Catalogna, sicurezza del referendum di ottobre. Si dimette il capo della polizia

Catalonia_is_not_spainNuova vittima eccellente della stretta indipendentista del governo regionale della CATALOGNA. Il capo della polizia regionale, Albert Battle si è dimesso dopo essere stato attaccato per il rifiuto a impegnare i suoi agenti nella sicurezza del controverso referendum sull’indipendenza previsto per il primo ottobre. Nel suo comunicato di saluto, Batlle si è detto certo che la polizia regionale continuerà a difendere i cittadini “con scrupoloso rispetto e soggezione alla legge”. Il governo centrale di Madrid si oppone al referendum, che considera illegale. La caduta di Battle è una conseguenza della stretta in seno al governo regionale guidato dall’indipendentista Carles Puigdemont, che venerdì ha destituito i membri dell’esecutivo considerati troppo timidi sul referendum. Fra le teste saltate, anche quella del responsabile dell’Interno, Jordi Jané, contrario a coinvolgere la polizia nella gestione del referendum. Il suo successore, Joaquim Forn, ha subito detto di non poter garantire la continuità di Battle sottolineando che gli agenti devono “garantire la sicurezza in modo che la gente possa votare tranquillamente”.

Print Friendly

Recent Posts

Leave a Comment