti perfetti e inutili buffoni”

1

di GIANCARLO PAGLIARINI* – Da giovane – ormai è passato tantissimo tempo – per 9 anni sono stato il vice presidente dell’Aiaf, l’Associazione italiana degli analisti finanziari. In quegli anni ho visto tanti di quei “crimini contabili” che non ne avete l’idea. Dai costi contabilizzati in deduzione del patrimonio netto iniziale acrobazia contabile nella quale dopo tante società quotate a New York si era “esibita” anche l’ultima Ferruzzi, al…

Il futuro non può girare in eterno attorno al dj del Papeete…

1

di Valter Roverato – Tutto ruota attorno a Salvini. Sembra che la politica e la vita di quel paese chiamato italia ormai la decida sempre e solo lui. Già, perché dallo scorso agosto, quando ha voluto mettere fine ad un governo che lo vedeva fra i protagonisti, se non “il” protagonista principale, è accaduto che…