Le leggi razziali in Europa, 1935-1938, convegno a Parma con Bracalini

razza
  Convegno “Le leggi razziali in Europa, 1935-1938”,  venerdi 09 novembre,  presso l’Auditorium della Associazione Parma Lirica,  in viale Gorizia,2  (Quartiere Oltretorrente). Italo Comelli  introdurrà la relazione di Romano Bracalini, giornalista e storico,  su “Le leggi razziali del 1938, 80 anni fa la legislazione antisemita in Italia”. Seguirà lo studioso...

Venezia, quella guerra dell’interdetto e la scomunica al Nord che non pagava le tasse

interdetto
di STEFANIA PIAZZO Dimenticato dai partiti e dalla politica, che si imbarazza a pronunciare il suo nome. Come di un passato o di una famiglia di cui vergognarsi d’essere parenti. Ci manca solo la scomunica poi il Nord è a posto. La prudenza è scambiata per intolleranza, l’amor proprio per egoismo. L’avversione alla gogna fiscale è contraffatta per eversione. Dire che non c’è...

Una Costituzione per due Italie non può funzionare

fascia tricolore
di ROMANO BRACALINI Una Nazione, dice lo storico francese Ernest Renan, non è una lingua o una religione. L’esempio della Svizzera, con tre o quattro lingue e due religioni, lo conferma. Ciò che fa una Nazione è la coscienza morale, insieme alla volontà di stare insieme. Ora, nell’Italia d’oggi non vediamo nulla che la raccomandi come Nazione, né la coscienza morale, né la volontà di...

Trattativa Governo-Referendum impantanata/ E senza mai citare Salvini, Maroni su Il Foglio scrive: Il Nord vuole l’autonomia vera

maroni
  di STEFANIA PIAZZO – E’ da un po’ che Roberto Maroni lavora di fioretto nella rubrica dei suoi Barbari Foglianti su Il Foglio. L’ultima in ordine di tempo è una scrittura veloce dedicata alla trattativa impantanata, ma non avevamo dubbi, per sbloccare l’esito del referendum dell’ottobre scorso di Lombardia e Veneto sull’autonomia. Il niente di fatto...

Noi abbiamo inventato la democrazia. Loro (indovina chi) la odiano

parigi islam
di ROMANO BRACALINI – Nella Sicilia musulmana i cristiani potevano praticare la loro religione, ma non potevano suonare le campane delle chiese o portare la croce nelle processioni, non potevano leggere la Bibbia entro il raggio dell’udito di un musulmano. Dovevano portare dei segni di riconoscimento sulle case e sui vestiti. Pagavano più imposte. Era vietato loro di bere vino in...

Il Corriere: “Il Sud ci fa sprofondare e allontanare dall’Europa”. Col populismo l’Italia resta a due velocità, non ci sono solo i barconi

di ROBERTO BERNARDELLI E STEFANIA PIAZZO – Barconi, Inps, pensioni sociali ai migranti. Da mesi è il solito refrain e non si parla d’altro. L’incasso elettorale è certo se la Lega di Salvini è al 30% facendo sparire Forza Italia, ammutolendo i  5Stelle utili comparse e spadroneggiando sui social in ogni istante. La sbornia mediatica fa dimenticare tutto il resto e per tutto c’è...

Trilogia del federalismo perduto. Per ora

federalismo
di STEFANIA PIAZZO – Il Federalismo, l’indipendenza, i referendum consultivi (di cui per ora dobbiamo accontentarci) sono  l’emblema politico della lotta tra il bene e il male. Tra libertà e oppressione. Tra democrazia e tirannia. Tra cittadinanza e sudditanza. Tra progresso e stagnazione. Tra speranza e rassegnazione. Tra un palazzo di vetro e una reggia tetra. Il Signore...

Destra e sinistra, difficile trovare le differenze

depretis
di ROMANO BRACALINI – Lanza e Quintino Sella, Crispi e Zanardelli: i primi rimisero in sesto i conti dello Stato con la politica di tagli e spese oculate, i secondi lo fecero fallire con i sogni di grandezza e la loro incapacità manifesta. È la storia del primo regno d’Italia. La Destra puntava al pareggio e ci riuscì. La Sinistra puntava all’impero e fallì. La prima rimise...

Siete pronti all’obiezione fiscale? Il grande sondaggio di Siamo Veneto

fisco2005a
di SIAMO VENETO – Esiste una differenza sostanziale tra l’evasione fiscale e l’obiezione fiscale. La prima è l’occultamento di reddito imponibile al fine di non pagare le tasse, sperando di non essere scoperti; la seconda è la decisione di non pagare le tasse autodenunciandosi per protesta contro lo stato. Nel primo caso si vuole ottenere un mero vantaggio economico personale, nel secondo...

Lettera al sindaco di Valdagno: una via ad Andrea Fiori e agli insorgenti del 1809

Tezze sul Brenta
 riceviamo e pubblichiamo Signor Sindaco  Dott.  GIANCARLO ACERBI  Comune di Valdagno Oggetto: Intitolazione di una via ad Andrea Fiori e agli insorgenti valdagnesi del 1809 Egregio Signor Sindaco, nel 1809 ci furono sollevazioni violentissime in tutto il Veneto e Valdagno fu uno dei centri più attivi dell’insorgenza veneta. Napoleone aveva portato la nostra regione in condizioni di miseria...