CAPORETTO e gli eroi della Patria. Quando Diaz chiese: ”Dò cazzo stà Vittorio Veneto?”

caporetto
di ROMANO BRACALINI –  La Prima guerra mondiale fu l’occasione che l’Italia cercava per mettere alla prova la forza e la concordia della Nazione. Ne rivelò invece la fragilità e l’impreparazione. I retori nazionalisti l’avevano presentata come “quarta guerra di indipendenza”.In realtà fu una guerra di aggressione e di conquista,cominciata per la liberazione delle terre irredente...

Miglio, il Nord? Cuore e cervello non vanno dalla stessa parte

miglio
di GIANFRANCO MIGLIO – L’ esercito in rotta è quello della partitocrazia (…). È cominciata la mobilitazione di tutti i partiti, grandi e piccoli, di tutte le consorterie, di tutti i giornali, dei settimanali, delle televisioni, di tutti gli scrittori, gli elzeviristi e i predicatori (ecclesiastici compresi) comunque interessati alla sopravvivenza del “sistema”. Più...

Stolta Europa. Quando Giovanni Paolo II gridò: non si tagliano le radici da cui si è nati

papa
di ANGELO VALENTINO – Nie podcina sie korzeni, z których sie wyroslo “Non si tagliano le radici dalle quali si è nati”. Angelus del Papa, 20 giugno 2004. Era la potente e sferzante reprimenda di Giovanni Paolo II contro l’Europa che aveva negato il riferimento alle sue radici cristiane nel Trattato costituzionale degli Stati. E lo fece nella sua lingua, non a caso, perché...

Come mai Lombardia e Veneto non sono ancora una macroregione?

macroregione
di SERGIO BIANCHINI – Ci sono nell’articolo di Polli, http://www.lindipendenzanuova.com/e-se-i-piu-fedeli-alleati-del-mondialismo-fossero-proprio-i-sedicenti-sovranisti/ sul concetto di nazione molte dichiarazioni facilmente confutabili. Ad esempio una:” Un feticcio che è anche e soprattutto un concetto fallace e mendace, inventato nell’Ottocento, quando le borghesie capitalistiche internazionali,...

Sabato 7 ottobre a Milano Stati Generali del Nord con Grande Nord

Si riunira’ per la prima volta sabato, all’hotel dei Cavalieri di Milano, il comitato d’indirizzo di ‘Grande Nord’, il movimento autonomista che raccoglie molti ex leghisti. L’appuntamento e’ per le ore 15, quando si svolgeranno quelli che vengono annunciati come gli ‘Stati generali del Nord’. La sigla promossa inizialmente dall’ex ‘serenissimo’...

Franco lässt grüßen: Spanien unterdrückt Katalonien. Franco manda i suoi saluti: la Spagna reprime la Catalogna.

sudtirol
        Spanien verfolgt alles und jeden, der sich irgendwie für das demokratische Selbstbestimmungsreferendum in Katalonien einsetzt. Unsere Landtagsabgeordneten Bernhard Zimmerhofer, Myriam Atz Tammerle und Sven Knoll sagen: „Hände weg von den katalanischen Bürgermeistern!“ La Spagna perseguita tutto e ognuno  che abbia attinenza con il referendum democratico in Catalogna....

Le due Europe che non mandiamo giù: dittatura e liberismo sfrenato, la repressione di Madrid e la spregiudicata Ryanair

ryan air
di ANGELO VALENTINO – Quello che sta accandendo in Catalogna, come ha detto il premier Gentiloni, non è una questione interna tra loro. E’ una questione che riguarda tutti noi, la democrazia e il diritto di parola così come il diritto all’autodeterminazione.  Mi sorprende il silenzio dei tanti “democratici” e anche dei “liberisti” o liberali, su questa...

Ogni Paese ha l’immigrazione che si merita

PEOPLE WAIT FOR A TRAIN IN KOSOVO
di ROMANO BRACALINI –  Dice un proverbio toscano: “Col tempo e con la paglia matura la sorba e la canaglia”. Ma, con tutte le distinzioni del caso, sarà possibile assimilare in una società civile ed evoluta lo spirito tribale “skipetaro”? Sarà possibile, secondo il vaticinio di chi “vuole abolire le frontiere”, integrare la confraternita del pugnale senza sconvolgere...

Pontida, i salami del potere

PONTIDA
  di STEFANIA PIAZZO – Alla luce dell’ultima Pontida, in cui la Lega abdica rispetto alle proprie origini, con l’uscita di scena di Umberto Bossi silenziato, con un movimento interessato a cercare le ragioni dell’unità tra Nord e Sud più che a rivendicare le ragioni di casa propria, quale scenario politico si intravede? Nebbia fitta. Quale progetto politico avanza?...

L’Europa nella profezia di 120 anni fa. Medioevo senza Rinascimento

Rue_Alfred_Fouillée_à_Paris
di ROMANO BRACALINI – Alla fine dell’Ottocento uno studioso francese, Alfred Fouillèe, scrisse un libro tradotto in Italia col titolo,”Temperamento e carattere”, nel quale si chiedeva come sarebbe stata l’Europa tra cento, duecento anni, e si provava a rispondere a questo arduo e affascinante quesito che assilla ogni generazione. E’ probabile che ai suoi tempi la profezia sarà...